Le brioche di Mestre e dintorni per cui vale veramente la pena alzarsi la mattina

Pubblicato il 13 novembre 2022

Le brioche di Mestre e dintorni per cui vale veramente la pena alzarsi la mattina

Non so voi ma quando mi trovo di fronte a un buffet la mia prima domanda è: "Ci saranno?". E l'occhio cade speranzoso lungo tutta la tavolata alla ricerca di loro, i croissant salati. Morbidi, goderecci, uno delle poche avventure (gastronomiche) per cui davvero rischio di perdere il controllo. Non che la colazione sia da meno, perché l'accoppiata cornetto e cappuccino al bar è quasi una religione che a volte merita addirittura di puntare la sveglia 20 minuti in anticipo. La frase "ma chi me lo fa fare?" al primo trillo sorge spontanea, ma viene rintuzzata dal pensiero del matrimonio perfetto tra la dolcezza del croissant appena sfornato e l'amaro della tazzina di caffè. Pensatela come la volete, ma se questa tradizione resiste all'avvicendarsi delle stagioni un motivo ci sarà. Ed è proprio ciò che mi fa scendere dal letto prima del classico ultimo-secondo-utile. A quel punto c'è solo l'ultimo ostacolo da superare: non credo di essere l'unico a fare la faccia da tonno davanti al bancone del bar di fronte a un ventaglio di proposte che, negli ultimi anni, specie a Mestre e dintorni, si sta arricchendo sempre più soprattutto in fatto di impasti e lievitazioni. Rimango imbambolato per un po', poi dissimulo la mia indecisione puntando l'indice deciso: "Quello!", esclamo. Ma mi si legge in volto che avrei provato tutte le proposte per vivere maxpezzalianamente senza "nessun rimpianto, nessun rimorso".

Lo stellato


Da Chocolat, pasticceria-gelateria inaugurata nel luglio scorso in Galleria Matteotti e terzo "figlio" dei pluripremiati fratelli Marco e Claudio Zanette, il croissant è una religione al pari del loro famoso gelato premiato con 3 coni dalla Guida Gambero Rosso. Preparato con filologica precisione, il croissant spazia dalle farciture tradizionali al pistacchio di bronte per arrivare agli abbinamenti più insoliti, anche per pranzo. Una storia di successo tutta mestrina contraddistinta, anche dopo dieci anni dall'apertura del primo negozio, da passione e preparazione.
Gelateria Chocolat. Galleria Matteotti, 14 - Mestre (Ve). Tel. 3405590899

Il diverso


A Marghera c'è un locale dove si entra, si guarda il bancone e ci si sente già a Parigi. Si tratta di Bistrò La Piazza, dove il croissant, per chi come me piace viziarsi con qualche attenuante, lo si può provare anche integrale, vegano e senza zucchero. I più golosi, però, approveranno le farciture con crema pasticcera, cioccolato, pistacchio e marmellata di numerosi gusti differenti. Occhio però, ogni mattina dietro al bancone ci può essere la novità che ti fa svoltare la giornata, come l'altro giorno con il grande ritorno del croissant al cioccolato bianco. Chapeau!
Bistrò La Piazza. Piazza del Mercato, 1 - Marghera (Ve). Tel. 3477046506

Il partenopeo


Da Raia è subito Napoli, con tutto il suo fascino e, soprattutto, la sua dolcezza. Lo testimoniano i croissant sfogliati di dimensioni che solo alla vista stenderebbero qualsiasi dietologo e quelli che omaggiano la tradizione partenopea, soprattutto con crema e amarena. Bontà senza fronzoli, Salvatore sa come si fa.
Pasticceria Raia. Via Andrea Costa, 34/b - Mestre (Ve). Tel. 041988927

L'irregolare


Come dicono loro "i croissant sono irregolari perché artigianali". E hanno ragione: da Pasticceria Milady tutto è prodotto a mano per andare a rifornire un bancone che, dall'alba al tramonto, è da mille e una notte. Qui le cose si fanno "come una volta" puntando sulla qualità dei prodotti e su una professionalità che non teme confronti. Una vera istituzione a Marghera.
Pasticceria Milady. Via Trieste, 141 - Marghera (Ve). Tel. 041923989

Il parigino


Di recentissima apertura, La Lune Croissanteria è il sogno di Federico, Nicolò e Mattia, 3 giovani mestrini che puntano su velocità, qualità e simpatia. Qui le trattative stanno a zero: il croissant è religione e arriva direttamente dalla Francia. Si sceglie l'impasto (per chi preferisce c'è anche quello con quinoa e farro, ai 5 cereali o all'avena), si farcisce al momento e lo si gusta sul posto ma soprattutto take away. In un minuto si sta già dando il primo morso e si sta pensando a quale gusto provare la prossima volta tra pistacchio, crema pasticcera, nocciola, miele, albicocca, arancia amara, frutti rossi. Senza contare quelli salati preparati espressi.
La Lune Croissanterie. Via Giosuè Carducci, 9 - Mestre (Ve)

Lo storico


Dici Rosa Salva e dici storia. Storia di generazioni di persone che, dietro e davanti al banco, hanno intrecciato le loro vite affidandosi allo sterminata varietà di paste, bigné e, naturalmente, croissant. Una tradizione che affonda le proprie radici in laguna e terraferma fin dal 1879 e che, a Mestre, continua a essere d'attualità la mattina per colazione, a mezzogiorno per il pranzo, e nel pomeriggio per l'aperitivo. Una sicurezza.
Pasticceria Rosa Salva. Via Cappuccina, 17 - Mestre (Ve). Tel. 041988400

L'artigianale


Già la vetrina è tutta un programma, con una lunga serie di bollini Gambero Rosso che continuano senza sosta fino ad arrivare al 2022. Dal 1967 la Pasticceria Pettenò è infatti sinonimo di alta qualità soprattutto perché, in questo caso, è un'intera famiglia a saper mettere le "mani in pasta". L'avventura è iniziata grazie all'intraprendenza di papà Dino che, negli anni Settanta, iniziò a riempire la città dei suoi cioccolatini artigianali. Oggi come allora la consapevolezza della famiglia Pettenò è identica: la qualità delle materie prime è tutto. Così il burro utilizzato per i croissant è di prima scelta, la farina è macinata a pietra e la lievitazione non è mai inferiore alle 20 ore. Un panorama che viene arricchito anche da brioche vegane, prodotte con burro di cacao, olio extravergine di oliva e olio di riso.
Pasticceria Cioccolateria Pettenò. Via Mestrina, 25 - Mestre (Ve). Tel. 041972297

L'affare di famiglia


Volete vedere un laboratorio che sforna a pieno regime tutto il giorno? Andate da Ceccon, un'istituzione a Carpenedo dove da più di 50 anni grandi e piccini fanno la fila per provare bontà per tutti i palati. Da poche settimane da quel regno magico che è il retro del negozio esce anche il pan brioche, per chi volesse tradire (a malincuore) i croissant che qui si producono dal 1970, quando Paolo Ceccon, grazie all’esperienza maturata con i più prestigiosi maestri pasticceri veneziani, insieme alla giovanissima e intraprendente Maria Grazia, decise di aprire una pasticceria in Piazza Carpenedo. Ora la squadra si è allargata ai figli Francesco e Martina, che hanno portato quel tocco di innovazione nelle preparazioni e nella scelta dei prodotti che poggia comunque sulla solida base costituita dalle ricette di famiglia.
Pasticceria Ceccon. Piazza Carpenedo, 17 - Mestre (Ve). Tel. 0415340116

Il civettuolo


La "vetrina" per antonomasia di piazza Ferretto, dove si va per degustare e sorseggiare ma anche per guardare e farsi guardare. Pasticceria Bido è una tappa obbligata dello struscio, con quel bancone che, visto da fuori, deve essere molto simile al canto delle sirene che ammaliò Ulisse. Impossibile resistergli. In bella vista un trionfo di mignon, cioccolatini, praline e, immancabili, croissant e lievitati in genere. Si può scegliere tra marmellate di ogni tipo, crema pasticcera, pistacchio, cioccolato e molto altro, compresi i prodotti vegani. Un'offerta che guarda a Parigi, assorbe la tradizione italiana e, il più delle volte, sperimenta strade ancora poco battute.
Pasticceria Bido. Piazza Erminio Ferretto, 3 - Mestre (Ve). Tel. 041961841

Immagini dalle pagine Facebook dei locali corrispondenti.
Immagine di copertina di Ceccon
Foto di Bistrò La Piazza di Chiara Rigato

  • COLAZIONE
  • PASTICCERIA

scritto da:

Alessandro Nardo

Prima studente, poi studente-lavoratore ora lavoratore e basta. Amante di quelle buone cose che le nostre mani possono produrre in modo artigianale guidate da passione e professionalità. Cerco l'originalità nella tradizione e la tradizione nell'innovazione, perché un mondo standardizzato non fa per me. Meglio cambiare spesso ritmo.

IN QUESTO ARTICOLO
  • Bistrò La Piazza

    Piazza Del Mercato 3/4, Venezia (VE)

  • Gelateria Chocolat

    Galleria Matteotti 14, Venezia (VE)

POTREBBE INTERESSARTI:

Carne alla brace mon amour: i consigli di uno chef per farla "al bacio"

Perché il freddo non arresterà la nostra voglia di grigliare.

LEGGI.
×