A Despar il riconoscimento "Insegna dell'anno"

Pubblicato il 7 dicembre 2020 alle 20:35

A Despar il riconoscimento "Insegna dell'anno"

Il riconoscimento che premia le insegne più amate dai consumatori

Despar vince per il 2020 l'importante riconoscimento di "Insegna dell'anno" che premia le insegne più amate dai consumatori.

L’impegno nel garantire un alto livello di servizio e di sicurezza durante l’emergenza Coronavirus, le attività sul territorio e la qualità dei prodotti a marchio hanno contribuito a posizionare Despar tra i brand più apprezzati dal pubblico.

La ricerca e il riconoscimento 

Il titolo di "Insegna dell'anno" è stato assegnato preso atto dei risultati ottenuti da una speciale ricerca che, dal 2003, sottopone al giudizio dei consumatori il commercio al dettaglio per ogni nazione, secondo un’ampia serie di parametri come prezzo, assortimento, assistenza, servizio, competenza, informazioni, aspetto e facilità d’acquisto.

Oltre 200mila italiani hanno partecipato nel 2020 al sondaggio per scegliere, nelle diverse categorie merceologiche, i propri marchi preferiti e Despar è risultata al primo posto nella speciale classifica che paragona il gradimento tra i supermercati in Italia.

L'impegno di Despar

Ha dichiarato Harald Antley Amministratore delegato di Aspiag Service Despar Nord-Est: “In questo particolare anno, in cui i supermercati hanno avuto un ruolo ancora più centrale, questo premio ha un valore ancora più importante. Questo riconoscimento mette in luce la nostra capacità di eccellere in quello che noi consideriamo strategico: essere vicini ai nostri territori  e a tutti i bisogni dei nostri clienti, avere prezzi bassi, qualità del servizio e dei prodotti, ma anche essere buoni cittadini, capaci di risponde alla richieste della comunità e garantire sviluppo economico, temi sui quali ci siamo concentrati quest’anno nel Nord Est e in Emilia Romagna”.

Tema del lavoro quanto mai centrale in questa fine 2020. 

Continua Harald Antley : “In un anno il mondo è cambiato ma Aspiag Service ha continuato e continuerà a investire. Nell’anno della pandemia abbiamo avuto tre direttrici di investimento:
- apertura di punti vendita e supporto all’occupazione
- valorizzazione dei prodotti tipici e delle filiere locali come aiuto allo sviluppo delle produzioni autoctone
-  investimento nel settore ambientale e in quello della sicurezza, impegno"

E continua: Quest’ultimo, che ci ha permesso di ottenere, con largo anticipo rispetto alla normativa, la certificazione ISO 45001 che ha consentito all’azienda di migliorare ulteriormente gli standard precedenti. Questi elementi ci legano ai territori e ci legano ai nostri clienti, e questo premio è collegato a quello che vendiamo, a come lo vendiamo, ma anche e soprattutto a chi siamo”.

Nel 2020 Aspiag Service Despar Nord-Est ha infatti aperto 9 nuovi punti vendita diretti (nelle prossime settimane sarà inaugurato il Despar di Crespellano in Emilia Romagna) e continuato ad assumere personale. Sono circa 200 i nuovi colleghi che quest’anno sono entrati a far parte della nostra famiglia grazie all’apertura di nuovi punti vendita: di questi, 110 sono persone già esperte, integrate in azienda nell’ambito del consistente impegno, che ha riguardato in particolare il Veneto, a recuperare e ristrutturare due punti vendita preesistenti e destinati alla chiusura a seguito della crisi del gruppo cui precedentemente appartenevano.

Despar sul territorio

Aspiag Service conta a oggi circa 8.480 dipendenti e 85 punti vendita di proprietà in Veneto, 79 in Friuli Venezia Giulia, 23 in Emilia Romagna e 60 nelle province autonome di Trento e Bolzano, cui si sommano 323 negozi associati.   

Photo Credits: Photo by Peter Wendt on Unsplash          

  • NOTIZIE

scritto da:

Irene De Luca

Agenda, taccuino, registratore e macchina fotografica. Attenta alle nuove tendenze ma pur sempre “old school inside", vago alla ricerca di ispirazioni, di colori, di profumi nuovi per raccontare una Milano che poi tanto grigia non è.

POTREBBE INTERESSARTI:

San Valentino in lockdown? Ecco come lo vivremo

Cibo, amore e pandemia: un'indagine di TheFork prevede il 14 febbraio che ci aspetta

LEGGI.
×