Il sushi come non lo avevi mai provato: la ghost kitchen Polati Hidden Sushi raccontata da chi l'ha fatta nascere

Pubblicato il: 11 novembre 2020

Il sushi come non lo avevi mai provato: la ghost kitchen Polati Hidden Sushi raccontata da chi l'ha fatta nascere

C'è chi scende, c'è chi sale, c'è chi rischia. Fabio Polati, già patron di Polati Caffè Vino e Cucina, e la compagna Desiree Pedini hanno osato in un momento catartico per l'ambiente ristorativo, quello successivo al lockdown da Covid-19. Polati Hidden Sushi è una ghost kitchen, ovvero una cucina "gestita da remoto" da un altro ristorante e senza somministrazione diretta al pubblico. Non metterai mai piede da Polati Hidden Sushi, ad entrare e uscire dalla "cucina fantasma" sono solamente il personale dedicato, le materie prime e i piatti finiti per il delivery.

In gergo pokeristico si chiama all-in ed è la scommessa più alta avvincente che si può fare al tavolo da gioco. Ma quella di Fabio e Desiree non è un azzardo adrenalinico: è una decisione coraggiosa, sì, ma ponderata, frutto di un'esperienza consolidata nella ristorazione e della caratteristica che distingue un imprenditore lungimirante da un imprenditore improvvisato: la conoscenza del proprio territorio e dei nuovi trend internazionali.

Ciao Fabio, come vi è venuto in mente di aprire un dark kitchen votata al sushi?

Abbiamo pensato, progettato e avviato Polati Hidden Sushi in un paio di mesi. L'idea viene da un'osservazione semplice: a Piazzola mancava il sushi, figuriamoci in versione delivery. E l'idea di aprire la prima ghost kitchen della zona ci piaceva tantissimo. Così siamo partiti senza troppi indugi. 

Partiamo da una domanda essenziale: come si ordina il sushi della vostra ghost kitchen? 

Non ci affidiamo a servizi esterni e consegnamo a domicilio attraverso i nostri rider. L'ordine può avvenire tramite il sito web di Polati Hidden Sushi oppure via Whatsapp. Consegnamo tutti i giorni escluso il martedì dalle 18:30 alle 22, a Piazzola sul Brenta e frazioni, Limena, Villafranca, Camisano, Grantorto, Gazzo, San Giorgio in Bosco, Curtarolo e frazioni, Campo San Martino e frazioni e Carmignano di Brenta, Camposampiero, San Giorgio delle Pertiche, Fratte, Santa Giustina in Colle, Villa del Conte e Tavo di Vigodarzere.

Cosa distingue Polati Hidden Sushi da un qualsiasi altro "sushi"? 

Utilizziamo solo pesce di alta qualità come il salmone norvegese, il branzino delle Baleari e il tonno rosso di Sicilia (Yellowfin). Quest'ultimo, ad esempio, ci arriva intero e non al trancio, così i 30 chili di tonno vengono lavorati dal nostro sushiman. 

Ci vuole la maestria di un sushiman professionista per fare dell'ottimo sushi...

Certamente! Abbiamo "rubato" Mario da un importante ristorante sushi di Milano al quale era approdato dopo una lunga carriera tra Roma, Porto Cervo e Bormio. 

Quali sono le specialità di Polati Hidden Sushi? 

Il menù comprende piccoli starter, tartare e carpacci, sushi e sashimi, urumaki (anche in versione special), nighiri, sushi giò e temaki. Tra gli special consiglierei l'urumaki Cami con scampi, mayo giapponese, avocado, paté di capesante, tartufo e pasta kataifi; e il Brun con gambero in tempura, mayo giapponese, avocado, patè di salmone e tobico, con salsa teriyaki. 

Anche se è trascorso poco tempo dall'apertura ... com'è il bilancio? 

Sicuramente positivo. Siamo molto contenti di come Polati Hidden Sushi è stato accolto e, proprio per premiare i nostri clienti, abbiamo lanciato una super novità: le box, composte con piatti extra menù, a prezzi scontati. Si trovano all'interno del sito e sono ordinabili da mercoledì 21 ottobre. Poi, per non annoiare mai, proponiamo un piatto fuori menù a settimana. La nostra più grande ambizione è soddisfare a pieno tutti i clienti.

Foto di Lucilla Dal Pozzo - Assaporami Agency

  • CENA BLOGGER
  • RECENSIONE

scritto da:

Martina Tallon

Amo mangiare ma sono sempre a dieta, non riesco mai a stare ferma anche se alla guida sono un pericolo, adoro andare per locali però sono un po' tirchia. Le contraddizioni sono il mio pane quotidiano: mai prendersi troppo sul serio.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

La bellezza dei territori raccontata da 1700 sindaci in un Social Digital Contest

Più di 1700 sindaci partecipano al contest social per raccontare le bontà e bellezze del proprio paesaggio. Il giudice sarà Edoardo Raspelli

LEGGI.
×