Uno dei migliori brunch di Mestre lo abbiamo provato qui: la coccola della domenica mattina

Pubblicato il 29 giugno 2023

Uno dei migliori brunch di Mestre lo abbiamo provato qui: la coccola della domenica mattina

La domenica mattina per me significa dormire un’ora (ma anche due) in più, prendermi la giornata con calma per iniziare più riposata la settimana. L’unica pecca di questo programma domenicale è che a me piace fare colazione, ma svegliandomi tardi mi sento sempre in colpa nei confronti del pranzo. Insomma, per farla breve: vorrei mangiare sia la colazione che il pranzo, ma il rischio è quello di fare male entrambi per non rovinare nessuno dei due. Giusto per la serie “io e le mie contraddizioni”.

La soluzione più intelligente è sicuramente un brunch, ma sono troppo pigra per prepararmelo da sola quindi quale occasione migliore per provare un posto nuovo? Nuovo per me in verità, visto che questa gelateria pasticceria è presente in città ormai da anni.

Parliamo di Chocolat, in particolare quella in Galleria Matteotti, vicinissima alla Piazza.
Oltre ai gelati e ai semifreddi offrono anche prodotti da forno. Le brioche per la colazione le fanno loro artigianalmente, così come le torte: carrot cake, sacher e molte altre, che cambiano in base all’estro in cucina. Nel banco si trova anche piccola pasticceria, biscotteria e macarons.

Veniamo al dunque: le proposte per il brunch. Non aspettatevi i semplici pancakes con lo sciroppo d’acero. Cioè, ci sono ovviamente anche quelli, ma gli abbinamenti, sia quelli dolci che quelli salati, meritano decisamente un assaggio.

Noi abbiamo preso (e diviso a metà perchè si) un piatto salato e uno dolce, per provare tutto.


Per il salato i pancakes Norway: salmone affumicato norvegese, avocado, crema olandese, cream cheese, uovo in camicia. Credo di non aver mai mangiato dei pancakes più buoni: equilibrati e soffici, l’uovo perfettamente cremoso all’interno e l’avocado maturo al punto giusto. Una bomba!


La parte dolce di questo brunch, invece, è stata il french toast con sciroppo d’acero, cannella, frutti di bosco e panna montata. Io, di mio, non sono un’amante della cannella, ma qui ci stava da Dio. Un pan brioche imbevuto nell’uovo e fatto tostare nel burro. Soffice e gustoso.


Abbiamo assaggiato anche i pancakes Tokyo: matcha, salsa matcha, fragole, panna. Non serve che vi dica che erano buonissimi, giusto? In più io per la combo fragole e panna ho un debole, quindi sapevo che mi sarebbero piaciuti a prescindere.

Per €1di differenza si può avere l’impasto vegano, mentre per €1,50 l’aggiunta di gelato. Non è l’unica proposta per i vegani comunque, perché ci sono anche le brioches.

Il locale vanta una filosofia green e plastic free. Le materie prime utilizzate per tutte le preparazioni provengono da culture biologiche e chilometro zero e, da qualche anno ormai, vengono usati solo contenitori biodegradabili anche per l’asporto. Ad esempio, l’acqua è in bricchetti brandizzati Chocolat in Tetra Pak. Le gelaterie sono alimentate da energia verde e sì, hai letto bene: parlo al plurale perché oltre a questo locale, ci sono altri due Chocolat qui a Mestre. Uno è anche il laboratorio, situato in via Gino allegri 27, sempre vicinissimo alla Piazza, mentre l’altro si trova in Corso del Popolo 169/171.

Altre info utili valide per tutti e tre i locali: il lunedì è il loro giorno di chiusura, li troverete aperti dal martedì al giovedì dalle 7.30 alle 21.30, mentre dal venerdì alla domenica l’orario va dalle 7.30 alle 22.30.

A tutti i disagiati come me quindi, che vogliono dormire fino a tardi e non rinunciare né al pranzo né alla colazione, un brunch la domenica è davvero una coccola e Chocolat potrebbe diventare anche la vostra nuova destinazione preferita.

Gelateria Chocolat
Indirizzo: Galleria Matteotti, 14 - Mestre (VE)
Tel: 3405590899

  • CENA BLOGGER
  • RECENSIONE
  • BRUNCH

scritto da:

Camilla Bettiolo

Il mio cane esce di casa solo perché sa che mangerà un biscotto durante la passeggiata, ed io sono esattamente come lui. Chi mi conosce ha poche certezze: sono lunatica e un po’ acida, ma con il cibo mi si corrompe facilmente. A parte questo, mi piace anche scrivere.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

​I cinque cocktail più sexy nella storia della mixology, a partire dal loro nome

Eh sì, ogni drink racconta una vicenda, una storia che il proprio nome incarna, chiarisce o suggerisce…

LEGGI.
×