Panettoni dolci e salati, app, delivery: c'è una pasticceria a Lecce in cui il Natale è tutto nuovo

Pubblicato il 7 dicembre 2020

Panettoni dolci e salati, app, delivery: c'è una pasticceria a Lecce in cui il Natale è tutto nuovo

Abbiamo intervistato il giovane pasticcere leccese per sapere come si è organizzato in questo periodo e quali saranno le novità del Natale 2020

Il Natale si avvicina a grandi passi e anche in Salento, seppur con molta calma, le temperature hanno iniziato una lenta ma costante discesa. Parallelamente ci addentriamo in un periodo dove di dieta non si parla proprio, ma ci si concede ogni sfizio, dolce o salato che sia. Sì, perché con dicembre entriamo ufficialmente nel mese dove tutto (o quasi) ci è concesso, a maggior ragione in quest’anno bizzarro, in cui ogni uscita va giustificata; non è permesso incontrare parenti così come riunirsi con gli amici di sempre. Direi che dopo tutte queste privazioni, almeno il nostro palato dev’essere coccolato. Sempre con qualità. Io mi tolgo ogni voglia in pasticceria, da Stefano Bianco, che in questo periodo continua con l’asporto e il delivery. Abbiamo fatto due chiacchiere con lui e abbiamo cercato di scoprire i segreti delle sue preparazioni zuccherine, alle quali nessuno sa resistere!

Com’è organizzata la pasticceria in questo periodo?

Siamo aperti tutti i giorni dalle 6.30 fino alle 20, con servizio take away e delivery. Copriamo ogni momento della giornata, cercando di non far mancare niente alla nostra affezionata clientela. Dalla colazione italiana, con tutti i prodotti di caffetteria d’asporto, inclusi i nostri croissant, pasticciotti, bomboloni di ogni tipologia passando per le merende, con cioccolate calde, the, tisane, cappuccini e ancora tantissimi prodotti di pasticceria, tra cui un’ampia selezione di mignon, biscotti, cremini, torte di vari gusti, passando per il lunch con un menù dedicato, fino all’aperitivo salato con la rosticceria e le nostre proposte calde e fredde che stuzzicano l’appetito. Ovviamente continua anche la produzione di torte e monoporzioni personalizzate in base alle esigenze e per ogni ricorrenza, con l’aggiunta di confezioni regalo natalizie create ad hoc.

A tal proposito so che hai già dato il via alla produzione di panettoni artigianali. È così?

Sì. In questo periodo oltre a torroni, croccanti vari e cioccolatini da regalare, i veri protagonisti del laboratorio sono i panettoni, disponibili in diverse varianti. Tra i più gettonati rimangono sempre il Classico, con uvetta e canditi, il panettone Milano (solo uvetta e senza frutta candita), la variante con albicocche, cioccolato fondente e pasta di mandorle, la new entry con impasto al caramello e ripieno di crema sacher (cioccolato, albicocche e rum), e ancora quello con impasto al pistacchio con cuore cremoso al pistacchio e ricoperto da glassa al cioccolato (bianco o fondente a scelta), quello con l’impasto alla nocciola ripieno di nutella, quello al limoncello oppure, su prenotazione, quello ripieno di gelato (gusti a scelta).

Per gli amanti del salato, invece, so che proponi un panettone agrodolce…

Una specialità nata quest’anno, che vuole essere un’alternativa al solito panettone gastronomico che comunque facciamo su ordinazione. Si tratta di un panettone in versione salata, con impasto alla curcuma e ripieno di carciofi, peperoni, olive e cipolla semi candita. Un panettone agrodolce, ideale da tagliare come aperitivo. Essendo molto particolare è consigliata la prenotazione.

In che formati sono disponibili e quale il prezzo?

I nostri panettoni superano il chilo, ma su richiesta e su grandi numeri è possibile anche richiedere panettoni di diverse misure. Il prezzo del classico e del Milano è di 25 euro, mentre gli altri costano 28 euro. Visto il delicato momento abbiamo deciso di tenere i prezzi bloccati anche quest’anno.

Qual è il segreto per un buon panettone?

Innanzitutto bisogna saperlo fare e conoscere le tecniche. In secondo luogo risulta fondamentale l’utilizzo delle migliori materie prime disponibili sul mercato, dal burro al lievito madre, dalle uova ai canditi, dalle bacche di vaniglia ai ripieni. In ogni caso parliamo di tutti prodotti italiani certificati. E poi tanta lievitazione, almeno 48h.

Ma oltre ai panettoni c’è di più. Quali altri dolci natalizi stai sfornando?

Tantissimi dolcetti di pasta di mandorle, poi gli immancabili purcidduzzi salentini (a Napoli si chiamano struffoli), i quaresimali, la versione leccese dei cantucci con mandorle nere baresi e doppia cottura, ottimi se abbinati a un passito locale, la tipica cotognata e poi marmellate e confetture artigianali di ogni tipo.

E come funziona il delivery?

A Lecce la consegna a domicilio è gratuita con un minimo di 10 euro di spesa, fino a 20 km il contributo richiesto è di 2 euro, mentre oltre i 20 km si parla di 5 euro. Poi ovviamente ogni calcolo viene effettuato al momento dell’ordine, in base all’acquisto e alla distanza.

Fai anche prodotti gluten free?

Su prenotazione sì. Siamo attrezzati per preparare qualsiasi dolce senza glutine. Considera che già la maggior parte delle nostre preparazioni è gluten free.

Sarà un Natale speciale. Perché?

Perché tutto è cambiato, senza però lasciarci alcuna certezza. Nonostante le difficoltà, già dallo scorso lockdown ci siamo organizzati al meglio in modo da non lasciare mai sola la clientela e continuando a offrire i nostri servizi. Allo stesso modo abbiamo continuato ora, ma speriamo di poter riaprire al più presto le porte della nostra pasticceria e accogliervi tutti.

A breve in arrivo anche un’app dedicata per le prenotazioni online, giusto?

Esatto. stiamo creando una piattaforma dove registrarsi ed effettuare direttamente le ordinazioni online tramite un QR code. Seguiteci sui social per restare aggiornati sulle novità.

Orari di apertura

Tutti i giorni dalle 6.30 fino alle 20.00
Le ordinazioni si possono fare telefonicamente o via whatsapp al numero 329 762 9380, tramite messenger o anche Instagram.
Via Salvatore Nahi, 47 – Lecce
 

  • GLI ADDETTI AI LAVORI

scritto da:

Laura Sorlini

Vanta un’esperienza giornalistica competente e versatile maturata in anni di redazione. Appassionata di enogastronomia e turismo e sommelier, è alla continua ricerca di aspetti ed eventi da raccontare nelle rubriche che cura periodicamente per alcune delle più autorevoli riviste di settore.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

​Se ne parla seriamente: riaprire i ristoranti di sera all'aperto e coprifuoco fino a mezzanotte

Regioni, ma anche parte del Governo, stanno valutando seriamente di riaprire a breve giro compatibilmente con la situazione epidemiologica.

LEGGI.
×