Al Piccadilly il nuovo menu estivo che ci accompagnerà per tutta l'estate

Pubblicato il: 14 aprile 2017

Al Piccadilly il nuovo menu estivo che ci accompagnerà per tutta l'estate

Al Piccadilly Fabrizio e Silvia, i proprietari, non stanno mai fermi, cambiano il menu, arricchiscono di etichette la cantina, incrementano la carta degli champagne, tutto per dare ai loro ospiti un servizio sempre migliore e all’altezza delle aspettative.
Il menu che abbiamo provato giorni fa è ricco di mare e di freschezza. Il pesce viene lavorato da crudo (o da vivo, come nel caso della granseola che fa da protagonista a un primo piatto, must del locale) direttamente in cucina, dove arriva il pescato del giorno ogni mattina.

Il locale, con 60 posti a sedere fuori, nel dehors (dove è anche possibile fumare) e circa una ventina dentro, vi aspetta dalla mattina fino a tarda notte, per colazioni, pranzi, aperitivi e serate a tema, come quelle dedicate alla mixology (bere miscelato di qualità) o cene degustazione con menu a prezzo fisso che i proprietari organizzano il Sabato, dove a cantine e produttori di vini si accostano piatti scelti ad hoc per gustare ed esaltare i sapori nel connubio cibo-vino (per questi eventi è richiesta, ovviamente, la prenotazione). Le cene sono spesso miste, proponendo piatti di carne o di pesce a seconda del miglior abbinamento con i vini proposti, come per esempio quelli della cantina La Tunella (Friuli Venezia Giulia) accostati a piatti della tradizione culinaria della stessa regione o la serata con piatti siculi e prodotti vinicoli della Cantina Barone di Serramarocco, giusto per fare un paio di esempi e render l’idea.

A prescindere da serate ed eventi a tema, il Piccadilly vi attende, da qualche giorno fino a tutta l’estate, questo nuovo menu di cui ho potuto assaggiare alcune interessanti proposte.
Consigliatissimo, perché è di quei connubi che non t’aspetti ma che – dopo che li assaggi – non puoi pensarne di migliori, il piatto di tagliatelle di seppia arricciate su crema di piselli aromatizzata all’olio al tartufo bianco Salvini, rivisitazione dell’accoppiata – seppia (cotta alla perfezione) e (crema di) piselli, con il sentore di tartufo bianco a completarla, nella sua geniale semplicità. In menu anche Gamberi lardellati con guanciale al Brandy su salsa aioli (che sarebbe aglio e olio) e una selezione di ostriche Royal De France per gli amanti del crudo.
 

Passando ai primi troviamo il piatto, poc’anzi citato, che resterà fisso in menu quasi a simbolo distintivo del locale: le trenette “Mancini” con Granseola e pomodorini Piccadilly, bellissime e scenografiche alla vista, ottime al palato, un piatto divertente e succulento, sicuramente da provare. Restano comunque in menu i piatti della classica tradizione romana per cui non mancheranno cacio e pepe o carbonara per andare incontro ai gusti dei più nostalgici.

Tra i piatti proposti come secondi (oltre al Mozzarella Bar che resta e vi consiglio di provare, perchè è un modo originale di accostare la mozzarella di bufala con ingredienti gourmet) ampio spazio al pesce, con tonni e pesce spada interi lavorati direttamente in cucina, da cui escono tranci di tonno in panure di sesamo e papavero servito su un’inebriante riduzione di Morellino di Scansano o piatti con il pescato del giorno, cotto al forno e servito con verdure di stagione. Interessante la proposta di salmone scozzese su fonduta di gorgonzola DOP e erba cipollina.

In ultimo, i dessert, stravolti anch’essi rispetto al menu invernale, dove troviamo la freschezza del Frollino, un divertente tortino a strati di frolla intervallato con crema pasticcera e completato con una colata di caffè espresso o una mousse al cocco su base di crema alla nocciola piemontese.

Una menzione a parte merita la cantina, quando ho provato per la prima volta il Piccadilly erano presenti 162 etichette, oggi la carta dei vini è cresciuta fino a raggiungere le 242 etichette, a cui se ne aggiungono quasi 70 di Champagne. La possibilità di varietà – in quest’ultimo caso – e la possibilità di bere champagne anche a prezzi accessibili è favorita dalla scelta di piccoli fornitori, vignaioli di aziende di dimensioni modeste che possono vendere un prodotto di qualità a costi inferiori rispetto alle solite e rinomate etichette francesi.
 
Piccadilly - Via Appia Nuova, 127
00182 Roma
Tel. 0697614438
Apertura: Martedì-Domenica dalle 7:00 alle 2:00

 

  • RECENSIONE
  • APERITIVO
  • BRUNCH

scritto da:

Naima Tomaselli

Giornalista, laureata in comunicazione, fotografo, cucino, parlo di food e non solo, recensisco ristoranti, libri ed eventi su siti del settore. Chiacchiero, polemizzo e faccio la morale ma scrivo anche ricette sul mio blog “Cucino da Vicino”. Nel resto del tempo: vivo.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

​Tutto quello che devi sapere sulla vino-terapia in Italia: 10 location che uniscono enogastronomia e relax

10 Spa che vanno dalla montagna al mare, passando per le colline del centro Italia.

LEGGI.
×