Giallo Veneto: il pranzo autunnale sul Lago di Garda si fa

Pubblicato il: 9 novembre 2020

Giallo Veneto: il pranzo autunnale sul Lago di Garda si fa

L’ironia e la fame sì sa, non passano mai. Ecco perché, nonostante il triste periodo, noi di 2night scegliamo di scendere sul ring e continuare a combattere assieme a voi, ristoratori e clienti, ponendoci come tramite per aiutare l’uno e accontentare le papille gustative dell'altro. Il Veneto è in fascia gialla, questo significa che un pranzo nel nostro amato Lago lo possiamo ancora fare. Muoviamoci (muniti di sale in zucca e rispetto delle regole). Di questi tempi, ogni lasciata è persa.
 
Finché il sole è alto allora, sfruttiamo quel paradiso a due passi da casa che è il Lago di Garda per una piccola scampagnata, un aperitivo, un pranzo veloce o sontuoso, o perché no, anche solo un caffè, perché tutto oggi può e deve fare la differenza. Noi compresi.
Tra Bardolino e Castelletto di Brenzone, tra Garda e Peschiera le possibilità non mancano anzi, ci sono paesaggi e proposte adatte a ognuno, compreso l’amico sportivo instancabile (per lui obbligatorio il Sentiero del Ponale).
Insomma: tu sii positivo nonostante tutto e scegli cosa fare della tua giornata, io ti dico dove pranzare tra piatti tipici e non, con focus sui prodotti di un autunno che - ironia della sorte - più colorato non si è mai visto. Mi sembra un buon compromesso, no?!

A Bardolino 

Carpaccio di manzo con tartufo e grana a scaglie, tagliatelle al tartufo, ravioli di faraona con tartufo e grana, tagliata di filetto di manzo con tartufo, cotoletta di tacchino con formaggio e tartufo e ancora schiacciata con brie zucchine e tartufo. Insomma al Ristorante Pizzeria La Formica in questo periodo non conviene proprio andare se il tartufo non è tra la tua top 3. Viceversa? Hai appena trovato il tuo Eden. A completare l’offerta di questo paradiso nel pieno centro di Bardolino, ben due sale interne, intime e raffinate. Per il plateatico esterno invece, magari ne riparliamo più avanti.
La Formica, Piazza Lenotti 11, Bardolino (VR) – Tel. 045 7211705

A Garda 

A due passi dal lungolago un localino dove il tempo sembra essersi fermato: arredi tipici dell'osteria veneta, qualità da chef stellato, abbondanza da piatto italiano. Si chiama Osteria Caffè Amaro e, a Garda, è tra le mie tappe preferite quando voglio sedermi e mangiare qualcosa di tipico, e perché no, anche di stagione. Cosa ordinare in questa magica stagione? Ovviamente l'antipasto doc: polenta con funghi, soppressa, gorgonzola e aringa. Io continuerei poi con crema di zucca o tagliatelle con i porcini, il piatto autunnale per antonomasia. Ancora fame? Tocca il brasato all'Amarone con polenta. 
Osteria Caffè Amaro, Piazzale Roma 2, Garda (VR) - Tel. 3466332296 

A Peschiera del Garda

Da Osteria Rivelin la tradizione e il sapore dell’autunno si respira sulla porta d’ingresso (e pure con la mascherina addosso). I tavoli in legno, i mattoni a vista come le bottiglie di vino, tante, tantissime bottiglie di vino e il cibo sulla tavola. Cosa c’è di meglio? Il menù: tagliere di formaggi scelti in malghe e piccoli caseifici con mostarde e marmellate fatte in casa (lo senti l’inverno fuori?), fasoi imbognè servito con polenta (il fuori menù di questo mese), zuppa di cipolle (per scaldare il cuore), costine di maiale glassate al Lugana (non serve presentarle) e pere cotte al valpolicella (quasi come te le faceva mamma da piccolo). Che altro dire?
Il ristorante è aperto tutti i giorni dalle 12 alle 14, martedì escluso. 
Osteria Rivelin, Via Milano 1, Peschiera del Garda (VR) – Tel. 0452526048

A Valeggio sul Mincio

Lo so lo so, teoricamente non siamo proprio sulla sponda veronese del Lago di Garda, ma come potrei non inserire questo magico paesino tutto da scoprire e ammirare, a pochissimi passi (in macchina) da Peschiera sul Garda e ad un’oretta dal centro di Verona. Qui, dove il tempo sembra essersi fermato e i tuoi occhi saranno catturati da una bellezza particolare, sorge il Pastificio Remelli, senz'ombra di dubbio tra i miei preferiti. Qui come è consuetudine il vero protagonista è il tortellino, servito in tutti i ripieni e colori: dal petto d’anatra al baccalà, dalla zucca ai famosissimi “tortellini di Valeggio”. Per provare di tutto un po’ io consiglio sempre di scegliere il piatto degustazione, e se poi c’è ancora spazio ovviamente anatra. Attenzione: puoi prendere tutto anche take away così anche la cena è fatta!
Pastificio Remelli, Via Alessandro Sala 30, Valeggio Sul Mincio (VR) - Tel. 045.7951630


Foto interne reperite nelle rispettive pagine social.
Foto di copertina de La Formica di Marco Bissoli

  • ANDARE PER BORGHI

scritto da:

Anna Iraci

Nata a Padova qualche anno fa, appassionata di film gialli e pizza diavola, meglio se assieme. Giocatrice di pallavolo nel tempo libero e, nel restante, campionessa di pisolini. Saltuariamente (anche) studentessa. Da grande voglio scrivere, ma siccome essere grande è una rottura, intanto bevo Gin&Tonic. Con il Tanqueray però.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Presentata la nuova guida 'I Borghi più belli d'Italia' con realtà aumentata

Una grande novità per vivere i borghi, anche a distanza

LEGGI.
×