I tavoli più belli e particolari di Treviso e provincia dove prenotare un pranzo o una cena

Pubblicato il: 27 marzo 2018

I tavoli più belli e particolari di Treviso e provincia dove prenotare un pranzo o una cena

Per organizzare la cenetta perfetta, o il pranzo delle meraviglie, scegliere il locale giusto è condizione necessaria, ma non sufficiente. Ci vuole pure il tavolo. Perché anche nei migliori ristoranti c’è sempre un posto troppo vicino ai bagni, alle cucine, alla porta d’ingresso: zone dove tutta la magia e l’atmosfera che avevi immaginato se ne vanno a zoccole, per usare un francesismo.
Per fortuna esiste anche il rovescio della medaglia. In tutti i migliori ristoranti c’è sempre qualche tavolo (talora uno soltanto) che i clienti più svegli fanno a gara per accaparrarsi... E il motivo è presto detto.

Un tavolo “sospeso” sull’acqua

Una cenetta gourmet innaffiata da 700 diverse bottiglie, italiane e francesi, per tutti i gusti e tutte le tasche (o quasi). Il ristorante Med del Quartiere Latino, uno degli angoli più moderni di Treviso centro, tra un dehors in piazza e una zona osteria, ha pure la sua saletta romantica, lussuosa e di grande atmosfera. Se sei in dolce compagnia, ti consiglio caldamente di prenotare un tavolo sull’acqua… Con le luci a pavimento che illuminano lo scorrere del fiume sotto i piedi tuoi e della tua dolce metà.

Tra fiume, lampadari e geometrie di classe

Una cena in grande stile affacciati sul fiume, ma restando all’interno del ristorante, nel caldo tepore di un locale storico e prestigioso. Per goderti quest’esperienza devi prenotare un tavolo tondo, nella terrazza interna del ristorante Le Beccherie, che guarda l’omonimo canale. Oppure, se desideri qualcosa di assolutamente esclusivo, puoi invece prenotare l’unico tavolo quadrato presente nella “casa del tiramisù”, dominato da una maestosa lampada a sospensione in rame.

Nel giardino segreto di H-Farm

La mecca dell’innovazione digitale mimetizzata fra il cinguettare degli uccellini, il sussurrare delle piante e lo scorrere di un fiume. Immersa nelle campagne di Roncade, a metà strada fra Treviso e Jesolo, H-Farm è un sogno ad occhi aperti. Un sogno in cui abbiamo pure la possibilità di mangiare: all’osteria Le Cementine la scintilla innovatrice che permea tutto il campus si riversa tra tavoli e fornelli. E a proposito di tavoli, con l’arrivo della bella stagione ti suggerisco di prenotarne uno all’aperto, nei pressi della serra “H-Orto” da cui lo chef attinge a piene mani per cene, degustazioni e brunch.

Il più bello dei cento orizzonti

Asolo, Asolo mia. La cittadina dove Gabriele d’Annunzio veniva ad amoreggiare con Eleonora Duse, e da cui Robert Browning spediva lettere al miele alla sua Elizabeth, è meritatamente considerato Uno dei Borghi più Belli d’Italia. Tra i famosi cento orizzonti che offre la fiabesca scenografia asolana, il mio preferito è quello che ammiri dalla Trattoria Ai Due Mori. D’estate puoi prenotare un tavolo sulla terrazza all’aperto, in inverno nella loggia vetrata: in entrambi i casi mangi affacciato sulla vallata.

Prenota in anticipo... tanto anticipo

In un articolo che parla di tavoli esclusivi dove prenotare, non si può citare la Locanda Rosa Rosae. Qui non uno o due soltanto, ma tutti i (pochi) tavoli del locale sono capolavori d’arte scenografica, che ti trasportano nella magia di un mondo sospeso nel tempo, come dentro una fiaba. Ecco perché se vuoi coltivare concrete chance di trovare il tuo tavolo, farai meglio a prenotarlo con mesi d’anticipo.

Immagine di copertina: Trattoria Ai Due Mori
Resta aggiornato sul mondo dei locali: iscriviti alla newsletter 2night

  • CENA
  • PRANZO
  • APERITIVO

scritto da:

Alvise Salice

Con lo pseudonimo di Kintor racconto da anni i miei intrattenimenti. Sport e hi-tech gli amori di gioventù; mentre oggi trovo che viaggiare alla ricerca di culture, gusti e sapori della terra sia la cosa più bella che c'è. O magari la seconda, via.

POTREBBE INTERESSARTI:

Cortina da mattina a notte inoltrata: colazione da Lovat e quattro salti al Vip non si negano a nessuno

Perché la perla delle Dolomiti, in alta stagione, non dorme mai.

LEGGI.
×