Versilia addio: d'estate il pesce lo mangio all'aperto a Firenze

Pubblicato il: 25 agosto 2019

Versilia addio: d'estate il pesce lo mangio all'aperto a Firenze

Il ritorno dalle vacanze è sempre traumatico. Ancora più traumatico è rimanere in città d'estate, mentre i tuoi amici pubblicano sui social le loro migliori foto in costume sulla spiaggia di qualche isola. Eppure c'è un vantaggio per un foodie in tutto questo: trovare sempre un parcheggio e un tavolo nel ristorante che volevi provare da un po'. Magari all'aperto, quando ancora il tempo lo permette, mangiando un buon piatto di pesce, che ti faccia dimenticare per la durata di un pasto di essere in città. Ecco, allora, i ristoranti di Firenze dove mangiare il pesce all'aperto:

Piazza Leopoldo

Uno dei miei ristoranti preferiti per mangiare il pesce all'aperto è i 7Scogli, a pochi passi da piazza Leopoldo. Dopo aver varcato l'ingresso, non sembra neppure di trovarti in questa zona di Firenze: tutto rimanda al mare, dai toni del blu e dell'azzurro degli arredi alle piastrelle di maiolica al bancone del bar, fino al giardino, con un'area lounge con sdraio dove godersi il dopocena. Una delle specialità di Ugo, chef del ristorante, noto per il suo locale di Capraia Il Corsaro, è lo Spaghetto 7 Scogli, con frutti di mare, dadolata di calamari, seppie, polpo e gamberetti. Non dimenticare di farti consigliare da Gennaro la birra da abbinare al piatto.

7Scogli - Via Pietro Cironi, 4r - Firenze. Tel: 055496225 . 

San Frediano

E' tra i migliori ristoranti di pesce di Firenze, Il Cestello, che prende il nome dall'omonima piazza, nella zona di San Frediano e dell'Oltrarno fiorentino. Al suo interno puoi scegliere dal banco il pesce e anche la sua cottura. E che dire dell'ambiente: raffinato e studiato persino nell'illuminazione, proprio come la presentazione dei piatti, mai lasciata al caso. Il Crudo è imperdibile, magari preceduto da un drink del bar, da consumare rigorosamente nel dehors che si affaccia sulla piazza.
Ristorante Cestello, piazza del Cestello 8, Firenze - Tel. 0552645364 

Sant'Ambrogio

E, a proposito di crudo, uno dei miei preferiti in città e più alla portata di tutti, è quello di Vivo, in piazza Annigoni. Se non conosci il format, si tratta di un'idea di una famiglia dell'Argentario, che ha deciso di mettere a disposizione dei clienti  la sua esperienza in fatto di pesca. I frutti di mare sono speciali e, soprattutto, sicuri e tracciabili. Anche i piatti del giorno, che variano quasi ogni giorno e spesso a base di pesce povero dei nostri mari, meritano l'assaggio. Il ristorante dispone di tavoli all'aperto, dove puoi goderti una cena al fresco nella bella stagione.
Ristorante Vivo, Largo Pietro Annigoni 9 A/B, Firenze - Tel. 3331824183

Santa Maria Novella

Una new entry tra i ristoranti di pesce di Firenze, La Pescatoria, tra Santa Maria Novella e Porta al Prato. Di questo locale mi piace la formula trasversale: dalla pausa pranzo all'aperitivo, a base di tapas marinare, sempre diverse, in base alla stagionalità dei prodotti, fino alla cena alla carta, arricchita dalla scelta di etichette nazionali della cantina. Anche qui non manca all'ingresso un bel banco di crudo, da cui poter scegliere, Da non perdere il Polpo arrosto, la Frittura e i sorbetti artigianali, ideale fine pasto per una cena di pesce.
La Pescatoria, via del Palazzuolo 80 R, Firenze - Tel. 0552657782

Maiano

Basta mettere piede appena fuori Firenze, in direzione Fiesole e, precisamente, alle Cave di Maiano, per una cena di pesce all'aperto, circondato dalle colline che cingono Firenze. Il ristorante si chiama Cavemare e gode di un grazioso patio e di una terrazza dove puoi assaporare crudo di pesce, piatti della tradizione mediterranea, senza rinunciare ad un tocco di ricercatezza. Da amante degli antipasti, ti consiglio la Degustazione di antipasti e, in generale, i "Grilli" del Cavemare.
Cavemare, via Cave di Maiano 18/20 Fiesole (FI) - Tel. 055599963

Foto di copertina courtesy of 7Scogli. 
 

  • MANGIARE ALL'APERTO

scritto da:

Maddalena De Donato

Lucana di nascita e fiorentina di adozione, ho scoperto in Toscana i veri piaceri della vita: mangiare bene, bere ancora meglio, viaggiare, condividere, ma soprattutto scrivere. L'unica arma che tollero è il cavatappi e scoprire nuovi locali è una dipendenza da cui non riesco ad uscire. Non a caso il mio blog si chiama Mad Tasting.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Le migliori Osterie d'Italia, i premiati tra piatti della tradizione e osti che la sanno lunga

Le menzioni della Guida alle Osterie d'Italia 2020 di Slow Food, giunta all'edizione numero trenta (e sempre fonte affidabilissima).

LEGGI.
×