Se il pranzo al rifugio non ti è bastato, ecco dove chiudere la giornata al rientro dalla Lessinia

Pubblicato il: 27 maggio 2020

Se il pranzo al rifugio non ti è bastato, ecco dove chiudere la giornata al rientro dalla Lessinia

Se ci segui e ascolti i nostri consigli da un po’ allora come noi forse al Giro d’Italia preferiresti sempre il giro pizza, al salto con l’asta magari meglio i saltimbocca alla romana per non parlare di tutte quelle volte che hai accettato un invito alla gym (dall’amico fissato), pensando di uscire a berti il classico con la tonica.
Eppure, forse, c’è il modo – sia chiaro, non sempre eh – di accostare un buon piatto, a una giusta attività fisica, o meglio: camminare tra paesaggi pazzeschi, e poi mangiarsi anche la tovaglia consapevoli che “tanto ho bruciato”.
Dove? Con la bella stagione e la fine del lockdown ci possiamo muovere (almeno dentro la regione), il mio consiglio non può dunque che portarti nell’altopiano veronese della Lessinia, luogo incantato tra valli, pascoli, pianure, accenni montuosi e ancora, corsi d’acqua (o forse meglio chiamarli torrenti), grotte, doline e ponti naturali.  Una giornata da vivere in compagnia, con il cuore leggero e le gambe pesanti (l’indomani) e una grandissima possibilità, o meglio due: prepararsi all’arrivo dell’estate tra il verde, e avere un'ottima scusa per concedersi non solo un pranzetto da vero “montanaro” ma perché no, anche una cena perché si sa, “la fame vien mangiando”. Era così no?

Se allora devi convincere gli amici a seguirti, te la do io una dritta giusta: quattro ottimi localini dove fermarti a cenare sulla strada del ritorno per calmare lo stomaco e riposare i piedi stanchi. Va bene anche se hai fatto solo 500m per avere una foto da postare su Instagram, sia chiaro! Io non giudico.

A Grezzana

“Un luogo dove poter trovare un ristoro a qualsiasi ora del giorno.” Così piace descriversi ai ragazzi del Bar The Brothers, aperto dalla colazione al dopo cena con una specialità che è forse tra i miei piatti preferiti; l’unico e l’inimitabile bigolo che qui, è presentato in ben dieci diverse varianti. Non solo primi però, ma anche carne tutte a kilometro 0, insalatone, panini e taglieri di affettati. Cinque sono poi le diverse birre alla spina proposte giornalmente, innumerevoli le bottiglie di “quella artigianale” messa in fresca, che dire, se poi all’occorrenza si trasforma anche in enoteca con vere e proprie degustazioni guidate non so cosa ti serva di più. 
Bar The Brothers, Viale Olimpia 1, Grezzana (VR) – tel. 0454826085

A Marzana 

Da Pizzeria Focacceria Quattrocento, davanti al forno a legna trovi le sapienti mani del due volte campione del mondo di pizza senza glutine, Federico de Silvestri. Una pizza qui che sfata quel mito tanto di moda che “il senza glutine non sa da nulla”, anzi, non solo qui ha un gusto imperdibile, ma è anche una pizza altamente digeribile per il nostro organismo. La mia preferita? Scamorza, radicchio e funghi oppure un grande classico: pomodorini e pesto ligure. Se poi hai ancora posto a fine pasto ordina una pizza con crema di pistacchio (tranquillo, se non la finisci è buona anche domani mattina per colazione!).
Pizzeria Focacceria Quattrocento, Via Valpatena 94, Marzana (VR) – Tel. 0458700593

A Quinto

È di cinque miglia romane la distanza che divide Quinto di Valpatena e il centro di Verona romana, ed è anche il motivo per la trattoria-pizzeria Quinto Miglio – sita proprio qui, porta questo nome. Qui si respira l’aria delle malghe di montagna, senza la malga e senza la montagna con il cibo quello buono. Gnocchi di malga al burro fuso e ricotta affumicata, tortelloni ripieni al Monte Veronese DOP, risotto al Valpolicella, bollito di carne mista, tagliata di controfiletto e come se non bastasse, anche la pizza (a scelta tra classica, senza glutine o ai cinque cereali). Quella che scelgo ogni volta? La “Adriano” con gorgonzola dolce DOP e prosciutto crudo. Si scioglie in bocca.
Quinto Miglio, Via Valpatena 62/a, Quinto di Valpatena (VR) – Tel. 045550361

A Poiano 

Una istituzione è ormai quella che – dopo le recenti modifiche – porta il nome di Trattoria La Nuova Pesa perché nuova nella conduzione, nel look e anche nei piatti proposti, ora molto spesso di pesce (anche crudo). Un ambiente elegante e contenuto, che porta però un animo da vera e autentica trattoria con il cibo abbondante e le chiacchiere durante il pasto. Ravioli al branzino, paccheri al pesce con crema di zucchine, gnocchi ai broccoli e gamberi crudi, l’immancabile spaghetto alle vongole o un bel piatto misto di crudo. Questa assomiglia tanto alla mia lista desideri per il prossimo Natale. Riaprono venerdì 29 maggio
Trattoria La Nuova Pesa, Via Poiano 131, Poiano (VR) – Tel. 3461851535


Foto di copertina di Bar The Brothers. 
Foto interne reperite nelle rispettive pagine Social dei locali. 

  • VACANZE IN CITTÀ

scritto da:

Anna Iraci

Nata a Padova qualche anno fa, appassionata di film gialli e pizza diavola, meglio se assieme. Giocatrice di pallavolo nel tempo libero e, nel restante, campionessa di pisolini. Saltuariamente (anche) studentessa. Da grande voglio scrivere, ma siccome essere grande è una rottura, intanto bevo Gin&Tonic. Con il Tanqueray però.

IN QUESTO ARTICOLO
×