Cortina da mattina a notte inoltrata: colazione da Lovat e quattro salti al Vip non si negano a nessuno

Pubblicato il: 8 dicembre 2019

Cortina da mattina a notte inoltrata: colazione da Lovat e quattro salti al Vip non si negano a nessuno

Perché la perla delle Dolomiti, in alta stagione, non dorme mai.

Cortina d'Ampezzo è il paradiso dello sci e delle arrampicate, delle escursioni sulle più belle montagne, come il Cristallo o le Cinque Torri, dichiarate patrimonio dell'UNESCO, dei grandi eventi internazionali, come la Coppa del Mondo di sci femminile, la gara automobilistica Coppa d'oro delle Dolomiti e futura sede dei XXV Giochi olimpici invernali del 2026. 120 km di piste da discesa suddivise nelle ski aree del Cristallo-Faloria-Mietres, della Tofana, del Lagazuoi e delle Cinque Torri, inserite nel circuito del Dolomiti Superski. Cortina è tutto questo, certo, ma anche meta del "bel mondo" per antonomasia... Una giornata qui è quindi cadenzata da rituali "classici", dalla colazione, all'alba in discoteca. Insomma, "grande libidine" cit.

La colazione goduriosa


Corso Italia inizia ad essere affollato dalla mattina presto, quando ondate di sciatori si fermano per godersi, visto i prezzi, una "colazione da Tiffany". La colazione più cool la si può fare da Lovat o al bar cafè Embassy, anche se da un po' va alla grande anche la pasticceria panificio Alverà, che del panificio ha molto poco. Consiglio di non uscire dal bar senza aver addentato un cestino di frutta, se con i lamponi, ancora meglio. Se amate trovare qualche volto dello spettacolo, fin dalle prime ore del mattino, fermatevi a bere almeno un caffè. Ottimi rifugi anche per la merenda pomeridiana.

Per un pranzo sulle nevi


Per un pranzo da sportivi, a ridosso delle piste da sci, puntate al lusso e all'accoglienza di Baita Fraina, Baita Piè Tofana, Villa Oretta o El Camineto. Potrete assaporare i sapori della tradizione senza rinunciare alla creatività. Location perfette anche per una cena. Occhio però, con lusso intendo lusso, perciò armatevi di carta di credito, andate con il nonno o sfruttate qualche figlio di papà. In corso Italia si trovano anche quelli.

Aperitivo in largo delle Poste


All'ora dell'aperitivo inizia a battere il cuore pulsante del paese, che tutti sanno essere largo delle Poste. In questo spiazzo sono condensati quasi tutti i locali della night life. Se ormai i 30 li avete passati, per voi il punto di ritrovo per bere un calice di vino è Villa Sandi - Bottega del Vino, seguito da L'Enoteca Cortina, conosciuto come La Vineria. Se siete ancora teenager puntate dritti all'ex Cristallino che ora si presenta sotto il nome di Janbo o all'LP26.Ottima alternativa "classica" e da sicuro avvistamento vip l'Hotel de la Poste.

Cena blasonata e, volendo, stellata


Se siete muniti di cash (attenzione a girare con tanti contanti a Cortina) o dotati di una carica carta di credito, il ristorante più caro, rimane sempre il Toulà. Se preferite il fascino di un lago ghiacciato dove si riflettono le montagne, prenotate a Lago Ghedina. Volendo spostarsi dal centro consiglio Da Aurelio, in cima al Passo Giau o, più giovanile e popolato, Da Ospitale. E non dimentichiamo il nuovo corso, giovani chef come Riccardo Gaspari che ha aperto il San Brite, la nuova agricucina. Si aggiunge al già famoso agriturismo della famiglia Gaspari, El Brite de Larieto. La cena si fa invece stellata al ristorante Tivoli. Una Stella Michelin per lo chef Graziano Prest che propone una cucina creativa che esalta le materie prime locali, certo, ma che sa anche valorizzare alla perfezione il pesce fresco che giunge quotidianamente dai vicini mercati ittici di Venezia e Chioggia. Per finire la serata in compagnia di un ottimo digestivo o per un pre serata, munitevi di pazienza e mettetevi in coda Dalla Emma per ordinare un "pomì". Se non l'avete mai fatto, è arrivato il momento di iniziare.

Disco!


Una volta carichi le opzioni sono due: gli amanti delle tradizioni non rinnegano il mitico Vacanze di Natale 83 e optano sempre per il famosissimo Vip Club, dove Jerry Calà suonava al piano Maracaibo interpretando "Billo". Seconda opzione il Bilbò Club che quest'anno festeggia il 50esimo anniversario. Terza, ma non in ordine di importanza, la discoteca Belvedere. I locali notturni aprono dopo le 23 e in stagione sono aperti tutte le sere.

  • MAGAZINE
  • TURISMO
POTREBBE INTERESSARTI:

Le migliori gelaterie artigianali d'Italia 2020. Ovvero, gelato da urlo e dove trovarlo

La classifica secondo il Gambero Rosso alla ricerca del buono e del bello in termini di materie prime, tracciabilità e accessibilità.

LEGGI.
×