Tosto: le “eleganti confusioni” del risto-bistrot nel cuore di Atri

Pubblicato il 16 maggio 2015

Tosto: le “eleganti confusioni” del risto-bistrot nel cuore di Atri

Solo prodotti di stagione

- Per ogni stagione il suo menù: parte da qui la certezza di freschezza e qualità
- Il benvenuto dello chef: pane appena sfornato da gustare con un ottimo olio bio
- Frutta esotica e creatività: nei dolci l’esperienza degli anni venezuelani

il menu degustazione è un viaggio tra profumi e sapori

- Accessibile e abbondante: lasciatevi viziare dalle sapienti mani dell’allievo di Niko Romito
- Stile bistrot con due antipasti, due primi, un secondo e un dolce e il Pecorino da degustare
- Consigliato dallo chef: formaggio fritto con salsa alla scapece e misticanza

un nuovo punto di vista sulla tradizione, e poi quel caffè!

- Piatti classici reinterpretati: nella carta tutta l’eccellenza dei prodotti del territorio
- Tra formaggi e salumi nostrani, pasta fatta in casa e la miglior carne abruzzese i piatti si arricchiscono di creatività
- Un tocco di fantasia per i più piccoli e non solo con l’hamburger d’agnello cac’&ov con pane e rosmarino, maionese dello chef, pecorino e cipolla glassata
- Il caffè qui è bio e si prepara nella Moka accompagnandolo con una "piccola pasticceria" in cui spiccano le ferratelle di carbone vegetale e liquirizia

i dolci sono quasi esotici

- Dal Venezuela all’Abruzzo: lo chef mette nel piatto la sua lunga esperienza oltreoceano
- Dal Mini-Pie meringato con crema alla maracuja alla mousse al cioccolato bianco, fragola e yogurt al basilico e menta: tutto il fresco del dessert
- Il dolce dell’estate: crema al frutto della passione, merigna e cocomero ghiacciato con panna e polvere di thè all’acero

La birra è tutta e solo abruzzese

- I vini delle migliori cantine e quella voglia di crescere insieme accostandosi all’esordiente, ma già eccellente e vicina “farfalla” Ausonia
- Bollicine per tutti: per ogni tasca il giusto abbinamento
- Un calice di ottimo passito per chiudere in dolcezza

Stile "stellato" ma sanno anche prendersi alla leggera

- Elegante e raffinato: l’impatto racconta di un locale di altissimo livello
- La “confusione” di sedie e tazzine stempera la tensione: ora sì che ci si sente a casa.
- Lo chef centra l’intenzione: regalare un pranzo, una cena o una semplice degustazione in un ambiente chic senza per questo non sentirsi a proprio agio

Un Ristorante-Bistrot nel cuore di Atri con in cucina le già sapienti mani dello chef “under 30” Gianni Dezio. Allievo dello stellato chef Niko Romito, il locale di Gianni e Daniela è un mix perfetto di classe, qualità e accessibilità. L’idea è quella di sdoganare ciò che è nell’immaginario di tutti: grande cucina uguale grande spesa. Dalla tradizione abruzzese reinterpretata nel menù classico a quello degustazione, con cibi a misura di vegetariano e, su richiesta, di celiaco, l’esperienza dello chef vi condurrà in un viaggio alla scoperta di profumi e sapori dove l’eccellenza del territorio si mescola con l’esoticità degli anni venezuelani che spicca soprattutto nella creatività dei dolci. Ambiente elegante, ma con un pizzico di “disordine” voluto per dare quel senso di familiarità, ad accogliervi c’è la degustazione di olio bio e il pane preparato da Gianni. Nella carte dei vini solo il migliore Abruzzo.
 

  • CENA
  • DEGUSTAZIONE
  • PRANZO
IN QUESTO ARTICOLO
  • Tosto

    Via Angelo Probi 8, Atri (TE)

POTREBBE INTERESSARTI:

È uscita la classifica dei migliori resort in Italia, così per sentirsi in vacanza ancora un po’

La Top 10 dei World's Best Awards di Travel + Leisure.

LEGGI.
×