Firmato il nuovo dpcm: cosa cambia per i locali

Pubblicato il 15 gennaio 2021 alle 16:18

Firmato il nuovo dpcm: cosa cambia per i locali

In attesa del decreto del Ministro Speranza, è stato firmato e divulgato il dpcm. Ecco cosa prevede e cosa cambia per il settore HoReCa

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha da poco firmato il nuovo Dpcm che sarà in vigore dal 16 gennaio 2021. 
Il decreto conferma quanto previsto nelle indiscrezioni dei giorni scorsi.

Cosa cambierà per i ristoranti e bar

In zona rossa e arancione è prevista la chiusura di bar e dei ristoranti tutti i giorni. L’asporto è consentito fino alle ore 22.00. Per la consegna a domicilio non ci sono restrizioni. 
Cibo e bevande potranno essere acquistati nei bar e/o nelle attività commerciali che vendono bevande e alcolici soltanto fino alle 18.00 (codici Ateco 56.3 e 47.25). L'asporto dopo tale orario è, quindi, vietato. 
In zona gialla le attività dei servizi di ristorazione (bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono consentite dalle 5 alle ore 18. Il consumo al tavolo è possibile per un massimo di quattro persone per tavolo, a meno che siano tutti conviventi.

Altre misure confermate dal dpcm in vigore dal 16 gennaio 

Tra le altre misure confermate: impianti da sci (fino al 15 febbraio), palestre, piscine e cinema chiusi fino al 5 marzo. Una bella notizia per i musei che potranno aprire dal lunedì al venerdì ma solo in fascia gialla. Inoltre si conferma il coprifuoco dalle 22.00 alle 5 e l’obbligo di mascherina all’aperto e al chiuso. 

Fino al 15 febbraio non si potranno superare i confini anche se le regioni sono in fascia gialla.  Lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata è consentito al'interno del proprio Comune, una volta al giorno, in un arco temporale compreso fra le 5.00 e le 22.00 e sempre per massimo due persone. 

Il decreto del Ministro Speranza in vigore dal 17 gennaio 

Il nuovo dpcm andrà in vigore dal 16 gennaio ma la divisione in zone di colore, confermata, entrerà in vigore solo da domenica 17 gennaio. Sarà il Ministro della Salute Roberto Speranza, a firmare nelle prossime ore una nuova ordinanza che prevede proprio la divisione in zone di colore. Per ora sembrano confermate: 3 regioni in area rossa e 9 in arancione, le restanti rimarranno in zona gialla. 

Vediamole nel dettaglio: 

Area Rossa: la provincia autonoma di Bolzano e le regioni Lombardia e Sicilia.

Area arancione:Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Piemonte, Puglia, Umbria e Valle D’Aosta, Calabria, Emilia-Romagna e Veneto.

Restano invece gialle: Basilicata, Campania, Molise, provincia di Trento, Sardegna e Toscana.

Photo Credits: Foto di Peter H da Pixabay 

 

  • NOTIZIE

scritto da:

Irene De Luca

Agenda, taccuino, registratore e macchina fotografica. Attenta alle nuove tendenze ma pur sempre “old school inside", vago alla ricerca di ispirazioni, di colori, di profumi nuovi per raccontare una Milano che poi tanto grigia non è.

POTREBBE INTERESSARTI:

L'analisi sulle abitudini sessuali delle donne italiane

Quattro donne su 10 ammettono di aver tradito il marito o il partner in tempi di Covid-19.

LEGGI.
×