Regio Patio, a due passi dal Lago di Garda: sapori nitidi sempre in equilibrio alla ricerca dell'eccellenza.

Pubblicato il: 23 novembre 2017

Regio Patio, a due passi dal Lago di Garda: sapori nitidi sempre in equilibrio alla ricerca dell'eccellenza.

Cucina d’autore, piatti ricercati ed originali per un’esperienza gastronomica legata a territorio e stagionalità. 
Piatti equilibrati, che non tentano di stupire a tutti i costi ma che regalano sapori bilanciati, coerenti ed armoniosi e una location privilegiata nel centro di Garda, a 150 metri dalle sponde del lago.

Il menù
La carta varia almeno 6 volte l'anno per seguire le stagioni e propone 4 menù degustazione: “Autoscatto”, con patti "classici" dello chef e creazioni di ricerca con primizie di stagione e eccellenze del territorio; “Garda 100%” dedicato alle eccellenze del territorio, ripropone in chiave contemporanea i prodotti d'eccellenza tipici del Garda e della Lessinia; il vegetariano “Orto” con primizie di stagione anche di produzione propria e infine il “Pranzo all'Italiana”, rivolto a chi cerca sapori più classici. 
Lo chef Andrea Costantini, ex allievo di Bruno Barbieri e al Regio Patio dal 2010, propone un menù che parla chiaro: “Eccoci arrivati all'ultimo cambio di stagione che ci accompagnerà fino al nuovo anno. Sapori autunnali ed invernali, nuove idee in movimento..."
E quindi troverete antipasti come la “Cardo gratinato nocciola e bottarga”, primi ai “Fagottini di zucca, in brodo di parmigiano e mandorla, anguilla laccata”, secondi di “Trota salmonata alla cacciatora, sedano e limone” e dessert di “Millefoglie allo zucchero grezzo, crema allo stracchino, fichi caramellati e infuso di liquirizia”.

Se vorrete tuffarvi nei sapori autentici del lago, troverete “pane per i vostri denti” con il menù degustazione “Garda 100%”: Cappon magro di lago; Ramen di lago; Trota salmonata alla cacciatora, sedano e limone; Grisa al fieno; Tartufo nero.

Un occhio di riguardo per gli amanti delle verdure, spesso sottovalutate. La cucina del Regio Patio sa donare “dignità alle verdure”, come giustamente sottolinea chef Costantini. Anche in questo caso non stiamo parlando di inseguire gli ultimi trend legati al veganesimo e al vegetarianesimo. Stiamo parlando di “trattare una rapa come se fosse un controfiletto”, per citare le parole dello chef.

Una sezione originale del menù è quella dedicata ai “quasi dolci”, pensata con estrema attenzione per chi volesse un momento di passaggio dai secondi al dessert tradizionale oppure per chi volesse provare combinazioni inedite come “Radicchio, gianduia e aceto di lampone” oppure “Pera, bufala di fossa, miele e noce”.

Il personale di Cucina e sala può costruire i menù per gli eventi in maniera personalizzata.

In cantina
Il Regio Patio dispone di una cantina ragionata e curata composta da oltre 300 etichette locali ed internazionali, particolarmente attenta alle eccellenze locali.
La carta dei vini è in linea con l’idea di equilibrio e armonia che caratterizza il ristorante. Il personale di sala è in grado di suggerire i migliori abbinamenti in base al gusto personale degli ospiti e alle portate scelte.

Il consiglio dello chef
Chef Costantini consiglia il “Coregone gratinato sedano, limone e prezzemolo”, filetto di Coregone arrostito velocemente in padella e mantenuto crudo all'interno a cui vengono adagiate sopra 4-5 fettine di cervella di vitello insaporite con una spolverata di parmigiano e coperte con la mollica di ciabatta. Ad accompagnarlo: piccoli cubetti di sedano sbollentato.

La location
L’ambiente del Regio Patio è riservato ed elegante, ma non formale, caratterizzato da una sala interna ed un loggiato esterno con ampio giardino, separato da una parete a vetro, dove è possibile mangiare durante la bella stagione. Il continuum spaziale tra interno ed esterno è dato dalla ampia vetrata incorniciata da affreschi che ritraggono la flora tipica del clima submediterraneo del lago, le cui sponde distano appena 150 metri dal ristorante. Il Regio Patio dispone di un parcheggio privato, elemento fondamentale soprattutto durante le affollatissime giornate estive del Lago di Garda.

Il contesto
Il Regio Patio è l’ideale per coppie, famiglie, piccoli gruppi di amici e contesti professionali. E’ un ambiente eccellente per organizzare piccoli matrimoni, cresime, eventi con un limitato numero di invitati (massimo 50 persone durante l’inverno, 80 d’estate), incontri aziendali. E' possibile inoltre soggiornare per la notte nell'hotel adiacente, sempre di proprietà della famiglia.  

Da raccontare
Al Regio Patio si riserva molta cura alla mise en place che comprende porcellane classiche, argenteria e pezzi di design storico (Gio Ponti), bicchieri soffiati a mano, tovaglie di lino e composizioni con fiori freschi, ulteriore testimonianza dell’attenzione e del forte legame con la stagionalità ed il territorio. 
Staff di sala che si distingue per professionalità e competenza e sa consigliare al cliente vini e pietanze in maniera discreta. Talvolta la guarnizione del piatto al tavolo viene ultimata dalla mano precisa del cameriere.

  • RECENSIONE
IN QUESTO ARTICOLO
×