Sua Maestà il Baccalà: dove mangiarlo a Mestre e dintorni

Pubblicato il 26 novembre 2020

Sua Maestà il Baccalà: dove mangiarlo a Mestre e dintorni

Qual è il re incontrastato della cucina veneta?
Ma Sua Maestà il Baccalà, ovviamente. Non c'è Bacaro o ristorante del Veneziano che non lo offra nel proprio menu.

 
Versatile e gustoso, il baccalà è presente da secoli nella cucina italiana, francese, spagnola e portoghese. Costituito da due specie di merluzzo nordico, il Gadus macrocephalus e il Gadus morhua, lo stoccafisso, quello usato nel Veneto, è di fatto essiccato, mentre il baccalà diffuso nel resto del mondo viene messo sotto sale.


La storia del baccalà nel Veneto inizia il 25 aprile 1431 quando una nave veneziana piena di spezie, comandata dal capitano Piero Querini, partì dall'isola di Creta alla volta del Mare del Nord. Raggiunta la Manica, la nave fu colpita da una violenta tempesta che la trascinò verso nord. Dopo vari giorni di naufragio su scialuppe di salvataggio, i marinai sopravvissuti sbarcarono sull’isolotto disabitato di Sandoy, nelle Isole Lofoten, nel nord della Norvegia. Qui vennero avvistati da alcuni pescatori locali che li portarono in salvo sull'isola di Roest. I marinai veneziani la definirono un paradiso terrestre per la grande libertà e semplicità degli usi e costumi degli abitanti. Diversi mesi dopo il naufragio, al suo ritorno, il Capitano Querini riportò a Venezia sessanta stoccafissi essiccati... il resto è storia.

 
Un famoso detto a Venezia recita così: "Done, cani e baccalà no xe bon se no xe pestà” derivante dal fatto che fino al secondo dopoguerra, il merluzzo veniva ancora battuto a mano sul selciato delle Fondamenta delle Zattere dagli addetti dei burci e dei trabaccoli.

Molto interessante anche l'aspetto linguistico: il merluzzo veniva chiamato dagli abitanti di Lofoten “stockfish” (stecco), mentre la parola usata dai veneziani fu baccalà, per la sua somiglianza con la parola portoghese “bacalhau”, dal latino "baculus", bastone. Nel Veneto, quindi, chiamiamo Baccalà quello che in realtà è lo stoccafisso.
Del baccalà noi Veneti ne abbiamo fatto quasi una religione, tanto che gli abbiamo dedicato persino delle Confraternite.


Che sia mantecato, alla vicentina, in umido, alla cappuccina, fritto o quant’altro, dove possiamo gustarci un bel piatto di baccalà con tanta buona polenta?
Eccoti una lista di alcuni dei migliori locali a Mestre e dintorni dove gustare un buon baccalà!


Cru Ristobistrot


Cru Ristobristro è un ristorpub accogliente e raffinato nel pieno centro storico di Noale, con un'offerta food innovativa.
Assolutamente da provare, in questo periodo, il menu interamente dedicato a sua maestà il baccala: baccalà mantecato con chips di Polenta, Ravioli di Baccalà con pomodorini confit, olive taggiasche e basilica, baccalà alla Vicentina con polenta abbrustolita, baccalà in umido con polenta morbida oppure una degustazione completa con tutti i piatti.
Solo su prenotazione. Facile trovarlo anche tra i piatti del giorno, disponibili anche d'asporto o consegnati a domicilio sia a pranzo che a cena.
Cru Ristobistrot, Largo San Giorgio 6/B, Noale (VE) Tel: + 39 3396021057 

Baccalà Divino


Baccalà Divino di Mestre è un locale moderno, semplice e informale, ma con una caratteristica che lo rende unico: è infatti totalmente dedicato al baccalà, anzi, a essere precisi, allo stoccafisso. Piatti imperdibili: il tris di mantecati con schiacciatina calda o il bis di baccalà alla Vicentina e Veneziana con polentina gialla morbida. 
Baccalà Divino, Via Gazzera Alta, 102, 30174 Mestre (VE) Tel: 041 914560

Osteria Lisca


L'Osteria Lisca è osteria e bacaro di cucina tipica veneta e in particolare veneziana. Nel centro di Mestre offre una ricca scelta di pesce fresco preparato in molti modi diversi, tra cui il baccalà in diverse varianti. Il mantecato è disponibile anche d'asporto, ordinandolo entro le 20.30 (ultimo ritiro alle 21)
Osteria Lisca, Viale Giuseppe Garibaldi, 6, 30173 Mestre (VE) Tel: 041 5349071


Cicchetteria Ristorante Casa Fortuna

 


Situato nel pieno centro di Mestre, Casa Fortuna offre un’ampia scelta di cicchetti e piatti della tradizione veneziana, tra cui i crostini di baccalà mantecato o il baccalà fritto.
Casa Fortuna, Corte Bettini, 14, 30174 Mestre (VE) Tel: 041 943244

Osteria Del Lupo Nero


Locale a due passi da Piazzale Candiani, l’Osteria del Lupo Nero offre cicchetti e piatti della tradizione veneziana a base di carne e di pesce, tra cui le polpette fritte di baccalà, il baccalà alla vicentina con polenta morbida e ovviamente il baccalà mantecato.
Osteria Del Lupo Nero, Via Giorgio Ferro, 21, 30174 Mestre (VE) Tel: 041 961180
 

Foto di copertina di Osteria del Lupo Nero
Foto di Cru Ristobristrot dalla pagina Instagram Instagram del locale
Foto di Baccalà Divino Monica Cesarato
Foto di Osteria Lisca dalla pagina Facebook del locale
Foto di Casa Fortuna dalla pagina Facebook del locale
Foto di Osteria Del Lupo Nero dalla pagina Facebook del locale
Le altre foto di Monica Cesarato 

  • RISTORANTI E PIATTI TIPICI

scritto da:

Monica Cesarato

Food blogger e consulente culinaria, che organizza anche lezioni di cucina veneziana. I suoi articoli sono stati pubblicati su La Gazzetta Italiana, Partaste, The Local e molti altri Food & Travel blogs internazionali. Ha partecipato con Alex Polizzi nella serie TV Secret Italy.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

​A Bolzano Autochtona Award ha premiato i migliori vini autoctoni d’Italia

Sono 14 i riconoscimenti assegnati.

LEGGI.
×