Dal Gargano a Bari. I migliori gelati per combattere la calura estiva

Pubblicato il 15 maggio 2024

Dal Gargano a Bari. I migliori gelati per combattere la calura estiva

Per il gelato non c’è mai stagione e non possiamo chiamarlo solo dolce. È un conforto che mette tutti d’accordo dopo cena, oppure in un pigro pomeriggio soleggiato. È la scusa per un incontro o un modo per rilassarsi. In coppetta, cono da passeggio o vaschetta king size, creme e sorbetti mettono a tacere proprio ogni malumore a tacere, ecco perché non ne abbiamo mai abbastanza. Per conquistarci però, deve essere assolutamente il migliore in circolazione. Di proposte ce ne sono tante, ma di veri artigiani dell’arte fredda invece, si parla di pochi professionisti. Per non farsi trovare impreparati e per combattere la calura estiva a modino, segnaliamo qualche indirizzo utile da consultare all’occorrenza. La regola deve essere sempre e comunque, mai più senza gelato.

A Mattinata



Gabrielino dal 1933 ha fatto la storia del gelato garganico. Siamo a Mattinata ed è qui che si lavora solo con prodotti dop per garantire un’esperienza unica. Dalla crema con i migliori agrumi del Gargano con pasta frolla sbriciolata e pezzettini di mandorle baresi, fino al sorbetto di gelso rosso, Olivio all’olio extravergine d’oliva e il pistacchio fatto con i soli frutti di Bronte. Gabrielino Di Mauro, capostipite della gelateria, ha saputo tramandare un modo di fare unico e scrupoloso per garantire la qualità di un prodotto genuino. Rigorosamente contenuto nei classici pozzetti, il gelato si mantiene alla temperatura ideale e alla consistenza perfetta per essere servita in ogni stagione. Un consiglio, chiedete la panna perché qui viene montata proprio come una volta.

Via Giuseppe Garibaldi, 3/5 Mattinata T: 0884559444

A Peschici



Gelateria Michel si trova nella bellissima Peschici. Da 25 anni qui che si servono gusti davvero incredibili e che seguono la stagione. Ne è un esempio il sorbetto realizzato con i fioroni provenienti dai terreni di famiglia da gustare in cono o coppetta. Non mancano le suggestioni che evocano il territorio garganico, quindi ecco il gusto dedicato alla Foresta Umbra a base di muschio quercino, funghi porcini e infuso di terra, fino ad arrivare alla passeggiata in riva al mare e ai temporali estivi, condensati in profumate palline. Il bancone di Michel propone 24 gusti tra classici e innovativi, come quelli appena citati. Un piccolo dettaglio, da Michel non esiste panna perché il gelato si gusta solo e soltanto in tutta la sua purezza.

Piazza Del Popolo, 5 Peschici T: +393479139959

A Spinazzola


A Spinazzola, nel cuore della bella Murgia, c’è Buccomino Bakery e Bistrot che ne ha davvero per tutti i gusti. Per la bella stagione anche sull’argomento gelato non si lascia nulla al caso e ci pensa Giusy Buccomino a preparare creme e sorbetti davvero buoni. Tra gusti evergreen non mancano speciali versioni da gustare in cialda o in coppa, comodamente a tavola o per una fugace pausa, senza contare la possibilità di farcire i famosissimi cornetti che ogni giorno, vengono sfogliati a mano. Le materie prime sono il segreto di una perfetta lavorazione che si vede dalla cremosità di ogni gusto e ovviamente, dai colori, per nulla artefatti. Pistacchio, croccantino al rum o grandi classici della tradizione, qui c’è davvero tanto da assaggiare.

Corso Umberto I, 204 Spinazzola T: 0883681862

A Gravina di Puglia



Nella cittadina murgiana di Gravina in Puglia la gelateria Carpe Diem è un toccasana per quelle giornate estive proprio difficili da sopportare. Qui il gelato si fa senza coloranti, grassi idrogenati e uova, definibile a tutti gli effetti vegano e dietetico, perché contiene un quantitativo ridotto di grassi e zuccheri. Buono, salutare, leggero, questo è il motto di Carpe Diem. E per quanto riguarda i gusti, giornalmente se ne trovano più di una decina anche senza lattosio e senza glutine, perché il gelato deve essere inclusivo sempre e comunque. Cosa non perdersi? Il delizioso cioccolato ruby. Aperto da primavera all’autunno, è una buona idea per una pausa con vista gravine.

Piazza Sacchi, 15 Gravina di Puglia T: +393291236902

Ad Altamura



In attività dal 1965, Cenzino ad Altamura è una colonna portante dell’arte fredda. Al timone oggi, c’è Alfonso Parziale, figlio del fondatore Vincenzo (chiamato Cenzino da tutti) assieme ai suoi congiunti. La nuova generazione ha portato un processo di modernizzazione nel pensiero, ma la tecnica è sempre artigianale, così come la cura delle materie prime, tenendo conto del senza lattosio e del gluten free. I gusti più divertenti sono cheesecake millefoglie, croccantino al rum, cannolo siciliano con pistacchio di Bronte autentico e non solo, c’è anche il pistacchio di Stigliano in lavorazione. Da provare assolutamente, per gli amanti del cioccolato, ilForesta nera. Come ogni pasticceria tradizionale anche da Cenzino si propongono zuccotti, spumoni, semifreddi, tronchetti gelato e un tortino al cioccolato ormai famosissimo.

Viale Martiri, 79 Altamura T: 0808760895

A Trani



Nel cuore della movida tranese, gelateria Saben è una ventata di aria fresca per tutti gli amanti del gelato. Qui il payoff “gelato naturale” viene rispettato grazie a creme e sorbetti che parlano solo di stagioni, campagna e casa. Qui si possono gustare nocciole autentiche che diventano crema, ma anche il delicatissimo gelato con zagare in infusione e canditi di agrumi gelati stagionali. Da Saben, a parte i grandi classici, ogni giorno non mancano le novità ed è per questo motivo che il gelato è sempre una buona idea. E per l’estate occhio che sta tornando il gelato al gusto fichi. Una delizia tutta pugliese per gli amanti del genere.

Via Zanardelli, 44/46 Trani T: 0883254695

A Ruvo di Puglia



Il gelato si gusta anche ad occhi chiusi, solo concentrandosi su ogni singolo profumo e sapore. E no, non è solo un’intenzione, perché da gelateria Mokambo è possibile farlo davvero bendati. Siamo nel cuore di Ruvo di Puglia che ormai, attira tutti gli amanti dell’arte fredda pronti a misurarsi con un prodotto fuori dall’ordinario. Qui la parola d’ordine qui è qualità e non quantità, pochi gusti, tutti preparati ad arte e serviti in cono o coppetta. Particolare è la blind experience che rende Mokambo un luogo mistico, atto di luci soffuse e soffici creme da assaporare in cucchiaini d’argento. Quanti gusti sapremo riconoscere senza utilizzare la vista? Scopriamolo acquistando le experience dedicate al cioccolato o a tutti i gusti. Particolare menzione che rende Mokambo unico del suo genere è lo Scettro del Re, l’unico gelato allo zafferano iraniano servito con foglia d’oro e pistilli di zafferano. Bello, ma soprattutto buono.

Via Rosselli, 29 Ruvo di Puglia T: 3456040984

A Bari



All’ombra del Castello Svevo di Bari c’è una vera istituzione del gelato barese. Si tratta di Gelateria Gentile, il luogo di perdizione per chi è amante del genere sin dal 1880. Gusti dai tradizionali che non mancano, così come innovativi, tutti preparati in maniera assolutamente artigianale. Tra le special edition e torte gelato tutte da mangiare, non lasciamoci sfuggire le classiche coppette e coni da farcire con panna e gusti a scelta. Da provare assolutamente? Il Rosso Ardente, gelato ai frutti di bosco con succo di barbabietola rossa e le note piccanti del peperoncino essiccato. C’è anche la crema alla vaniglia arricchita con tre tipologie di pepe. Versante sorbetti invece, da segnalare quello alla banana, profumato con pepe rosa e cannella. A fare da contorno non manca un reparto caffetteria e pasticceria che funziona da mattino a sera.

Piazza Federico II di Svevia, 33 Bari T: 0805282779





Le foto sono tratte dai profili social dei locali citati.

  • SWEET HOUR

scritto da:

Serena Leo

Amo raccontare il vino e il cibo, mia croce e delizia. Sono costantemente alla ricerca di proposte gourmet “sartoriali” esaltanti. A tavola, come nella vita, desidero che il mio calice sia sempre pieno e che i commensali siano allegri e appassionanti.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

​Il 18 maggio torna lo Slow Food Day: 100 eventi a cui partecipare in tutta Italia

Laboratori, mercati, visite in azienda e momenti conviviali: al centro l'educazione alimentare e gli orti di comunità.

LEGGI.
×