Un locale dove Birra, Bacco e il meglio della Puglia vanno a nozze

Pubblicato il: 16 gennaio 2020

Un locale dove Birra, Bacco e il meglio della Puglia vanno a nozze

Arrivo al Birbacco poco prima di sera e già attivo i miei sensori di ricerca per un posto per la mia automobile… ma devo sorprendentemente spegnerli subito. Infatti, una delle peculiarità della “zona nuova” di Altamura è la facilità con cui si riesce a trovare parcheggio. Eliminato quindi il fastidioso vagare tra viuzze strette in cerca di un posticino. Parcheggio in maniera rilassata e mi accingo ad iniziare la serata con il piede giusto.

Si respira allegria


Per accedere all’ingresso del locale bisogna attraversa un pezzo di florido giardinetto che, durante l’estate, si anima di colorati tavoli all’aperto. Già mi proietto di una calda giornata qui: seduta all’aperto, godendo della brezza estiva che tanto mi manca! Quando varco la soglia del locale mi trovo in una location colorata e vivace: la pesantezza del cielo invernale è spazzata via da tante good vibes cromatiche. Mi accoglie uno staff simpatico, disponibile e soprattutto sorridente: so già che tutto andrà per il meglio!

Lievitazione lenta e gustosa


Mentre cammino per il locale, solo all’apparenza chiuso, non posso fare a meno di notare sapienti mani che lavorano impasti morbidi e malleabili, pronti ad essere presto croccanti pizze super farcite. Un vero e proprio paradiso per l’amante della pizza made in Puglia, realizzate con il meglio delle farine selezionate, in una delle culle del grano della Murgia. Una città ospitale, aperta e pronta a dimostrare le proprie potenzialità in qualsiasi angolo: al Birbacco si respira questo, da gustosi piatti unici, pizze, birre e vini.  

Wine e pub: non una dicotomia


Unire il binomio, solo all’apparenza distante, di winery e anima da pub è la specialità del Birbacco. Qui il beverage viene deciso dalla clientela, a seconda dalla propria inclinazione e dal gusto personale: a loro disposizione una vasta carta vini, birre e il meglio della selezione analcolica. Le possibilità sono quasi infinite, tra combinazioni mainstream e altre non proprio convenzionali. Questa doppia anima viene implicitamente guidata dal nome del locale stesso: Birbacco. Dove ci sono “Birra” e “Bacco” niente può andare storto! 

Scrivi la tua serata


A te la scelta, a seconda della serata che voglia di trascorrere! Dal relax di un giorno della settimana (perché diciamola tutta, ce lo meritiamo dopo una qualsiasi dura giornata lavorativa) che si conclude con un tagliere misto di salumi e formaggio, al piattone di salsiccia con friarielli in olio e peperoncino pugliese. Il patriottismo nostrano si respira ben chiaro in ogni angolo del locale.

Un locale che mette d’accordo tutti


Dalle larghe comitive alla ricerca di una location che combini allegria e buon cibo, alle rilassate serate in famiglia: se ti ritrovi in una di queste due descrizioni (ma anche se sei semplicemente a caccia di un posto nuovo da provare) il Birbacco è il posto che fa al caso tuo. Se poi parliamo della food selection, nessuno viene lasciato indietro o a bocca asciutta: ne sono un esempio le pizze con impasti pensati per chi mal digerisce il glutine (come la gustosa miscela al riso venere), o con condimenti combinabili a seconda delle intolleranze alimentari segnalate.

La cordialità è il piatto principale


Il menù è molto ampio e sempre in linea con le stagionalità correnti: seguono lo stesso filone anche le materie prime utilizzate. Per guidarti attraverso la loro selezione, ti posso consigliare una “Umbria Jazz”, una pizza con funghi porcini, patate gratinate, salsiccia di Norcia e rosmarino. Se invece vuoi comunque ritrovare elementi tipici del nostro territorio allora ti consiglio la “Bufala sbagliata”: tanta mozzarella di bufala, datterino giallo, salsiccia di Norcia, rucola e peperoncino casereccio pugliese a rondelle.

  • RECENSIONE

scritto da:

Federica Scaramuzzi

Sarà banale, ma adoro la pizza e i gattini del web. In compenso sono alla ricerca di locali insoliti e originali. Dalla Murgia alla Laguna.. sono cacciatrice ufficiale di hidden gems! Odio il piccante e adoro la pasta al forno barese (originale) di mia nonna Graziella.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Fino all'ultima maledetta addentata: hamburger, ottimi indirizzi da conoscere

Dopo l’iniziale entusiasmo per il panino e la polpetta industriale, abbiamo inventato un hamburger di alta qualità, quello con il tartufo o il foie gras. E addirittura quello vegano (ma buono).

LEGGI.
×