​La miglior pizzeria del mondo è a Caserta, i premiati di 50 Top Pizza

Pubblicato il: 25 luglio 2019

​La miglior pizzeria del mondo è a Caserta, i premiati di 50 Top Pizza

Un primo posto condiviso e a seguire altri grandi nomi dell'arte del pizzaiuolo nel mondo.

Se due anni fa ”L’Arte tradizionale del pizzaiuolo napoletano” è stata riconosciuta parte del patrimonio culturale dell’umanità -un patrimonio trasmesso di generazione in generazione e continuamente ricreato, in grado di fornire alla comunità un senso di identità e continuità, e di promuovere il rispetto per la diversità culturale e la creatività umana, secondo i criteri previsti dalla Convenzione Unesco del 2003- beh, poteva forse mancare un premio internazionalmente riconosciuto che la celebrasse? Top Pizza 50 è la prima e più importante guida on-line di settore che lo scorso 23 luglio, nel corso della sua terza edizione, ha premiato a Napoli le migliori 50 pizzerie d’Italia e del mondo. Tutto torna. Note dell'edizione 2019: due primi posti, un casertano per il terzo anno di seguito ruba il primato di miglior pizza a Napoli, una top ten nel segno della tradizione, ma anche molto gourmet, in continua evoluzione insomma. Scopriamola.

1° I Masanielli Francesco Martucci. Caserta


I Masanielli di Francesco Martucci è una realtà casertana ormai rinomata in tutta la regione ed è riuscita in poco tempo, a raggiungere numeri da capogiro per le pizze prodotte e per la clientela accolta, e ad affermarsi come uno dei punti di riferimento per la pizza di qualità.

1° Pepe in grani. Caiazzo


La pizza di Franco Pepe è una pizza fortemente identitaria, si avvicina sicuramente allo stile napoletano, ma non lo è completamente, è la "sua" pizza. Geniale l'ultima creazione "Ananascosta",piatto dell'anno per Identità Golose, un conetto di pizza fritta (una nuvola) con ananas, prosciutto crudo, salsa al grana padano e polvere di liquirizia. 

3° 50 Kalò. Napoli


La pizzeria è in piazza Sannazzaro, a pochi passi dal lungomare partenopeo, qui Ciro Salvo ha portato una pizza napoletana che esalta la tradizione grazie ad una selezione attenta, quasi maniacale degli ingredienti.

4° Gino Sorbillo ai tribunali. Napoli


Sempre affollata giorno e notte, da orde allegramente disordinate di turisti e napoletani veraci, la pizzeria di via dei Tribunali accoglie tutti e non accenna a fermarsi. Non esiste prenotazione, ma tutti sono accolti, se sanno aspettare, in una delle tre belle sale interne.

5° I Tigli. San Bonifacio (Vr)


Ambiente di elegante sobrietà, con arredamento in stile moderno. Il reparto forno e cucina è molto ampio e a vista. Vi lavorano 5 cuochi-pizzaioli preparati nelle varie mansioni e guidati da Simone Padoan, maestro di impasti, sempre alla ricerca di panificazioni e gusti nuovi.

6° Francesco&Salvatore Salvo. Chiaia, Napoli


Nella nuova sede napoletana, presso la splendida Riviera di Chiaia, i fratelli Salvo hanno trovato il connubio perfetto tra l'eleganza che deve avere oggi una moderna pizzeria e la fedeltà alla tradizione della pizza napoletana. La pizza dei fratelli Salvo esprime il territorio campano e non solo. 

7° La Notizia 94. Napoli


Un impasto morbido, fragrante e solubile, cotto con maestria accoglie tre ordini di guarnizioni: il primo ispirato alla tradizione ed elevato alla età contemporanea; il secondo stagionale, a rotazione, per esprimere la natura in ogni sua fase, nel rispetto dell'ambiente. Il terzo sono i pensieri di Enzo, che qui possono sfogarsi liberamente.

8° Seu Pizza Illuminati. Roma


È uno dei locali più famosi di Roma: Seu Pizza Illuminati si trova tra Porta Portese e Trastevere. Pier Daniele Seu l’ha inaugurata all’inizio del 2018 insieme alla moglie Valeria Zuppardo, che gestisce l’accoglienza e la sala con particolare attenzione.

9° Casa Vitiello. Tuoro (Ce)


Una pizzeria alternativa quella di Ciccio Vitiello,nel piccolo centro di Tuoro. Oltre al classico disco di pasta,creato con un proprio blend di farine, Ciccio usa una selezione di farine alternative come la canapa, grano arso, multicereali, finocchietto,curcuma e cacao. Gli impasti della pizza sono accurati e ben lievitati e il disco risulta gustoso e ben cotto con il riconoscibile cornicione a canotto.

10° La Gatta Mangiona. Roma


È da oltre vent’anni che gli appassionati possono godere delle innovazioni apportate da Giancarlo Casa e Sergio Natali, titolari della pizzeria che ha rimodellato il verbo qualitativo del settore: proponendo impasti approntati e maturati a dovere, cotture adeguate, materie prime ben assemblate, servizio giovanile veloce e preparato.

  • CLASSIFICHE
  • TENDENZE FOODIES

scritto da:

Margherita Maggio

Mi piace farmi raccontare una storia, cambiare umore ogni 5 minuti e collezionare stampi per i dolci. Per guadagnarmi da vivere vado a cena fuori la sera, e poi lo racconto su 2night: in fondo mi è andata alla grande.

POTREBBE INTERESSARTI:

​Se votano loro, gli chef stellati: i ristoranti (giovani) che piacciono e su cui scommettono

71 Top Chef, scelti da Identità Golose, hanno selezionato su chi puntare. Ecco tutti i nomi da provare assolutamente.

LEGGI.
×