Perché visitare Cerignola, la città delle olive più famose nel mondo

Pubblicato il 17 agosto 2023

Perché visitare Cerignola, la città delle olive più famose nel mondo

Cinque tappe da non perdere nella terra della Bella di Cerignola

Con i suoi oltre cinquantamila abitanti, Cerignola è una delle città frantoiane più famose di Puglia. Il comune in provincia di Foggia dà il nome ad un'altra, importantissima cultivar della regione: la Bella di Cerignola. Questa cultivar genera un olio evo con caratteristiche precise: colore verde con riflessi gialli, odore fruttato di buona densità, sapore di oliva appena franta con nota amarognola e piccante. La sua coltivazione potrebbe risalire all'epoca romana. Il suo successo è arrivato con l'esportazione negli Stati Uniti e ancora oggi l'attrattiva del prodotto per i mercati esteri garantisce un'attività molto importante e redditizia per la città. Nel 2000 la varietà di oliva da tavola Bella di Cerignola ha ottenuto la registrazione europea come Denominazione di Origine Protetta “La Bella della Daunia”. Se siete in zona, ve la ritroverete tra le ciotoline dell'aperitivo. La vocazione agroalimentare rende l'enogastronomia centrale nell'economia cittadina. Per questo, una volta a Cerignola, non si può prescindere da queste tre tappe.

Tutti insieme per comunicare l'olio evo


L'Oleificio Luongo è un luogo dove si fa cultura dell'olio dal 1978. Grazie alla voglia di fare sinergia, il brand ha iniziato ad aggregare le aziende della città per raccontare le singole identità produttive e riunirle sotto una parola chiave: eccellenza. L'oleificio offre la possibilità di seguire visite guidate degli impianti, con degustazione e pranzo conviviale anche all'aperto, per gustare appieno tutte le fragranze dell'olio extravergine d'oliva. Impossibile andar via senza aver acquistato almeno uno degli orcetti di design targati Luongo.
Strada Vicinale Santo Stefano 10, Cerignola (Fg)

Esplorare la città dal suo primo caffè


Caffè Plaza è il posto dove la giornata inizia e finisce sempre per il verso giusto. Il punto di forza di questo locale all'ingresso della città è la colazione. Disponibile dalle 06.30 fino a tarda mattina, è un rito celebrato con cornetti strepitosi, farciti al momento e cappuccini che sono una vera e propria opera d'arte, a cura del maestro di latte art Nicola. Ampio spazio anche per l'aperitivo, con finger food caldi e vini che raccontano il territorio. Si può sostare anche per la pausa pranzo, dove ci si può rifocillare con pucce e piatti di carne. Per gli amanti della pizza, la risposta è sempre la stessa: Plaza Caffè. La domenica la sosta è obbligatoria per portare a casa un sontuoso cabaret di paste.
Corso Scuola Agraria 5, Cerignola (Fg)

Dal "Barone" Tommaso Perrucci


Cioccolato, ma anche spirits: siamo da Bramo i Cioccolati, la corte del "barone" Tommaso Perrucci, dove il dolce diventa arte. Il Maître Chocolatier ha voluto inaugurare questo angolo dedicato a tutto ciò che prende forma dal cioccolato. Sperimentare e accogliere amici e appassionati è la vocazione principale di questo luogo, dove è ovviamente possibile darsi allo shopping sfrenato di leccornie dolci. Tra tavolette di cioccolato, creme spalmabili, praline e frutta candita, c'è l'imbarazzo della scelta. Ultime nate in casa Perrucci, ma non meno importanti, le praline alcoliche, preparate con il whisky americano Koval.
Via Don Minzoni 120, Cerignola (Fg)

Strade gastronomiche imprevedibili


Da Mistella Vino Pizza e Cucina la serata può prendere strade di gusto imprevedibili. Si può scegliere di gustare una pizza: bordo alto, ben condita, attenta alla stagionalità. Si può assaggiare il "Gargano per intero" attraverso un piatto a base di mousse di Baccalà, julienne di finocchio, fonduta di cacio podolico e pane bruciato. Il tutto accompagnato sempre dal giusto calice, selezionato dagli esperti sommelier del locale. Tra le referenze disponibili, vale la pena citare Es della cantina Gianfranco Fino.
Via G. Pavoncelli 101/103, Cerignola (Fg)

Dai campioni di accoglienza


Accanto all'orcetto di olio, da queste parti c'è sempre una bottiglia di vino e, come dice Rosario Di Donna, «solo chi manca di fantasia non trova una buona ragione per bere vino». Siamo da U Vulesce Vino e Cucina. Il nome di questa famiglia è legato a doppio filo al mangiar bene da oltre mezzo secolo. Al civico 3 di via Cesare Battisti ci sono due anime: il negozio di gastronomia, aperto nel 1955 da papà Nicola e la vicina enoteca, portata avanti dal secondogenito Rosario. La filosofia è sempre la stessa: qualità senza compromessi. L'arte dell'accoglienza è pari al grande piacere sperimentato a tavola e garantito da mamma Pina in cucina, maestra della tradizione pugliese rivestita di estetica.
Via Cesare Battisti, 3, Cerignola (Fg)

Le foto interne sono tratte dalle pagine social dei locali citati
Foto di copertina di Giovanni Zagaria, CC BY-SA 3.0 , via Wikimedia Commons (un'immagine legata alla festa patronale di Cerignola (Madonna di Ripalta) 

  • APERITIVI MEMORABILI
  • ANDARE PER BORGHI

scritto da:

Stefania Leo

Giornalista e appassionata di cibo, amo vedere e raccontare tutte le storie che si intrecciano in un piatto. Cucino, leggo e non mi fermo davanti a nessun ingrediente sconosciuto: è solo il punto di partenza per un nuovo viaggio gastronomico.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

​È ora di comprare l’olio! Ecco i migliori premiati dalla Guida agli Extravergini 2024 di Slow Food

Che il nostro olio fosse uno dei migliori al mondo, se non il migliore, è cosa nota.

LEGGI.
×