Ma quale sashimi. Crudi di mare nel Mestrino alla nostra maniera

Pubblicato il: 31 luglio 2019

Ma quale sashimi. Crudi di mare nel Mestrino alla nostra maniera

Se ti dico pesce crudo o (più raffinatamente) crudités di mare e sei nato sopra Linea Gotica, quasi sicuramente penserai a sashimi, nigiri, uramaki, e magari pure al Brioski ingoiato ad ogni ritorno dall'all you can eat
Non vorrei ostentare troppa saggezza senile, o campanilismo, ma ogni tanto penso: e se ci ingozzassimo una volta in meno all'all you can eat chino-giappo, concedendoci qualche ostrica in più? O magari una tartare (senza salsa di soia), due scampi di Marzara del Vallo o i ricci, in stagione (ovvero da luglio ad aprile). Dai, su, siamo in periodo di quattordicesima. Io son di Mestre, dunque ho cominciato da qui: 5 ristoranti per 5 cene con portata di pesce crudo. 

A Mestre

La Scuea di Sonia e Gabriele, è un piccolo ristorante che conta in tutto 28 posti, infatti ti consiglio sempre di prenotare. La specialità è il pesce, sia crudo che cotto, acquistato dai vicini mercati di Venezia e Chioggia. Giusto per farti venire fame, ti racconto tre piatto del menu: il bis di tartare con frutta e verdura di stagione, le variazioni di carpacci tagliati a coltello, gli scampi e le ostriche (dicono siano afrodisiache).
La scuea, Via Jacopo Filiasi, 93, Mestre, tel. 0415042151

Prima osteria, poi pizzeria e ora piccolo ristorante con dehors esterno, Ai Tre Garofani di Renzo e Michela, trovi il mare in tavola. Tante le specialità di pesce, da accompagnare, naturalmente, con un buon calice di vino bianco. In menu ci sono diversi piatti di pesce crudo, con abbinamenti talvolta curiosi: ad esempio la tartare di scampi e gamberi viene unita alla mela verde. 
Ai Tre garofani, Via Asseggiano, 308, Mestre, tel. 041991307

Suber, in via Garibaldi, è un tapas bar e ristorante nato dalla passione dello chef Nicola. Nonostante ami variare e sperimentare, lo chef rimane fermo su alcuni capisaldi: la sua cucina è essenzialmente una cucina di pesce e le etichette proposte spaziano dai rossi al Col Vettorazzo. Il menu cambia frequentemente, ma un piatto da Suber resta intoccabile: il gran crudo. Con scampi, gamberi rossi, involtino di capasanta all’alga nori, carpaccio e tartare del giorno, canoce, cappelunghe, ostriche e tartufi (quando sono di stagione) sentirai il mare esploderti in bocca.
Suber, viale Giuseppe Garibaldi 91, Mestre, tel.375 575 8044

A Marghera

La filosofia di Marco e Serena, chef del DiMe Bistrot, è "Vediamo cosa c’è di buono oggi sul mercato". Il vantaggio è doppio per il cliente: certezza sulla freschezza della materia prima e varietà. Il ristorante spicca, all'interno della zona industriale e dei centri commerciali, per il suo look ecclettico e interessante, tra le sedie di un vecchio cinema parrocchiale e le opere d’arte muranesi. 
Due diverse le proposte di menu: quello per la cena che, come vuole il format bistrot cambia spessissimo, e quello per il business lunch. Buono il rapporto tra prezzo e qualità che, lo sappiamo, nei crudi risulta fondamentale.  Interessante anche la cantina di vini con 60 etichette del territorio, e una bacheca di vini ospiti, sia italiani sia stranieri, aggiornata periodicamente. 
DiMe Bistrot, Via Colombara 42, Marghera, tel. 041923786

A Favaro Veneto

Scampi crudi, carpaccio di astice, tartare di ventresca di tonno: questi alcuni dei piatti che trovi al Caffè Concerto. E se per una volta, vuoi concederti il lusso di mangiare pesce crudo a casa come fossi al ristorante, qui puoi ordinare anche d’asporto tramite l’app che trovi direttamente sul loro sito. 
Caffè Concerto, Via Passo S. Boldo 21, Mestre, tel. 041634100

A Carpenedo

Al Leone di S. Marco si trova a Carpenedo, ad appena dieci minuti da Mestre.
La cucina di questo ristorante è specializzata nei crudi di mare, che hanno davvero una marcia in più, anche grazie agli abbinamenti audaci. Ti consiglio ad esempio il carpaccio di tonno con tartufo e timo, o il carpaccio di calamaro con finocchietto. 
Al Leone di S.Marco, Via Trezzo di Carpenedo, 8, Venezia, tel. 0415341742

A Campalto

La Trattoria al Passo è un ristorante, in zona Campalto, dotato di un dehors esterno e ampie vetrate, che lo rendono particolarmente luminoso. Dando un occhio al menu, ti accorgerai che la specialità di casa è il pesce crudo: se non sai scegliere fra la tartare e il carpaccio, puoi sempre optare per un piatto di crostacei crudi, per poi tornare sui tuoi passi e capire se ti sei chiarito le idee. Se così non fosse, ascolta me: prendi tutti e due, e bando all’indecisione. Tu e il tuo stomaco sarete decisamente più felici.
La Trattoria al Passo, Via Passo Campalto, 118, Venezia, tel. 041900470

A Noale

Se ti ritrovi a passeggiare per Noale, proprio sotto il sottoportico della Loggetta, vedi i tavolini di Cru, un ristobistrot moderno e innovativo guidato dalle sapienti mani di Simone, un maestro della ristorazione. Uno dei cavalli di battaglia di questo locale è sicuramente il crudo di pesce, abbattuto in loco e conservato sottovuoto. In menu trovi, quindi, la tartare di salmone, i gamberi di Marzara del Vallo, le canoce e gli scampi, impiattati con professionalità. Per una serata sopra le righe (che ogni tanto ci sta tutta) ti consiglio di ordinare una bottiglia di Franciacorta. Giusto il rapporto qualità prezzo. 
Cru, Largo San Giorgio 6, Noale, tel. 3396021057

Foto interne dalle pagine Facebook dei locali
Foto di copertina di Giorgio Minguzzi da Flick CC

  • TENDENZE FOODIES

scritto da:

Alice Chiarot

Veneziana doc, chiaccherona e dalla risata facile, appassionata di pallavolo e dello sport. Mi piace cucinare dolci, non potrei mai rinunciare al caffè, una buona parmigiana di melanzane e agli spaghetti.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Panettoni artigianali da menzione d'onore per questo Natale 2019

Il dolce di Natale per antonomasia, con o senza canditi, alto o basso, con cioccolato, fichi. Quelli che hanno trionfato a Re Panettone 2019.

LEGGI.
×