Night(s) at home: la Top10 delle birre da abbinare

Pubblicato il 11 aprile 2021 alle 07:32

Night(s) at home: la Top10 delle birre da abbinare

10 birre per 10 differenti serate a casa: i consigli del mastro birraio Simone Brusadelli per sceglierle al meglio

Le serate a casa, con coprifuoco, ormai sembrano tutte uguali. Per questo il mastro birraio Simone Brusadelli ha messo a punto qualche consiglio per renderle un po' più accattivanti. L'idea è semplice: ad ogni serata, la sua birra. 

Ad ogni serata la sua birra

Come abbinare la birra al tipo di serata che si vuole trascorrere? Il mastro birraio di Doppio Malto Simone Brusadelli spiega: “Le tipologie di birra sono numerose e la scelta potrebbe sembrare difficile. C’è chi sceglie in base alla gradazione alcolica, al tipo di fermentazione, o alle sfumature del gusto, chi invece in base alla propria personalità. Predilezioni individuali a parte, la birra è la bevanda adatta a una molteplicità di occasioni. Una cosa è certa: la birra unisce e crea un’esperienza da condividere”.

10 birre per 10 serate: i consigli del mastro birraio

Una Triple Honey Ipa, ad alta fermentazione, è perfetta da accompagnare alla visione di un grande classico cinematografico: intrigante, di carattere, generosa di emozioni, amabile ma allo stesso tempo delicatamente amara, ricca e complessa come un vero capolavoro (La Crash).

Giornata piena di call, progetti da consegnare e l’unica cosa che si vuole fare è rilassarsi guardando la propria serie tv preferita? Una classica Pils: a bassa fermentazione, caratterizzata da un equilibrio perfetto tra la dolcezza dei cereali e la forza del luppolo che ne esalta la freschezza, è la birra che ci vuole (Oak Pils).

Con il lockdown sono aumentati gli utenti che si ritrovano a giocare in gruppo a videogiochi online. Alla serata gaming si può abbinare un’americana, stile Extra Special Bitter, ambiziosa, secca e dissetante che sa dare la giusta carica per vincere ogni partita (Bitter Land).

Poi c'è chi, dopo aver scoperto la passione per la cucina durante il primo lockdown, cimentandosi nella realizzazione dei classici, ora vogliono conoscere ed esplorare nuove tradizioni e cucine etniche: se il menu prevede ravioli di carne al vapore, spaghetti di soia con carne e verdure e pollo alle mandorle, l’ideale è abbinare una Ginger Ale, ad alta fermentazione, dal colore ambrato e dal profilo spiccatamente balsamico, che possa rievocare i profumi e l’atmosfera di un lontano mercato orientale (Zingibeer).

Che sia un compleanno, una promozione o un anniversario, bisogna festeggiare. E se il distanziamento sociale non permette di riunirsi, si può sempre fare una videochiamata di gruppo e brindare con una Ipa ad alta fermentazione, dal gusto lungo, equilibrato e importante, come l’occasione da festeggiare (Mahogany Ipa).

Appuntamento con la squadra del cuore: divano, pizza e una English Strong Ale, forte e ad alta fermentazione, sono gli ingredienti perfetti per la serata del tifoso (Stone Ale).

E se lui è concentrato a guardare la partita, ci si può ritagliare del tempo per sé stesse, dedicandosi a una skin care più approfondita, con in sottofondo la playlist o il podcast preferito, sorseggiando una IPA pigra e oziosa, dal colore velato, con una gradazione alcolica bassa, dal gusto intensamente fresco e agrumato (Summer Ipa).

Dalla cura del corpo a quella della mente: per chi volesse passare la serata in compagnia di un romanzo da sogno, la compagna perfetta è una birra ricca di aromi in stile doppelbock (La doppia).

E se l’idea di relax è una serata di chiacchiere infinite in videocall? Mentre ci si scambia consigli e si risolvono problemi, una classica Helles, birra a bassa fermentazione dal gusto morbido poco luppolato, è l’ideale (Leila senza glutine).

Infine, non va dimenticato anche un incontro faccia a faccia, ovviamente con i propri congiunti: in questo caso una Ale dal colore ambrato, ben equilibrata con delicate note di frutti rossi, è ciò che serve (Rust Ale).

La birra è sempre più amata 

Chiara, scura, ambrata o speciale: la birra mette d’accordo tutto lo Stivale. In epoca Covid-19 il legame tra gli italiani e la bevanda rinfrescante rimane indissolubile e si rafforza, adattandosi al cambiamento delle abitudini di consumo.

È quanto emerge dalla ricerca condotta recentemente da BVA Doxa per AssoBirra, dove il numero di italiani che acquista birra online cresce del 19%: di questi, 1 su 4 dichiara di aver iniziato ad utilizzare il canale e-commerce proprio durante il primo lockdown.

Tra i numerosi vantaggi dell’acquisto in rete prevale la possibilità di informarsi più approfonditamente (69%) e di lasciarsi ispirare dall’ampia varietà di birra presente nelle vetrine virtuali (43%).

Oltre all’e-commerce, secondo AssoBirra, più del 50% degli italiani ha ordinato birra da asporto da locali, bar e pizzerie vicino a casa, supportando così il settore della ristorazione ancora in difficoltà.
Sempre secondo l'analisi dell0associazione, più di 8 italiani su 10 pensa che la birra sia adatta a qualsiasi occasione. 
 
Photo Credits: foto fornita Uff. Stampa 
 

  • NOTIZIE

scritto da:

Irene De Luca

Agenda, taccuino, registratore e macchina fotografica. Attenta alle nuove tendenze ma pur sempre “old school inside", vago alla ricerca di ispirazioni, di colori, di profumi nuovi per raccontare una Milano che poi tanto grigia non è.

×