Ti porto a mangiare una fiorentina in Veneto degna della Toscana: 7 indirizzi

Pubblicato il 19 luglio 2022

Ti porto a mangiare una fiorentina in Veneto degna della Toscana: 7 indirizzi

Una volta uno chef, mi ha detto che una buona bistecca Fiorentina per essere tale, deve rispettare delle regole rigidissime sulle sue caratteristiche. Ad esempio, non dovrebbe mai stare sotto le 4-5 dita, la sua forma tipica data dall'osso, dovrebbe essere quella di una T, il suo specifico taglio, solo quello della lombata di un vitellone di razza chianina, ma sono tollerate anche le maremmane, le marchigiane e le romagnole. Solitamente una bistecca dovrebbe pesare all’incirca 800 grammi, la cottura essere rigorosamente al sangue, cotta su brace senza condimenti e i veri intenditori la girano una sola volta, ma senza mai pungerla.

Secondo alcuni guru del barbecue trovati sul web:

Sotto le 4 dita è carpaccio; la cottura deve essere di 5 minuti per lato e 15 in piedi, anzi no, forse è meglio 12; non va mai messo il sale prima, al massimo quello grosso, ma se la spennelli con un filo d'olio diventa una bistecca fritta, perché l'olio va messo dopo; se non sei fiorentino non sei degno di parlarne, ma se proprio devi dire la tua, non chiamarla mai solo Fiorentina perché quella è la squadra. 

Aiutooo! La questione si fa seria quando si parla di “ciccia” e con i fiorentini c’è poco da scherzare. Io, per sicurezza premetto che, in questo articolo NON ho nessuna intenzione di parlare di come debba essere cucinata la vera bistecca alla Fiorentina e so bene che la patria indiscussa sia la Toscana, su questo non ci metto il becco. Però girovagando qua e là, ho trovato chef preparati. Dunque, chiedo per un amico, se per caso si volesse mangiare la bistecca Fiorentina in Veneto, tappando le orecchie a tutti i fiorentini, dove si dovrebbe andare?

Non me ne vogliano i vegetariani e nemmeno i vegani, ma da carnivora impenitente, vorrei segnalare io, qualche indirizzo. Ecco quelli giusti per tutti coloro che vogliono andare subito a colpo sicuro.

A Padova


Non è Firenze, ma se chiudi gli occhi, ne senti subito il profumo e soprattutto il gusto. Sto parlando del ristorante Passando per Firenze di Padova, che ogni giorno porta in tavola le tradizioni fiorentine, con le stesse ricette di un tempo, quelle tramandate da nonna ma in chiave gourmet. In questo locale tutto è fiorentino Doc, dai salumi al vino, all’acqua e pure il pane. La pasta è fatta in casa e la si trova con il ragù di cinghiale e crema di funghi porcini o con la finocchiona croccante. Per i veri carnivori, in questo locale i tagli di carne sono in una cella a vista e c’è un macellaio professionista che se ne occupa. La bistecca alla Fiorentina è servita su un tagliere di legno, già porzionata come vuole la tradizione e ti forniscono una mannaia, un coltello in tipico stile fiorentino, per adagiarla sul piatto.
Passando per Firenze. Via Adriatica, 63 - Padova. Tel: 3896530544

A Mestre


Ai piedi della Torre Civica di Mestre, l’Osteria Birreria La Torre, propone carne alla griglia, tagli dry aged a lunga frollatura, conservati in una vetrina di mantenimento ad umidità controllata. Per le cotture, lo chef sperimenta basse temperature e affumicature sulla griglia. Nel menu, non mancano piatti di pasta fresca fatta in casa, come le chitarrine al ragù d’anatra, i ravioli di stracciatella di buffalo, hamburger gourmet e anche alcune opzioni vegane. Se passi a orario aperitivo trovi cicchetti creativi fatti con prodotti di stagione, da abbinare a vini biologici e biodinamici, oppure birra artigianale non filtrata fornita da piccole realtà del mondo brassicolo italiano. Bello il platetico per cenare all'aperto!
Osteria Birreria La Torre. Via Della Torre, 12/14 - Mestre (Ve). Tel: 3911217949

A Treviso


Verso le campagne di Treviso, nella zona nord e più precisamente a Povegliano, dove prima sorgeva il ranch, oggi c’è un locale che merita il viaggio. Più che un menu, quello de I Due Camini è un testo sacro sulla carne. Non mancano le serate a tema abbinate al vino giusto. In questo locale farsi una mangiata di carne è riduttivo, perchè a I Due camini si vive un’esperienza. I loro cavalli di battaglia sono: costate e fiorentine con frollatura, ma anche Picahna argentina, Rossa Danese, Sashi finlandese, Patanegra, Cuberoll australiano e da provare anche le costolette di agnello dalla Nuova Zelanda. Non voglio dimenticare le otto diverse tipologie di carni allo spiedo in bella vista, che vengono tagliate direttamente al tavolo. Vorrei menzionare giusto così, anche i fiumi di birra artigianale.
Ristorante Due Camini. Via Mario Fiore, 114 - Povegliano (TV) Tel: 04221821512 

A Verona


A Verona, dietro l'Arena, dove prima sorgeva un vecchio pub è stato aperto Butcher e già dal nome direi che è una garanzia. Questo locale propone un interessante fuori menù di tagli appositamente selezionati, affinati nel whisky, erbe e burro nocciola. Nel menu trovi costate e fiorentine, carne di cavallo, selezioni belghe e giapponesi, ma anche tagliate e filetti all’interno di sfiziosi hamburger. Butcher è sempre una scoperta e ha rivoluzionato il concept di ristorazione creando il primo allevamento del ristorante nel Parco Nazionale del Cilento. In questo luogo fa crescere animali selezionati di razza Podolica e Pezzata Rossa. Butcher è anche d’asporto sia per portate già preparate, che con tagli di carne della sua macelleria, da cuocere comodamente a casa.
Butcher. via Leoncino, 7A - Verona. Tel: 0454682130
Chiuso per ferie da lunedì 8 agosto a domenica 21 agosto.

A Vicenza


Ai piedi delle scalette di Monte Berico, nel centro storico di Vicenza, trovi l'Osteria il Buganiere. Qui si mangiano piatti del territorio secondo la stagione, da abbinare a vini locali. Ci si accomoda direttamente sulle botti che fanno da tavoli o nel giardino esterno per una cena sotto le stelle. Si inizia con diversi tipologie di taglieri misti di affettati e formaggi, per continuare con piatti di pasta fresca fatta in casa come i bigoli al ragù d’anitra, o i maccheroncini con i porcini fino alla loro specialità: la carne. Nel menu de l’Osteria il Bruganiere trovi la Fiorentina di Angus irlandese, oppure puoi scegliere tra tagliata di Manzetta Prussiana o150 grammi di battuta di Fassona Piemontese. Si conclude con dolci del giorno oppure con il tiramisù con zucchero Moscovado dei Caraibi o Tortino al cioccolato fondente del Sud America.
Osteria il Buganiere. Viale Margherita, 105 - Vicenza. Tel: 0444321219

A Rovigo


Da Quinto Quarto Steakhouse a Rovigo, di carne se ne intendono e non poco. Basti pensare che utilizzano frigoriferi “speciali" progettati appositamente, per ricreare il microclima perfetto e le reazioni naturali, per la stagionatura dei salumi. Qui trovi tagli di carne pregiate dalle nazionali a quelle internazionali, costate, filetti ma soprattutto fiorentine da 1 kg con frollatura da 30 o 90 giorni. Puoi ordinare: la Chianina, la Masuria polacca, l’Angus italiano, il Sashi filandese "Wagyu Europeo"e la Mazoy polacca, ma anche la Frisona e la Fassona piemontese. Ad ogni carne il suo vino, ma in questo locale trovi solo quelli che, sposano una filosofia produttiva orientata alla filiera corta, dal produttore alla tavola del consumatore. Nel menu non mancano primi piatti di pasta fresca fatta in casa, come gli spaghettoni al torchio o le pappardelle. Se ti resta un posticino, lascialo per il tiramisù, merita.
Quinto Quarto Steakhouse. Viale Porta Adige, 45a - Rovigo. Tel: 3249937921
Chiuso per ferie dal 4 al 21 agosto.

A Belluno


In pieno centro di Pedavena, affacciato sul giardino della storica villa Berton in una vecchia stalla ben ristrutturata, immerso nel verde, sorge l’Osteria al Bevitore. Locale rustico arredato tutto in legno, la tovaglia non c’è, perchè qui usano quelle di carta. L’oste è molto simpatico e il menu non è la solita poesia recitata a memoria, ma un vero e proprio racconto dei piatti, che fa lui direttamente ai tavoli. Se vuoi evitare il solito giro turistico ed assaporare un pò di tradizione, accompagnato da fiumi di birra di quella buona, l’Osteria al Bevitore è il posto giusto. Si mangiano taglieri di formaggi della valle, gnocchi di pane e verdure cotte, bucatini con le acciughe, coniglio con la polenta come lo faceva nonna, ma soprattutto diversi tipi di carne alla brace e ovviamente la Fiorentina, che qui la fanno al sangue come piace a me. Il vino è di aziende locali, ma merita un assaggio anche quello sfuso direttamente in fiaschetta. Se non sai cosa scegliere leggi la lavagna o chiedi. I dolci sono fatti in casa.
Osteria al Bevitore. Via Dante Alighieri, 1 - Pedavena (Bl). Tel: 3668285525

Foto di copertina di Pixabay, foto di ripertorio, dai rispettivi social.
 

  • RISTORANTE DI CARNE

scritto da:

Nicole Rossignoli

Viaggio sempre, per passione, per lavoro e con la mente. Nel turismo da una una vita, magistrale in Promozione e Comunicazione Turistica, quasi sommelier, aspirante UNinfluencer. Assaggio, scrivo e promuovo mete di gusto e viaggi diVini. Annuso le pagine dei libri, mi perdo nei mercati, compro spezie, guardo le stelle, mi lascio spettinare dal vento e mando cartoline. Ho vissuto un po' di qua e un po' di là, ma poi torno sempre nella mia amata Verona. Adoro il gelato al pistacchio e non posso vivere senza caffè.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

10 consigli per un’estate sostenibile e contro lo spreco di cibo

Se lo spreco alimentare venisse ridotto del 50% entro il 2100, si potrebbe rimanere nel target di un aumento delle temperature di 2°C.

LEGGI.
×