Mangiare sotto le stelle ma al calduccio: i tavoli all'aperto riscaldati di Mestre e Marghera

Pubblicato il 4 dicembre 2023

Mangiare sotto le stelle ma al calduccio: i tavoli all'aperto riscaldati di Mestre e Marghera

Certo, se guardi la tv in questo periodo pre natalizio potresti anche convincertene. Di cosa? Beh, con tutti i film a stelle e strisce (ma anche di casa nostra) dove alla fine trionfa l'amore, e immancabilmente nevica ma tutti sono felici e contenti, potresti anche pensare che basti l'affetto per scaldare corpo e anima. Poi torni alla realtà e i geloni sono dietro l'angolo. Ecco allora che i locali mestrini si sono industriati per regalare anche durante i rigidi rigori invernali cene (e aperitivi) all'aperto riscaldati non solo dall'amore e dall'amicizia, ma anche da ben più concreti funghi, fuocherelli e quant'altro possa emanare calore. Un modo per continuare a godere di location degne di nota anche quando la colonnina scende piuttosto in basso.

Dove il pesce comanda


Quando scrivevo di "bella location" pensavo soprattutto a La Patatina, il locale che da un anno a questa parte ha fatto parlare di sé in quel di corte Legrenzi soprattutto per la sua fantastica cucina di pesce. Qui si può cenare in uno dei luoghi più belli di Mestre, di sicuro tra i più iconici. Il locale è situato in una corte a due passi da piazza Ferretto ma il tran tran cittadino sembra lontano anni luce. La cena è un tripudio di pesce crudo tra scampi, ostriche, gamberi, capesante e tartare. Tra i primi (super instagrammabili) i loro spaghetti A&O La Patatina con fonduta di grana e taleggio, tartare di gambero rosso e burrata IGP mentre tra i secondi attenzione al tonno scottato top, agli astici e alle super fritturine. Cosa volere di più?
La Patatina C. Legrenzi. Calle Giovanni Legrenzi, 26 - Mestre (Ve). Tel. 0416399855

Dove cultura, innovazione e gusto si fondono


Tanto di cappello perché mantengono lo stesso entusiasmo degli esordi in una zona non semplice come via Piave. Tanto di cappello perché, anno dopo anno, gli eventi culturali organizzati da Grand Central si sviluppano e diventano sempre più interessanti. Tanto di cappello per questo bistrot-container con corte esterna riscaldata che cambia pelle in base all'ora della giornata. La sua cucina si contraddistingue soprattutto per ingredienti del territorio che, alla bisogna, vanno a comporre proposte internazionali. Così qui si finisce a fare colazione all'inglese e poi, la volta seguente, ci si ammazza di cicchetti e, a cena, si spazia dal pesce, alla carne, alla pizza. Ce n'è per tutti i gusti.
Grand Central. Piazzetta Monsignor Giuseppe Olivotti, 1 - Mestre (Ve). Tel: 041978278

Dove il vino fa rima con "pasta e fasioi"


Gran vino, gran risotti e soprattutto, per me che ne sono ghiotto, gran "pasta e fasioi". L'Osteria Da Gino è un'istituzione del centro città e un punto di riferimento per tutto l'arco della giornata. Dal pranzo all'aperitivo, fino a inerpicarsi alla cena e al dopocena, la sua cucina tradizionale ha tutti i gusti e le consistenze del nostro territorio. Si può stare fuori e si sta pure bene. Anche perché per calle Legrenzi ci passa mezza città quindi la serata prende sempre una piega che non avevi preventivato. In meglio.
Osteria Da Gino. Calle Giovanni Legrenzi, 39 - Mestre (Ve). Tel. 041983385

Dove si punta allo street food di qualità


Dal cicchetto all'hamburger, dal pesce alla carne. Petit Bistrot, in piazza Ferretto, guarda allo street food e al finger food ma lo eleva a un altro livello sia estetico, sia di gusto. Ingredienti ricercati fanno il paio con prodotti del territorio e della tradizione. Un connubio che mi piace e diverte molto, perché le mozzarelle in carrozza possono anche essere mini e i panini possono anche essere bao, alla orientale, gordi come non mai. Il giro del mondo poi continua tra poké, fish and chips e i cicchetti di casa nostra. Mai una delusione, soprattutto per quanto riguarda cocktail e aperitivi.
Petit Bistrot. Piazza Erminio Ferretto, 7 - Mestre (Ve). Tel: 3314427605

Dove trovi i paninazzi di qualità e non solo


Da Bistrot 55 ci sono andato quando la fame chiamava e avevo voglia di un hamburger alla "man vs food" ma anche quando avevo voglia di non esagerare e, anzi, di provare qualcosa di fuori dall'ordinario, gustando del grande hummus. Uno dei locali del centro dove è più semplice mettere d'accordo tutti, vista l'offerta "inclusiva". In più la possibilità di godere del suo plateatico anche quando è freddino anzichenò schiude opportunità che non avevi considerato.
Bistrot 55. Piazza Erminio Ferretto, 55 - Mestre (Ve). Tel. 392916990

Nascosto nei meandri di Piazza Ferretto


All'Hostaria Al Buso ci si scalda che è un piacere, avviluppati nei "meandri" di Piazza Ferretto. Mi è sempre piaciuto questo locale che o lo sai che c'è oppure passi oltre senza accorgetene, e sbagli. Ci si arriva da un piccolo varco nella piazza e, dopo qualche passo, ti si schiude un piccolo grande regno della cucina tradizionale veneziana con cicchetti top e una grande passione per vini e bollicine.
Hostaria Ristorante Al Buso. Piazza Erminio Ferretto, 13 - Mestre (Ve). Tel. 0413094706

Dove il brunch detta legge


Il mio piccolo grande rifugio quando mi muovo per lavoro e ho bisogno di una presa elettrica d'emergenza per scrivere testi o riordinare appunti. Fantastico Brunch Republic, con il suo plateatico su misura per coppie, comitive e anche per lavoratori solitari che cercano il posto giusto per ottimizzare il tempo e gustarsi qualcosa di buono. Sono ghiotto delle loro turkish eggs e, chiaramente, la loro proposta brunch è tutta da provare. Più e più volte.
Brunch Republic Mestre. Viale Giuseppe Garibaldi, 7D - Mestre (Ve). Tel. 041615298

Dove trovi i paninazzi verticali


Gli hamburger di Helmut li conoscete a menadito, ne sono sicuro. Tanto che il brand si è allargato dalla Marca fino da noi mettendo salde radici in corte Legrenzi. Se siete amanti dei paninazzi "verticali", quelli tenuti insieme dallo stecco per prendersi gioco della forza di gravità, allora questo locale fa al caso vostro. Attenzione, però: che non si pensi che qui si guardi solo alla quantità, perché in fila vengono messi ingredienti uno più di qualità dell'altro, salse comprese. Il più delle volte, infatti, sono fatte in casa.
Helmut Mestre. Calle Giovanni Legrenzi, 31 - Mestre (Ve). Tel. 0417124980

Dove si punta sulla filiera corta, anzi cortissima


Da Fermenti, proprio di fronte al Teatro Toniolo, ci vado per gustare la loro carne prodotta al parco rurale di San Floriano, in Friuli, o per gustarmi un aperitivo in compagnia nel grande plateatico esterno che, immancabilmente, a una certa si riempie di giovani o diversamente giovani come me. Il motivo è l'atmosfera easy e la qualità elevata rispetto al livello dei prezzi. Qui si mangia bene in tutte le stagioni, compresi la fine dell'autunno e il successivo lungo inverno. Da provare.
Fermenti. Via Cesare Battisti, 13 - Mestre (Ve). Tel. 0415646356

A due passi dal teatro


Sarà la vicinanza al Toniolo, sarà il nome "Dietro le Quinte", ma quando vado in zona piazza Ferretto o Candiani spesso faccio una tappa in questo locale per una cena a base di pesce. Ci vado quando ho voglia di qualcosa di semplice ma gustoso, fatto come si deve. Il trionfo della tradizione veneziana senza troppi fronzoli: così giù di seppie, baccalà, saòr, bigoi e tutti quei profumi e quegli aromi che, di solito, sentivi a casa della nonna. E che dire del sugo alla busera, spaziale!
Dietro le Quinte. Piazzetta Cesare Battisti, 9 - Mestre (Ve). Tel: 041985653

Al Forte come fosse primavera


I locali di Forte Marghera, dove trascorro spesso le mie giornate libere per via delle molteplici iniziative culturali, musicali o artistiche, si possono vivere tutto l'anno. Non una cosa scontata. Per la tua grigliata ignorante da Gatto Rosso o per la tua cena di livello da Il Bagolaro, oltre che per la tua giornata all'aperto da Gipsy Grill, tra lampade, funghi e verande mi sento a mio agio come fosse primavera, anche se le foglie oramai sono cadute tutte al suolo.
Gatto Rosso. Via Forte Marghera, 30a - Mestre (Ve). Tel. 3518032011

Foto interne dalle pagine social dei rispettivi locali
Foto di copertina dalla pagina Facebook di La Patatina Legrenzi.

  • MANGIARE ALL'APERTO
  • APERITIVI MEMORABILI

scritto da:

Alessandro Nardo

Prima studente, poi studente-lavoratore ora lavoratore e basta. Amante di quelle buone cose che le nostre mani possono produrre in modo artigianale guidate da passione e professionalità. Cerco l'originalità nella tradizione e la tradizione nell'innovazione, perché un mondo standardizzato non fa per me. Meglio cambiare spesso ritmo.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

10 giardini molto belli da visitare per i ponti di primavera

Cura maniacale, specie rare, colorazioni stupefacenti in ogni periodo dell'anno.

LEGGI.
×