E mica esiste solo alla milanese. Eccoti 5 indirizzi dove innamorarti dell'ossobuco alla fiorentina

Pubblicato il: 25 marzo 2019

E mica esiste solo alla milanese. Eccoti 5 indirizzi dove innamorarti dell'ossobuco alla fiorentina

Chi pensava che l’ossobuco fosse una tipica preparazione milanese dovrà ricredersi. Si tratta di un secondo tipico della tradizione fiorentina, arricchito o meno di salsa di pomodoro, più o meno piccante. Dove trovarlo a Firenze? Ti segnalo 5 locali tipici con l’ossobuco alla fiorentina nel loro menu.

La cucina toscana dell'immaginario di fiorentini e turisti


La centralissima trattoria L’Oriuolo propone la classica cucina toscana della tradizione contadina con un menu semplice ma variegato. Dagli antipasti ai primi e, soprattutto, nei secondi, c’è tutto quello che rappresenta la cucina locale nell’immaginario dei fiorentini e dei turisti. L’ossobuco alla fiorentina si può far precedere da una zuppa o una pasta e accompagnare da un contorno a scelta (fagioli, patate, spinaci o insalata). L’ambiente è caldo e accogliente.

Il menu più ampio per mangiare e per bere


Un locale storico aperto come locanda nel 1600 e trasformato in trattoria 40 anni fa, Trattoria Za Zà accontenta fiorentini e turisti. Il menu, in diverse lingue, propone piatti vecchi e nuovi (tante tartare), vini locali e cocktail modaioli, per dare la massima scelta ai clienti. Tra i secondi, l’ossobuco alla fiorentina è proposto ai funghi con fagioli all’uccelletto, per renderlo ancor più saporito. Oltre alla carne, si possono ordinare pizze e insalatone. L’ambiente è trasformista e divertente, allargatosi per acquisizioni successive e con un dehor esterno.

La cucina della tradizione toscana rivisitata dallo chef 


Come interpreterà lo chef Emiliano Chiarugi del ristorante Buca Poldo la classica ricetta dell’ossobuco alla fiorentina? Viene proposto cotto alla maniera di Firenze e servito con i tradizionali fagioli all’olio di rosmarino. Ti consiglio di provarlo perché la sua cucina si caratterizza per la sperimentazione e riproposizione di piatti toscani rivisitati in chiave neo-rinascimentale e moderna. Il ristorante, oltre alla storica buca seminterrata, ha anche due dehor, uno interno, più riservato, e uno con vista sulla Firenze medioevale.

Dove la goliardia è di casa da oltre un secolo


Un locale storico nel pieno centro di Firenze in cui si respira ancora l’atmosfera di un secolo fa, l'Antica Trattoria da Tito dal 1913. I prodotti più genuini proposti con le vecchie ricette della nonna e tanto amore. Dai formaggi e salumi selezionati alla pasta fresca tutti i giorni, dai sughi a cottura lenta alle minestre del giorno, per passare agli spezzatini, trippa, arrosti tra cui il classico ossobuco alla fiorentina accompagnato dai piselli stufati e, per finire, dolci fatti in casa. La goliardia e l’ironia sono di casa in trattoria per cui l’ingresso è vietato per chi si prende troppo sul serio.

Per chi vuole degustare la cucina toscana a lume di candela 


Se volete "la cucina toscana a lume di candela", l’indirizzo giusto è quello de Il Paiolo aperto quasi 40 anni fa in una delle vie più trafficate da turisti e fiorentini. Il piatto forte è la bistecca alla fiorentina, di diverse tipologie, che si può ammirare sin dalla vetrina o ancora la tagliata di manzo, la trippa, cinghiale e polenta e l’ossobuco alla fiorentina. Tante le zuppe povere, di pane e verdure, tipiche della tradizione e una scelta di antipasti e dolci fatti in casa. Vini rossi toscani e una selezione di grappe e distillati completano l’offerta. Alle pareti pentole e pentolini in rame, i paioli, e altri oggetti e stampe artigianali.

Foto copertina di Trattoria l'Oriuolo

Se vuoi scoprire altri ristoranti in cui degustare le ricette tradizionali, iscriviti alla newsletter 2night!

  • RISTORANTI E PIATTI TIPICI
  • CENA
  • PRANZO

scritto da:

Laura De Benedetto

La sua comfort zone è il moto perpetuo. Lavora in luoghi dinamici a progetti innovativi con gente sorprendente. Il suo core business? Creare relazioni e sinergie tra le persone. Amava Milano e, adesso, ama Firenze, città natale di suo figlio. Negata in cucina, apprezza chef e locali emergenti.

POTREBBE INTERESSARTI:

Te lo racconto io lo yoga. Wanderlust 108, ovvero come ho trovato la mia dimensione, divertendomi

L’unico Mindful Triathlon al Mondo. Cinque chilometri da percorrere correndo o camminando, una sessione di yoga e una di meditazione guidata.

LEGGI.
×