Anna e la sua Ca' della Brace: credere nell'ottima carne alla portata di tutti

Pubblicato il: 20 ottobre 2020

Anna e la sua Ca' della Brace: credere nell'ottima carne alla portata di tutti

Non c'è niente di più gratificante del soddisfare una voglia gastronomica. Lo sa bene Anna che con Ca' della Brace ha creato un tempio della carne (cotta alla brace su camino a legna) alla portata di chi muore dalla voglia di addentare un taglio di carne pregiato. Ca' della Brace è un ristorante aperto a "tutti quelli che non hanno la brace a casa": una braceria dove la qualità è il motore di ogni selezione. Soprattutto un ristorante di cui fidarsi perché "consigliamo i nostri clienti spassionatamente, se sono inesperti sappiamo indirizzarli al meglio". Genuinità dall'inizio alla fine.

Anna, come scegliete la carne da proporre al ristorante?

La cosa più importante è dare alle persone la possibilità di assaggiare sempre qualcosa di nuovo. Per questo nel nostro Menù del giorno inseriamo le proposte, nazionali e internazionali ,che ci hanno incuriosito. Dico "ci" perché quella della ricerca è una parte del lavoro che ha appassionato tutto lo staff, il nostro è un lavoro di squadra. Il menù del giorno serve anche come "test" per capire cosa piace di più ai nostri clienti ed eventualmente inserirlo in modo permanente. Poi, oltre alla qualità della carne, per noi imprescindibile, abbiamo tante accortezze: la scelta perfetta per ogni cottura, la marezzatura giusta, la lombata intera da cui ricaviamo costata e fiorentina, la cella per la frollatura... i carichi arrivano 2 o 3 volte a settimana e non c’è niente di surgelato.

Un ristorante per appassionati... e i clienti curiosi che non se ne intendono?

Qui c'è posto per tutti. Ca' della Brace è aperto a tutti quelli che non hanno la brace a casa, ma vorrebbero! Tutto lo staff è appassionato, preparato e capace di consigliare inesperti e indecisi. Cerchiamo di non forzare mai la mano e di stare attenti alle quantità e se ci accorgiamo di un'ordinazione inconsapevolmente troppo abbondante lo facciamo notare agli interessati. La vetrina, davanti alla brace, aiuta nella scelta perché ciò che viene cucinato sulla griglia è a vista. In generale, il menù è studiato per dare la possibilità a tutti di assaggiare della carne altamente selezionata e cotta a puntino, anche a chi non vuole sempre spendere molto. Lo stesso vale per il vino, abbiamo bottiglie di tante fasce di prezzo e il vino della casa alla spina o imbottigliato con la nostra etichetta personalizzata.

Credo che la convivialità della brace richiami molti gruppi, se ci fossero vegetariani o celiaci?

Li accogliamo con piacere entrambi! Sia nel menù del giorno che alla carta le alternative tra antipasti, primi e contorni non mancano. Le persone celiache non avranno problemi perché la griglia è integra da farine e abbiamo la pasta senza glutine. Ovviamente, tutti i prodotti seguono la stagionalità.

Quali sono le specialità più apprezzate qui a Ca' della Brace?

Picanha all’argentina, ovvero punta di culaccia marinata e servita con chimichurri e salsa criolla, la grigliata Argentina, in cui trovi le coste di manzo disossate cotte all’ “Asado”, la tagliata di maialino iberico e le ribs. Ovviamente Costate, fiorentine e tartare non mancano mai. La Pancetta di Sauris croccante "in saor", per la quale ci fanno i complimenti e che potete trovare tra gli antipasti, è un piatto da assaggiare sicuramente. Poi piacciono molto le tagliate di Angus argentino. Piacciono molto anche la tagliata di diaframma e le costolette d’agnello.

Massima attenzione alla materia prima quindi, e poi?

Il servizio è fatto di tante accortezze a partire dalle prenotazioni, telefoniche perché preferiamo un contatto diretto con le persone in modo da poterle accontentare al meglio. I mezzi di contatto freddi non fanno per noi! Poi serviamo dei crostini di pane fatto in casa come benvenuto e, con la carne, portiamo a tavola dell'olio D.O.P di varie regioni d'Italia e del sale pregiato britannico, bianco e affumicato.

La cottura alla brace, quali sono le regole per una buona riuscita?

Ti risponderei che è una vera e propria arte. Bisogna considerare moltissimi fattori e sono davvero contenta del mio staff che riesce a farlo gestendo diverse cotture contemporaneamente. La nostra è una cottura originaria, fatta con camino a legna: questo non può che esaltare il sapore della carne che è selezionatissima.

  • GLI ADDETTI AI LAVORI

scritto da:

Margherita Maggio

Mi piace farmi raccontare una storia, cambiare umore ogni 5 minuti e collezionare stampi per i dolci. Per guadagnarmi da vivere vado a cena fuori la sera, e poi lo racconto su 2night: in fondo mi è andata alla grande.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

La classifica della Guida Michelin 2021: gli stellati regione per regione

327 ristoranti italiani inseriti nella guida da 1 a 3 stelle. La Lombardia rimane la regione più stellata

LEGGI.
×