Una certezza giornaliera a Poggiofranco

Pubblicato il 17 aprile 2019

Una certezza giornaliera a Poggiofranco

Intervista a Claudia e Gaetano del Cafè Tazze Pazze

Per conoscere meglio un locale mi piace scoprire chi c'è dietro, e soprattutto partire dalla sua storia. Cosa facevi prima di aprire il Cafè Tazze Pazze?
CLAUDIA: Lavoravo già in questo settore con Gaetano, mio marito, nel nostro precedente bar in tutt'altra zona. Si chiamava "Friends Cafè".
GAETANO: Era in Strada Calvani, sempre a Bari, ma ci trovavamo in un'area secondo me troppo nascosta. Così decidemmo di spostarci e ripartire da zero: nuova zona, nuovo locale, nuovo nome. Nell'Ottobre del 2017 nacque questa avventura a Poggiofranco.

Come nasce questo nome?
CLAUDIA: Appena entri in un locale che vuoi utilizzare in qualche modo fantastichi subito su quello che vorrai realizzarci all'interno, quindi guardando una parete pensai: "Qui potremmo mettere un'esposizione di tazze particolari sul tema "caffetteria". Nacque così il nome "Tazze Pazze".

Un aspetto non poco importante per un locale come questo è il caffè.
CLAUDIA: Il caffè dev'essere buono a dispetto di qualsiasi super offerta sul suo prezzo. Solo se non investi sul prodotto puoi permetterti prezzi competitivi.
GAETANO: Resta il fatto che di certo da noi non paghi il caffè a 1 euro come nel Centro di Bari, ma all'adeguato prezzo di 80 centesimi.



Parliamo della caffetteria in genere. 
CLAUDIA: La nostra offerta, oltre a caffè, tisane, tè, propone cornetteria artigianale, ciambelle, muffin, krapfen , ma anche torte artigianali realizzate direttamente da me: ciambelloni, torte alle mele, crostate, frollini, ferri di cavallo...
GAETANO: Oltre a tutti gli altri prodotti di pasticceria, il nostro cornetto è proposto in diverse varianti: lo abbiamo anche vegano, senza glutine, ai cereali, e quello "sfogliato", cioè in pasta sfoglia.
CLAUDIA: A proposito di gluten free, per gli intolleranti abbiamo anche il latte di soia e quello senza lattosio.



Caffetteria, ma non solo, c'è molto da dire anche sul food e sulla pausa pranzo.
GAETANO: Che sia per stuzzicare, per l'aperitivo, o per la pausa pranzo, da noi non troverai mai prodotti industriali, ma solo specialità preparate in giornata (sempre da mia moglie, come per i dolci). Realizziamo arancini, crocchette, panzerotti fritti e al forno e farciti, kebab di pollo, hamburger, un'ottima parmigiana, calzoni, e insalatone.



Cosa devo aspettermi dal vostro l'aperitivo?
GAETANO: Anche qui puoi richiederci ciò che preferisci. Sicuramente avrai prodotti qualcosa di preparato al momento e porzionato. Da bere va molto lo Spritz e un buon prosecco: il Konè.

Ci avviciniamo all'estate. Quali novità prevedete?
GAETANO: Stiamo già lavorando molto con spremute e centrifugati, e sfruttando ancora meglio la nostra piccola area esterna fruibile tutto l'anno.
CLAUDIA: La nostra particolarità è che non abbiamo nulla di standard o di imposto, ma puoi realizzare il centrifugato che vuoi; sei tu a dirci gli ingredienti da usare. Prepariamo centrifugati sia di frutta fresca di stagione, che di verdura. Questi ultimi vanno moltissimo, e ce li richiedono con carota, zenzero, arancia, sedano, limone... A tua fantasia!
GAETANO: D'estate lavoriamo molto con le insalatone di riso o di farro che prepariamo con mais, tonno, pollo, bresaola.

A proposito di beverage, so che avete anche un'offerta relativa a vini e birre.
GAETANO: Oltre ad una piccola selezione di birre industriali, abbiamo un'unica birra artigianale molto buona: la Norbertus, presente in versione rossa (la Kardinal 7,5°) e weisse (la Spezial 5,8°).



Se dovessi darmi un abbinamento birra - cibo...
GAETANO: Ti consiglierei la Kardinal con un panino farcito con crema di peperoni, hamburger di vitello, formaggio, insalata e pomodori. Oppure con la Spezial ti consiglierei un panino con prosciutto crudo, formaggio, noci e insalata.

Avete servizi extra?
Abbiamo il servizio a domicilio (senza prezzi aggiuntivi), e una raccolta punti sul caffé in determinati periodi.

Vuoi conoscere tutti i migliori eventi nella tua città? Iscriviti alla newsletter!

  • EAT&DRINK
  • INTERVISTA

scritto da:

Mirko Galletta

La tastiera del pc per scrivere e quella del pianoforte per suonare, vagonate di documentari sull'arte assieme a libri letti, da leggere o rileggere, lo stereo canta i Doors, e io che stacco per farmi una birra e scoprire il nuovo locale appena aperto.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Premio Vivere a Spreco Zero 2021. Chi ha vinto gli Oscar della sostenibilità

Al centro del premio, ancora una volta, le Buone Pratiche, via maestra verso il traguardo degli Obiettivi di Sostenibilità fissati dall’Agenda ONU 2030.

LEGGI.
×