Anche i barlettani girano il mondo: idee per mangiare come se foste in viaggio, rimanendo a Barletta

Pubblicato il 23 ottobre 2021

Anche i barlettani girano il mondo: idee per mangiare come se foste in viaggio, rimanendo a Barletta

La città di Barletta è stata una delle città più contaminate, a livello culturale, del territorio pugliese. Bizantini, longobardi, svevi, sotto la famiglia ducale Hohenstaufen, spagnoli e francesi hanno attraversato questa città tra invasioni, saccheggi e floride permanenze. Nel mondo culinario accade esattamente la stessa cosa: tra rivisitazioni di piatti e fusioni di sapori, Barletta, sia per tendenza sia per storico radicamento, ha diversi locali che trattano le varie cucine del mondo, da quella tedesca a quella giapponese.

Un angolo di Baviera


Il nome del locale ha ovviamente un’ispirazione storica: l’imperatore Federico II amava così tanto la Puglia a tal punto da frequentarla specialmente nei periodi autunnali, quando scendeva nella regione per riprendere energie dalle sfiancanti campagne militari.  Così Friedrich II è un omaggio al grande personaggio, un locale in cui si conserva un angolo di Baviera, dal mix di wurstel alla griglia allo stinco di maiale in crosta, fino al richiestissimo strudel. Nel menu non può mancare il bretzel, pane tipico, in forma annodata, della cucina tedesca, la cottura della carne è studiata nei minimi dettagli, accompagnata da una Paulaner. Fuori dai confini teutonici, una parentesi dell’America latina: la succulenta brace argentina.
Friedrich II: Piazza della Sfida 10, Tel: 0883348197

Un pezzo di cuore d’Irlanda


Il Saint Patrick è ormai un’icona a Barletta, presente dal 1999 come Irish pub, il progetto rispetta le tradizioni dei devoti al trifoglio verde: una varietà di cibi attentamente accompagnati dalle birre irlandesi, dalla Hop House Lager fino al whiskey The Dubliner, lo spirito della musica e l’atmosfera calorosa. Dal club sandwich di pollo, burro, gamberetti, zucchine e insalata alla scelta ampia di carni, ci riferiamo al black angus argentino, alla superlativa T-bone steak e alla richiestissima tagliata di maialino iberico abbinata a un cerasuolo d’Abruzzo. Per gli amanti della Guinness c’è un’isola verde e felice proprio a Barletta.
Saint Patrick: Via Cialdini, 17, Tel: 0883347157

 
L’eleganza del Giappone


Nel centro storico di Barletta il Kaori Japanese Restaurant si rende protagonista grazie alla cura dei dettagli e all’eleganza del posto. Cucina fusion che ha come riferimenti imbattibili lo Yakimeshi, il suo nome significa “riso saltato in padella cucinato” e può essere cucinato con pollo, gamberetti, o in versione vegetariana con verdure e uova, e la selezione 100% plant based di nigiri, uramaki, pokè bowl e sashimi. Da provare gli udon, facilmente digeribili, senza grassi aggiunti, e perfetti per abbinare un numero smisurato di specialità regionali. Se invece adorate il croccante, potete ordinare l’intramontabile Hot Philadelphia, ovvero un involtino di riso e alga fritto con salmone affumicato, philadelphia, avocado e salsa unagi.
 Kaori: Via Prospero Colonna, 5, Tel: 08831983103

All you can eat di qualità


Il Kiama Sushi è un all you can eat, ma non fermatevi alle apparenze! Esistono anche quelli di qualità, che ribaltano ogni pregiudizio culinario e ti fanno ricredere. La chef e proprietaria è Gianna Dargenio, esperta della cucina giapponese grazie al conseguimento di un attestato della Sushi Masterclass presso la Buddha Bellies School. Pesce fresco, rintracciabile e sempre abbattuto, questo locale offre una buona ricerca del gusto e un’esperienza di qualità. Si parte con gli antipasti, un Edamame, ovvero fagiolini di soia al vapore o le Alghe croccanti Wakame fino ai misti scottati di Tataki conditi di soia agli agrumi e al desiderato Salmon Flambè, composto appunto di salmone, phila, salsa teriyaki e senape al miele.
Kiama Sushi: Via della Misericordia, 60, Tel: 0883884897

L'America è vicina

A Barletta, chi vuole sentire vicina l'America ha solo un posto in cui andare, non si può sbagliare: è il Momaburger Hamburgheria. Con l'autunno la loro cucina sforna il Mortabello burger, con mortadella e granella di pistacchio, in più è disponibile una vasta scelta di hambuger che assomigliano a delle torri di Pisa tanta è la verticalità e la varietà dei prodotti, dal manzo di qualità al bacon croccante, con Smokey Bbq homemade e un'insalata Iceberg, i contorni sono sempre sfiziosi, le patatine sono una garanzia di croccantezza, e gli anelli di cipolla non posso mancare nell'accompagnamento.
Momaburger Hamburgheria: Via Cialdini, 1, Telefono: 3480764170


Le foto dell'articolo sono tratte dalle pagine social dei locali
La foto di copertina è di Friedrich II

 

  • RISTORANTI E CIBI ETNICI

scritto da:

Augusto Ficele

Amante del vino, mi vergogno di essere un poeta, canto le canzoni di Lucio Dalla, non porto al polso l'orologio, mi avvicino al ragù per sentirlo pippiare.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

​I migliori vini italiani sotto i 13 euro secondo il Gambero Rosso

Fare un figurone senza svenarsi, soprattutto con l’arrivo delle feste, è possibile.

LEGGI.
×