Meglio murí sazio ca campà diúno: le pizze napoletane che nessun milanese dovrebbe perdersi

Pubblicato il: 11 febbraio 2019

Meglio murí sazio ca campà diúno: le pizze napoletane che nessun milanese dovrebbe perdersi

L’incanto della pizza nasce ben prima del suo gusto. È legato alla sua preparazione, all’impasto, al profumo del pomodoro fresco e al basilico. Gourmet o non gourmet la pizza oggigiorno sta vivendo una nuova epoca d’oro ed in particolar modo quella dallo “stile napoletano”, con il cornicione alto, morbida e gustosa. Ne sono la prova le innumerevoli pizzerie che aprono tutti i giorni e l’ondata di grandi nomi della tradizione pizzaiola napoletana che stanno aprendo qui nuove pizzerie per far gustare, anche ai milanesi, lo stesso gusto della “vera pizza napoletana”. Ecco qualche consiglio per gustare un’ottima pizza napoletana a Milano.  

L’eccellenza a due passi da Lambrate

Situata a due passi dalla stazione di Lambrate Farinascere è una pizzeria “giovane” perché aperta da due giovani soci neanche un anno fa. Nonostante la sua “tenera età”, Farinascere nasce da una base più che solida: l’esperienza decennale del suo pizzaiolo, Simone (uno dei due soci), che ha messo a punto un impasto originale, dalla ricetta inedita, facilmente digeribile perché lasciato in lievitazione per più di 72 ore. La pizza proposta è quindi unica: in stile napoletano, dal cornicione medio-alto, morbida e allo stesso tempo croccante e condita con ingredienti selezionati, a filiera corta e protetti dai consorzi di riferimento. Il menu si divide in “pizze classiche” e “pizze della rivoluzione”. Queste ultime sono tutte ricette inedite firmate Farinascere. Inoltre, a cadenza settimanale, si propone un impasto speciale come quello integrale, quello allo zafferano o al nero di seppia…Da non perdere, il mercoledì sera, l'all you can pizza con Pizza no stop. Da assaggiare assolutamente la Bomba (con crema di rucola, scamorza affumicata, pancetta arrotolata Varzi e melanzane a cubetti) o la Nocina (con speck croccante, fonduta di formaggi e noci)…
Farinascere - via A. Porpora 187, Lambrate - Info: 3293344084  

Da Isola ai Navigli: il successo dei fratelli Aloe

Dalla sua apertura Berberè ha letteralmente spopolato a Milano. Il solo nome oggi fa venire in mente una  pizza ricercata, gourmet, genuina e sana. Dopo il grande successo ad Expo, infatti, (e dopo le aperture in altre grandi città italiane) i due fratelli hanno aperto in Isola nel 2016 e, un anno dopo, sui Navigili, zone cardine della movida milanese. La pizza è speciale: dallo stile napoletano ma con quel qualcosa in più che la rende inimitabile. L’impasto è creato a partire da farine semintegrali bio e con pasta madre viva e questo la rende molto digeribile e sana. E visto che una pizza non è buona se non è gustata in compagnia, da Berberè la si serve già tagliata in spicchi per incentivare la condivisione e l’assaggio di più gusti. Da provare assolutamente quella con ‘Nduja d Spilinga, Fiordilatte, pomodoro e prezzemolo o quella con Cavolo nero, provolone pizzante, senape, porri stufati e fiordilatte.
Berberè  Navigli, Via Vigevano, 8, Milano – Info: 02 3675 8428

Un nome una garanzia: l’impero Sorbillo

A volte le spiegazioni sono superflue perché basta il nome. Stiamo parlando della pizza di Gino Sorbillo appartenente ad una delle famiglie di pizzaioli più antiche di Napoli. Probabilmente è proprio grazie a lui che si è avviata la trasformazione di Milano in un centro di interesse per il mondo della pizza grazie alla sua prima apertura a due passi dal Duomo. Dopo la sua primogenita a Milano, Gino Sorbillo Lievito Madre al Duomo, sono poi nate Zia Esterina, Pizzeria Olio a Crudo e la più recente, la Pizzeria Sorbillo Gourmand. Nonostante i tanti locali, passando accanto ad ognuno di loro non si può che notare la lunga fila d’attesa per entrare (infatti non si può prenotare) ma vale di sicuro la pena aspettare. Il suo menu è in continuo aggiornamento e le pizze sono realizzate a partire da ingredienti biologici di alta qualità e di stagione. Da non perdere le “pizze regionali”, una delle migliori esaltazioni del Made in Italy in Italia. Per onorare la tradizione si consiglia assolutamente la Antica Margherita con Pomodoro San Marzano D.o.p. Presidio Slow Food, Fiordilatte misto Latte di Bufala, Olio Extra Vergine d’Oliva italiano di agricoltura bio e basilico fresco. Se si vuole osare: la Cicoli, Ricotta e pepe con ricotta di bufala fresca, Ciccioli, fiordilatte misto latte di bufala, pepe nero macinato del Thalassery, basilico fresco.
Sorbillo Gourmand, Via Ugo Foscolo, 1. Milano. Tel. +39 0280502300.

Dal Cilento a Milano

DaZero è una delle ultime aperture del settore e fa capo a Paolo De Simone, Giuseppe Boccia e Carmine Mainenti che hanno aperto un primo punto vendita in via Luini ed un secondo, recentemente, in via dell’Orso dopo il grande successo dei punti vendita campani. Le pizze sono realizzate con impasti di alta qualità, digeribili e sani e sono condite con ingredienti d’eccellenza, a km zero e di filiera corta provenienti dal Cilento. Da provare assolutamente la Cilentana con sugo cilentano, cacioricotta di capra e basilico o ancora la Fior di Formaggi con mozzarella nella mortella, provola affumicata, gorgonzola, caciocavallo, cacioricotta di capra.
DaZero, via Luini 9, Milano – Info: 02 8352 9189

La vera tradizione all’ombra dell’Arco della Pace

All’Arco della Pace, altro punto focale della movida milanese, si trova un altro importante pilastro del settore: Starita, una delle pizze napoletane più famose al mondo (la primogenita a Napoli è una delle più antiche pizzerie della città). A fare da padrone qui è la perfezione della semplicità. La pizza, dallo stile napoletano, è dal cornicione alto, leggera, ben lievitata e presentata nei gusti standard da gustare nella loro autenticità perché realizzate con ingredienti campani DOC. Da provare assolutamente la Margherita o la Marinara (qui realizzata senza chili di aglio e alici e quindi leggera e da gustare anche in dolce compagnia)! Se invece si vuole optare per qualcosa di nuovo, da non perdere: la Tartufo e formaggio o le varianti stagionali.
Starita a Materdei - Via Giovanni Gherardini, 1, Milano – tel. 02 33602532

Un giro d’Italia formato pizza

Via Anfossi, via Procaccini e viale Tunisia: sono i tre indirizzi di Pizzium che, nel giro di pochi anni ha letteralmente spopolato. La pizza è tradizionale napoletana e realizzata con un impasto a lunga lievitazione. Quello che colpisce subito, ancora prima del gusto, è il profumo dei suoi ingredienti, tutti freschi e di prima qualità,  tipicità italiane Dop e Igp. Da provare assolutamente le pizze dedicate alle diverse regioni d’Italia, un ottimo modo per compiere un vero e proprio viaggio lungo lo stivale. Come la Campania con Provola affumicata Caseificio Fior d'’Agerola, salsiccia fresca artigianale, friarielli fatti in casa o la Lombardia con Mozzarella di bufala Caseificio Franzese, fior di latte Caseificio Fior d’Agerola, gorgonzola dolce Caseificio Gelmini, Grana Padano.
Pizzium - via Procaccini, 30 - Info: 02.33607623
Pizzium - via A.Anfossi, 1 - Info: 02 5405 0232
Pizzium - viale Tunisia, 6 - Info: 02 2941 3412

E tu, quali pizzeriae napoletane milanesi consiglieresti? 

Foto di copertina da pagina Facebook di Pizzeria DaZero
Foto: dalle pagine Facebook dei locali

Vuoi rimanere sempre aggiornato sui locali della tua zona? Iscriviti gratuitamente alla newsletter!

 

  • PIZZE PARTICOLARI E GOURMET

scritto da:

Irene De Luca

Agenda, taccuino, registratore e macchina fotografica. Attenta alle nuove tendenze ma pur sempre “old school inside", vago alla ricerca di ispirazioni, di colori, di profumi nuovi per raccontare una Milano che poi tanto grigia non è.

IN QUESTO ARTICOLO
  • Starita a Materdei Milano

    Via Giovanni Gherardini 1, Milano (MI)

  • Farinascere

    Via Nicola Antonio Porpora 187, Milano (MI)

  • Berberè Milano

    Via Sebenico 21, Milano (MI)

  • Da Zero

    Via Bernardino Luini 9, Milano (MI)

  • Lievito Madre al Duomo - Gino Sorbillo

    Largo Corsia Dei Servi 11, Milano (MI)

  • Pizzium - Via Anfossi

    Via Augusto Anfossi 1, Milano (MI)

POTREBBE INTERESSARTI:

10 malghe e rifugi gourmet: mangiare bene, e tanto, in alta quota

Quando scatta quella pazza voglia di raclette, yogurt di malga con i frutti di bosco e vinello dolce.

LEGGI.
×