Nuove aperture a Firenze primavera 2017 tra cucina toscana contemporanea e nuove proposte

Pubblicato il: 16 maggio 2017

Nuove aperture a Firenze primavera 2017 tra cucina toscana contemporanea e nuove proposte

La primavera ha portato nuove aperture a Firenze tra locali che guardano alla tradizione e proposte che si distinguono per la particolarità dell'offerta. Se Borgo, in Borgo San Frediano, punta a una cucina toscana contemporanea e l'Osteria dell'Enoteca sulla bistecca, da Fermento la pizza napoletana tradizionale è tutta una scoperta all'insegna del gusto, Baccalunch scommette sul menu solo baccalà e Biancazerozero propone la pinsa romana, la nonna della pizza napoletana. 

Solo baccalà

Baccalunch è un ristorante per chi ama il baccalà dall'antipasto al secondo. L’idea è venuta alla cuoca a domicilio Francesca Niccolini. Il ristorante dove campeggiano i baccalà alle pareti, è caldo e accogliente. Il baccalà è proposto in “tutte le salse”, è proprio il caso di dire, da crudo a cotto. In menu ci sono il baccalà in crosta di pane alle spezie, la tartare di baccalà condita con la salsa fusion di pesce, soia, lime, peperoncino e aceto perché la cuoca ama molto l'etnico, oppure la parmigiana di baccalà. Non mancano trippa, lingua, bottarga e guancia: insomma il baccalà è un po' come il maiale, non si butta via niente.
Baccalunch - via del Leone 24 R, Firenze - Info: 055 233 5381.

Nel nome della pizza

A Borgo San Frediano ha aperto Fermento 1889-Il bistrot dell’impasto. La data è tutt'altro che casuale perché è l'anno in cui è nata la pizza. La proposta è tutta incentrata sul piatto simbolo della cucina italiana e napoletana in particolare. A completare il menu non mancano panuozzi e calzoni, pane e focaccia pugliese. Da provare la Palafermento, realizzata con una miscela di farine selezionate e lievitata fino a 120 ore a temperatura controllata per una schiacciata eccezionale. Come ogni pizzeria napoletana non può mancare il babà per finire la serata.
Fermento 1889-Il bistrot dell’impasto - via Borgo San Frediano 40/r, Firenze - Info: 349 562 2244.

Vino&bistecca

All'inizio c'era l'Enoteca Pitti e Gola proprio davanti allo storico palazzo, ora da qualche settimana lungo via Romana c'è anche il ristorante, l'Osteria dell'Enoteca che ha aperto nei locali dell'ex Santo Graal. Qui è la carne protagonista e in particolare la bistecca proposta in vari tagli e di vari tipi di carne per far contento chi ama la ciccia, come si usa dire a Firenze. Non mancano piatti della tradizione interpretati con un tocco creativo e contemporaneo. Notevole la carta dei vini, e non potrebbe essere diversamente, per abbinamenti infiniti.
Osteria dell'Enoteca - via Romana 70/r, Firenze - Info: 055 228 6018.

La pinsa romana

Il trend del momento a Firenze sono le pizzerie napoletane. Biancazerozero è una voce fuori dal coro visto che è la prima “pinseria” di Firenze. La “Pinsa Romana”, per chi non lo sapesse,  è la nonna della pizza napoletana solo che è più leggera e meno calorica per un impasto con alta presenza d'acqua e un mix di farine di soia, frumento e riso. Insomma fa ingrassare di meno senza però rinunciare al gusto.
Biancazerozero - piazza della Passera, Firenze - Info: 055 283085.

La cucina toscana contemporanea

Borgo propone una cucina toscana contemporanea. Ritroviamo gli ingredienti della tradizione e le ricette, seppur riviste, per essere al passo con le richieste della clientela. Il locale si caratterizza per dettagli design che non passano inosservati. La carta dei vini per proposte interessanti e bottiglie anche di nicchia perfette per chi ama sperimentare. Una ricerca che continua anche in cucina con risultati davvero molto interessanti.
Borgo - Borgo San Frediano 145/r, Firenze - Info: 055 223449. 

(foto di copertina dalla pagina Facebook di Baccalunch)
Per essere sempre aggiornato sui nuovi locali di Firenze iscriviti alla newsletter di 2night

  • NUOVE APERTURE
  • INAUGURAZIONE
  • EAT&DRINK

scritto da:

Raffaella Galamini

Sono nata a Viterbo ma Firenze con i suoi tramonti mi ha conquistato: da 15 anni abito in riva all’Arno. Qui scrivo, mangio, corro e scopro posti nuovi, non rigorosamente in quest’ordine. Il mio passatempo preferito è consigliare agli amici un ristorante da provare a cena o cosa fare nel week-end.

POTREBBE INTERESSARTI:

10 malghe e rifugi gourmet: mangiare bene, e tanto, in alta quota

Quando scatta quella pazza voglia di raclette, yogurt di malga con i frutti di bosco e vinello dolce.

LEGGI.
×