Anno di vittorie per l’Italia, non solo nello sport: trionfo anche nell’edizione 2021 dei Champagne & Sparkling Wine World Championships

Pubblicato il 4 novembre 2021

Anno di vittorie per l’Italia, non solo nello sport: trionfo anche nell’edizione 2021 dei Champagne & Sparkling Wine World Championships

Trento Doc la bollicina più premiata del mondo.

Le parole cantate dai Queen sono più attuali che mai, We Are The Champions, un’altra volta. The Champagne & Sparkling Wine World Championship, il concorso internazionale dedicato alla spumantistica più prestigioso al mondo, premia l’Italia con 58 medaglie d’oro e 129 d’argento, rendendola la nazione vincitrice di quest’edizione. 

Le Olimpiadi delle bollicine

L’Italia compete testa a testa (e vince) con la Francia, che si aggiudica 52 ori e 50 argenti, seguita da Regno Unito. Quest’anno, sono oltre 1000 le etichette presentate alla Champagne & Sparkling Wine World Championship, la cui mission è promuovere vini d’eccellenza e scoprire regioni e cantine emergenti da tutto il mondo. Una new entry importante, infatti, è il Giappone, che conquista un argento grazie alla cantina Sanwa Shurui. Sono ben 19 i Paesi premiati con almeno una medaglia, per un totale di 139 ori e 268 argenti conferiti.

Il produttore dell’anno

Tom Stevenson, massimo esperto mondiale di bollicine, nonché fondatore e presidente del Campionato, annuncia il premio “Produttore di spumanti dell’anno”. Il vincitore è Ferrari, ambasciatore del Trento DOC, che porta a casa ben 12 ori superando la francese Maison de Champagne, vincitrice dell’edizione precedente. La famiglia Lunelli vede premiare non solo la riserva ma anche le bollicine non millesimate, a riprova dell’altissima qualità del prodotto delle sue terre.

Il terroir più premiato

E’ il Trento DOC la denominazione italiana che conquista il podio con 12 medaglie d’oro. La bollicina di montagna si afferma come eccellenza ancora una volta nel panorama internazionale, seguita da Franciacorta e Prosecco DOCG. I brand più premiati invece sono Ca’ del Bosco (Lombardia) e la sicula Azienda Agricola G. Milazzo, entrambi con 5 ori.

Aspettando il 22 novembre

Altri premi attendono di essere annunciati a breve: la Virtual Ceremony Awards Week, che si terrà nella settimana del 22 novembre, conferirà altri titoli quali ad esempio il “Best in Class” e i “Campioni mondiali per Stile”. L’Italia potrebbe aggiungere altre medaglie alla collezione: stay turned.

Foto di copertina e foto nel testo dalla pagina Facebook di Trentodoc

  • NOTIZIE

scritto da:

Beatrice Modugno

Trevigiana di nascita, studentessa a Padova, pugliese di famiglia. Quando non sono ai fornelli, mi trovi seduta al ristorante. Mangio ovunque e lo racconto a tutti: possiamo parlare di cibo anche per tre o quattro ore di fila.

POTREBBE INTERESSARTI:

Premio Vivere a Spreco Zero 2021. Chi ha vinto gli Oscar della sostenibilità

Al centro del premio, ancora una volta, le Buone Pratiche, via maestra verso il traguardo degli Obiettivi di Sostenibilità fissati dall’Agenda ONU 2030.

LEGGI.
×