La crapiata, un inno alla tradizione materana: ecco dove gustare quella vera a Matera

Pubblicato il 25 marzo 2022

La crapiata, un inno alla tradizione materana: ecco dove gustare quella vera a Matera

Ogni regione, ogni città ha una propria, singolare anima e, spesso, questa viene condensata in un piatto della tradizione. Si tratta di quella ricetta antica (antichissima), tramandata di generazione in generazione, molte volte frutto della povertà e dell’arte del riciclo. Perché, quando si parla di cibo, è proprio vero che non si deve buttare mai nulla. La famosa “capriata” è nata proprio così: un piatto che parla di usanze, ormai, completamente desuete, come quella che voleva che il 1 agosto, chi lavorava nei campi, celebrasse il raccolto, portando con sé una manciata di cereali e legumi. Tutti contribuivano con ciò che avevano. I legumi, poi, venivano cotti in un grande pentolone, tutti assieme, e serviti all’intero circondario. La tradizione della crapiata, a Matera, è rimasta un caposaldo della città ed è anche il piatto che ha inaugurato l’inizio degli eventi di Matera città europea della cultura 2019. Ricorda, quindi, un vero e proprio rito e, se volete scoprire l’antico segreto del suo sapore, ecco qualche ristorante in cui potrete cercare di carpirlo.

Dove ci si scalda il cuore con la crapiata


A Matera, in una piazzetta lungo via del Corso, c'è una nicchia che ospita un ristorante accogliente, così caratteristico con quel suo nome che rievoca il dialetto locale. La Fedda Rossa è il posto giusto, quel luogo, cioè, dove il rispetto del cliente viene prima di ogni altra cosa, in un connubio di amore e dedizione per il proprio lavoro che rende i piatti, già deliziosi di loro, qualcosa di davvero unico e speciale. L’opulenza del menù, poi, fa venire letteralmente l'acquolina in bocca. Ogni pietanza è un inno alla tradizione materana, con la ricercatezza delle materie prime che brillano per freschezza e autenticità. La crapiata, qui, viene servita in un invitante tegamino di terracotta, un autentico scaldino per le mani e per la vista in una serata autunnale. I colori, d’altronde, sono proprio quelli. La zuppa è sempre bollente, accompagnata con del pane materano bruschettato e condito con dell’olio d'oliva rigorosamente del posto. I legumi, poi, sono quelli della tradizione: legumi misti del territorio lucano, qualche pomodorino fresco e, per aromatizzare il tutto, un paio di foglie di alloro. Una vera prelibatezza fatta a piatto.
Via del Corso, 90/94 - Matera. Tel. 3286170376 (Prenotazione obbligatoria)

La tradizione nella sua storica semplicità


La cucina di un popolo è la sola, esatta testimonianza della sua civiltà, così si presenta il locale Dalla Padella alla Brace, a due passi dal centro storico dell'antica Matera e portatore di quei valori e di quei sapori che, a volte, sembrerebbero essere stati perduti per sempre. Difatti, qui si respira aria di "casa" e i piatti sono proprio quelli tipici della tradizione, come li facevano le nonne. Si parte dalla selezione delle ottime materie prime, passando dalla cottura e, infine, arrivando all'impiattamento, curato nei minimi dettagli per soddisfare gli occhi e far gorgogliare gli stomaci. Il menù è chiamato a testimone di tutto questo e racconta di una storia fatta di passione e attenzione ai particolari. La crapiata s’inserisce, come specialità del posto, in questo quadretto d’autore, con tutti gli elementi che la contraddistinguono al loro posto, dai ceci neri, ai cereali, fin’anche al rosmarino per far sorridere il senso dell’olfatto. Una perla irresistibile, quindi. Consiglio questo locale a chi desidera mangiare un’ottima crapiata accompagnata da un calice di vino di qualità e per chi, allo stesso tempo, sogna di degustare qualcosa di prelibato con, alle spalle, l'incantevole cornice degli antichi Sassi di Matera.
Via Domenico Ridola, 71 - Matera. Tel. 3895054540

La taverna, un tegamino di crapiata, la perfezione


Taverna La Focagna è un cantuccio di bontà e gentilezza, un posto in cui rifugiarsi per tornare indietro negli anni, a quando gli attimi e la famiglia valevano delle ricchezze inestimabili. Il simbolo del locale, infatti, è proprio "la focagna", ossia quel grande camino, ma così grande, da poter ospitare delle persone adulte, davanti al quale si cucinava e si parlava, ci si sorrideva e si viveva. La cucina, qui, è quella tipicamente materana, con materie prime povere e semplici, ma rielaborate in modo da formare piatti che non hanno nulla da invidiare, per gusto, a quelli costituiti da ingredienti più ricercati. Si può dire, quindi, che questo locale rappresenti proprio l’anima autentica di un piatto così antico come la crapiata, servito con due abbondanti fette di pane materano abbrustolito, bagnate con dell’olio d’oliva del posto e, ad accompagnare il tutto, un bel bicchiere di vino rosso proveniente dalla cantina del ristorante. È rustico, “povero”, ma tanto (tanto) buono e, soprattutto, sa di famiglia, un ingrediente, questo, che potrete trovare in ben pochi ristoranti.
Via Domenico Ridola, 4/11 - Matera. Tel. 0835344093

La crapiata come dichiarazione d’amore


 È così che L’antica Credenza Bistrot presenta l’antico piatto della tradizione, “una dichiarazione d’amore dei materani verso la propria terra”. Ogni portata, qui, brilla per la sua eccellenza nella scelta della qualità delle materie prime, trasformando il momento del pranzo o della cena in una vera e propria danza del gusto all'insegna dei sapori del posto. La crapiata materana diventa, quindi, un rito collettivo, un modo sano e nutriente per celebrare la convivialità, nonché una tappa culinaria obbligatoria per i turisti provenienti da tutto il globo. Gli ingredienti sono sempre quelli tipici, un mix di legumi e cereali provenienti direttamente dal cuore di una regione che ha fatto della cultura gastronomica qualcosa per cui contraddistinguersi. Presso il bistrot, la potrete gustare servita in una maniera del tutto particolare: non ci sono piatti o tegamini, bensì una pagnotta di pane materano scavato, privato della sua corposa mollica, e usato come base per contenere la zuppa. Il tutto poi, è arricchito dalla squisita croccantezza dei peperoni cruschi, che danno anche colore e vivacità alla pietanza. Un consiglio: non lasciatevi scappare questa prelibatezza della tradizione, accompagnata, magari, da un bel bicchiere di vino Aglianico. Ci ritornerete sicuramente!
Via San Francesco d'Assisi, 11 - Matera. Tel. 3939877552

Quando la tradizione diventa innovazione


In cima a via Bruno Buozzi, la famosa strada di accesso per il "Sasso Caveoso", lì dove tutto è tufo e pietra, un vascello attira l'attenzione anche dei più distratti. L'insegna di legno invecchiato ad arte recita Morgan e l’odore della deliziosa cucina proveniente dall’interno fa sognare le papille gustative. I piatti sono quelli della più autentica tradizione locale e, tra questi, non poteva, di certo, mancare la crapiata. Tuttavia, qui, la troviamo in una veste un po’ particolare, tra il gourmet e la voglia di personalizzare anche ciò che sembra affondare le proprie radici nella storia stessa di Matera. D’altro canto, ci troviamo in un vascello e la novità, sempre col dovuto rispetto agli antichi valori, è davvero all’ordine del giorno. Ecco, quindi, che la capriata diventa più “raffinata”, servita in un cestino fragrante di pancotto e rape, ripieno, poi, di cicerchia con croccante pancetta di suino locale. Si presenta fresca e appetitosa, in un mix di ingredienti all’insegna dell’autenticità e della qualità, selezionati con cura e attenzione, per regalare gioia al palato di ogni ospite. Le papille gustative, poi, ringrazieranno.
Via Bruno Buozzi, 2 - Matera. Tel. 0835312233
 
 
 
La foto di copertina è di 2night, shooting di Delia Aliani per La mangiatoia. Le foto interne sono tratte dalle pagine facebook dei locali citati.

  • RISTORANTI E PIATTI TIPICI

scritto da:

Paola Montemurro

Sono un po' nerd e un po' romantica. Se in una discussione vengono fuori i nomi di Darth Vader e Jane Austen, torno a casa appagata. La scrittura è il mio pane quotidiano e i fogli bianchi sono tutto ciò che chiedo per sorridere ed essere felice.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

​Torna sabato 1° ottobre la Giornata Nazionale dei Locali Storici d'Italia

L'appuntamento dedicato ai luoghi simbolo della cultura, della gastronomia e dell'ospitalità del Belpaese.

LEGGI.
×