La raccolta delle olive in Puglia: cosa è rimasto come una volta e cosa è migliorato

Pubblicato il 22 novembre 2021

La raccolta delle olive in Puglia: cosa è rimasto come una volta e cosa è migliorato

Tra i momenti più iconici della tradizione agricola pugliese c’è, sicuramente, la raccolta delle olive e la produzione dell’olio, il cosiddetto oro verde. Non si tratta solo di un semplice lavoro di campagna ma è molto di più, è un qualcosa che unisce, lega alla terra e alle persone.

L’olio extra vergine d’oliva di Puglia, ora una grande eccellenza nel mondo della gastronomia, nasconde dietro una bottiglia grandi tradizioni ma anche tanto sacrificio per poter arrivare sulla nostra tavola. Ma quali sono i passaggi che un’oliva deve percorrere per diventare spremuta di frutto? Scopriamolo insieme.

Quando raccogliere

La raccolta delle olive non inizia mai in un momento preciso ma, generalmente, i mesi più adatti sono ottobre e novembre. Durante il periodo in questione le olive si trovano allo stato erbaceo, situazione che ci permette di avere un olio ricco di antiossidanti e dalle qualità organolettiche particolari.
È consigliato anche raccogliere subito dopo l’invaiatura e il completamento della maturazione, in questo periodo il frutto si presenta con la buccia diventa viola e il risultato al palato è un olio dal gusto più dolce.
Chi, invece, decide di raccogliere a dicembre corre il rischio di avere frutti sovramaturi che rendono l’olio meno intenso, con una scarsa purezza e di qualità poco fine.
Per non sbagliare il periodo di raccolta è importante monitorare sempre gli alberi e capire, in base allo stato delle olive, quando iniziare.

Gli step della raccolta

La raccolta delle olive inizia sempre di buon mattino, prima che faccia giorno e dopo aver caricato l’attrezzatura ci si reca in campagna. Come prima cosa è tradizione accendere un fuoco per potersi riscaldare e organizzare “la squadra”.
Si entra nel vivo quando vengono stesi i panni in fibra di plastica e non più di stoffa, quindi si inizia con la scrollatura che avviene con macchinari portati a palla e in grado di scuotere i rami degli alberi. L’obiettivo è favorire la caduta delle olive mature direttamente sui teloni. Dopo si continua con le verghe che permettono una sorta di lavoro di fino, evitando che qualche oliva resti ancora attaccata agli alberi.
I panni, una volta pieni, vengono messi sui carrelli e rimorchi pronti per dirigersi verso il frantoio. Qui si procede alla pesata, all’eventuale vendita delle olive e viene fissata una data per la molitura. Questa operazione deve concludersi nel minor tempo possibile onde evitare che le olive inizino il naturale processo di fermentazione e che l’olio non sia più di alta qualità.

Il ruolo del frantoio

Il frantoio gioca un ruolo fondamentale quando si parla di produzione di olio. Prima di tutto deve garantire una conservazione ottimale delle olive in modo che queste arrivino integre in lavorazione ma non solo, deve essere sempre al passo con i migliori ritrovati della tecnologia che permettono di avere un olio finemente lavorato e di altissima qualità.

Nel Frantoio Oleario Vincenzo Fazio, dove la lavorazione viene seguita in maniera meticolosa in ogni fase, si assicura un olio di altissima qualità grazie all’estrazione a freddo e all’estrema attenzione alle attività del frantoio. Il risultato è una spremuta di frutto adatta per soddisfare anche i palati più esigenti.

Tradizioni della raccolta

La raccolta delle olive, in passato, non era solo un lavoro ma un momento in cui religione e speranze di guadagno si univano e la socialità veniva esaltata. Oggi non è raro vedere operai sempre più stanchi e forse più preoccupati per il futuro, però, sempre con un grande rispetto per ciò che la terra può dare.

Bitonto, una delle città più legate all’olio e devota al culto della Madonna, da sempre si è affidata a Lei per poter avere una benedizione sul raccolto annuale, specialmente nel giorno dell’Immacolata in cui ricade il momento più intenso della campagna annuale e il lavoro si ferma.
In passato, nella varie zone di Puglia, non era raro vedere le statue dei Santi Misteri adornate con rami d’ulivo o con degli ulivi tra le mani. Queste immagini sono un simbolo identitario della regione e dimostrano come, ancora oggi, ci sia una stretta correlazione tra religione e agricoltura.
In altre zone, in particolare verso Acquaviva delle Fonti, in passato la raccolta non era solo ad appannaggio degli uomini ma un momento da condividere anche con mogli e figli. Le donne, ammesse ai lavori di campagna, si occupavano dei panni in stoffa ma per allietare le faticose ore passate in campagna, erano solite intonare canti popolari.

Cosa si mangia durante la raccolta

Veniamo alla parte più golosa della raccolta perché si, anche in questa occasione “dare un morso” non si fa mai peccato.
Attorno al classico fuoco del mattino si è soliti fare colazione con le olive dolci, chiamate olive nolche. Queste, cotte nella cenere e mangiate con il pane, aiutano i contadini ad affrontare la giornata. Altri, invece, preferiscono portarsi da casa il classico panino con la composta di peperoni e, in passato, quando i più piccoli potevano accompagnare i genitori in campagna, per loro c’era pane e marmellata.
A fare compagnia in queste mattine fredde c’è sempre un fiaschetto di vino che conforta e riscalda, mantenendo vivo anche l’umore della squadra. Alcuni, ancora oggi, per per concludere la giornata cucinano un po’ di salsiccia sul fuoco e la condividono con i compagni di lavoro.


Le foto sono degli uliveti e dello stabilimento di Frantoio Vincenzo Fazio, lo shooting è di Gaga Jovanovic per 2night.

  • CIBO CHE FA BENE

scritto da:

Serena Leo

Amo raccontare il vino e il cibo, mia croce e delizia. Sono costantemente alla ricerca di proposte gourmet “sartoriali” esaltanti. A tavola, come nella vita, desidero che il mio calice sia sempre pieno e che i commensali siano allegri e appassionanti.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

​I migliori vini italiani sotto i 13 euro secondo il Gambero Rosso

Fare un figurone senza svenarsi, soprattutto con l’arrivo delle feste, è possibile.

LEGGI.
×