A Nolo ha aperto una bottega di quartiere per una colazione fatta bene

Pubblicato il 5 ottobre 2021 alle 13:00

A Nolo ha aperto una bottega di quartiere per una colazione fatta bene

Inaugurato da poco, questa gastronomia propone colazioni golose e pranzi salutari in un clima familiare

Un locale coccolo, piacevole e molto goloso. Fòla ha aperto da poco nel quartiere che non esisteva (Nolo) e come lo definisce puntarellarossa.it è “una bottega di quartiere, pasticceria e gastronomia di qualità. Qui si si combinano due anime, quella golosa della pasticceria e quella healty del pranzo". Lato pasticceria per la colazione ci sono i classici croissant semplici, farciti  (con marmellata o crema) o salati. Ma anche il pain au chocolat e il baulus. Golosissima la torta morbida al cioccolato con lamponi e more o la torta frangipane con prugne e pepe di Timut. Da bere oltre ai caffè e cappuccini c'è anche una selezione di kombucha.  
Qui il menu di Fòla dove si può fare anche un pranzo salutista. 


Le titolari (Tine, Luna e Claudia) lo definiscono un locale “girl power” e greens & sweets with a touch of magìa… Pasticceria, gastronomia e bottega di quartiere chiusa la domenica perché: “Domenica siamo chiusi, così possiamo andare in montagna, bere qualche bicchiere di troppo il sabato sera, e stare a letto fino a tardi con chi amiamo la domenica mattina”. Mi piace anche solo per questo commento.

Via Luigi Varanini 12, 20127 Milano 
Mart – Sab, dalle 8.00 alle 18.30, asporto fino alle 19.00
Tel: 
0249713413


Foto dalla pagina Facebook di Fòla

  • NOTIZIE
  • NUOVE APERTURE

scritto da:

Maggie Ferrari

I miei ricci parlano per me. Scatenata e bizzarra la notte, frenetica e in carriera di giorno. Toglietemi tutto ma non i miei apericena in centro e la malinconia del weekend, quando mi manca Milano.

POTREBBE INTERESSARTI:

Ecco i migliori vini d'Italia: quelli che valgono Tre Bicchieri!

Secondo la Guida del Gambero Rosso i vini che meritano il massimo riconoscimento sono 476. I produttori hanno saputo recuperare il terreno dei mesi perduti, hanno passato più di un anno a curare vigneti e ad aggiornare cantine, e i risultati di questo lavoro sono evidenti, spiega la guida.

LEGGI.
×