La Puglia sta diventando la patria del buon caffè e questi 4 empori lo dimostrano

Pubblicato il 21 novembre 2022

La Puglia sta diventando la patria del buon caffè e questi 4 empori lo dimostrano

"Non azzardarti a parlarmi, non ho ancora preso il caffè". Quanti di noi ogni benedetta mattina si ritrovano a sbiascicare queste parole, a lottare, ancora con gli occhi incartati dal sonno, contro chi ha il brutto vizio di sfondarci i timpani prima di essere riusciti ad agguantare la tazzina. Un esercito di genitori, partner e coinquilini fa parte di questa categoria di disturbatori, pronti a far tremare la moka che cerchiamo di maneggiare per centrare la chicchera. Il caffè, però, non è solo l'imperativo categorico che guida le nostre giornate, è anche il simbolo di convivialità e cerebrali attese, concetti di ordinaria quotidianità per chi vive in Puglia. Ed è forse per questo che nella regione ci sono sublimi empori della caffetteria, dai locali storici, ai laboratori artigianali specializzati nella produzione di cialde e capsule, ai templi dello specialty coffee e della sperimentazione gourmet. Chi avrà voglia di fare un viaggio tra le strade morbide della Murgia, le distese del Tavoliere e i tagli d'orizzonte sull'Adriatico avrà sicuramente bisogno di una pausa caffè, e allora tenga bene a mente i bar e le torrefazioni di cui sto per parlarvi. Sia chiaro, se la memoria fa cilecca vi conviene prendere appunti!

Le sinfonie nell'espresso


Quante amicizie, storie, discussioni sono nate dinanzi ad una tazzina. Perché il caffè appassiona e genera legami. Un sentimento che esplode al Royal Caffè di Gravina in Puglia, una torrefazione interamente artigianale pensata e realizzata nel 2002 proprio da due amici, Rocco Panzarini e Saverio Scaltrito, tutti e due impegnati per una vita nel mondo dell'arredamento, ma innamorati degli aromi della moka che impregnano le pareti del soggiorno a prima mattina. Nel loro opificio di 130 metri quadri prendono vita caffè tostati elaborati in miscela e caffè in purezza, nel pieno rispetto dell'origine di ogni chicco e delle singole fasi di lavorazione, dalla raccolta all'emulsione in tazzina. Rocco e Saverio sono riusciti a creare prodotti capaci di risuonare in bocca come le migliori orchestre, ed è per questo che hanno chiamato una delle loro miscele di punta Opera, con estrazione Mozart per gli amanti dei sapori più dolci e delicati, o Vivaldi per chi preferisce una cremosità corposa e intensa. Per non parlare dell'abbraccio armonico e acidulo presente nella miscela Royal Gourmet, dei sentori nocciolati del Royal Crema e delle punte di umidità sudamericane e asiatiche che fanno capolino nel Royal Extra. I miei preferiti in assoluto restano i monorigine provenienti da Guatemala, Cuba e Colombia. È possibile assaggiare questo universo di prodotti nella loro caffetteria, tra i rumori romantici delle macchine del caffè sempre tirate a lucido e il tintinnio di tazze e piattini sul bancone. Se vuoi sentirti a casa o in ufficio come nel laboratorio e nel bar di Rocco e Saverio, basterà acquistare le loro cialde o capsule in miscele Gourmet, Crema e Dek disponibili presso il loro punto vendita gravinese, sull'e-commerce e negli oltre 200 rivenditori sparsi per il mondo.
Royal Caffè. Via Salvatore Vicino sn - Gravina in Puglia (BA). Tel: 0803258246

L'essenziale in tazza


Siamo sempre a Gravina in Puglia, nel cuore della murgianità. Qui, tra l'habitat rupestre e i cavati tutto sa di origine, di verità, ha un'aura di irripetibilità. C'è un posto in cui anche il caffé non sa fingere: Pierre Cafè. Un tempio della torrefazione e della caffetteria nato nel 1984, in cui i chicchi di caffè verde pare abbiano seguito i tempi, evolvendosi assieme ad essi, ma non dimenticando la tradizione. Un bar storico a conduzione familiare, in cui per anni Pierino Paternoster ha prodotto chili e chili di caffè tostandoli in stile italiano, con una delicatezza e simpatia che ha fidelizzato intere generazioni. Poi Pierino è diventato allergico al caffè crudo e ha passato il testimone di tostatore ai suoi figli Luigi e Vincenzo, entrambi cresciuti con le mani nei sacchi in yuta e gli occhietti sui macinini. Un bel giorno Luigi ha iniziato a guardarsi intorno, ha viaggiato e scoperto che la loro torrefazione poteva diventare tra le migliori in Italia se ravvivata dalla produzione di specialty coffee; si tratta di caffè monorigine a filiera corta, venduti direttamente dal produttore al tostatore, informando quest'ultimo della provenienza, la stagionalità e le fasi di lavorazione che rendono ogni infusione o emulsione nettamente superiore alla media. Nella linearità delle caffetterie londinesi Luigi ha compreso quanta ricerca ci voglia per arrivare a sentire il gusto autentico del caffè, così è tornato in Italia e ha inserito tra i prodotti della caffetteria una linea di microtorrefazione di specialty coffee, imponendo la cultura della bevanda pura senza i filtri della commercialità. Se cercate l'essenza delle cose e volete provare un'esperienza sensoriale dovete accomodarvi in questo bar, sedervi ai tavolini in legno massello e annusare la vostra tazzina con l'anima di un bambino il giorno di Natale. Tutte le linee specialty Son of Coffee e le miscele classiche, come la storica 1984 dalla qualità India, Salvador, Brasile e tre tostature differenti, vengono create in un laboratorio nato tre anni fa e interamente gestito da Luigi, dal 2018 puntualmente sul podio dell'Italian Coffee Roasting Championship. Le miscele classiche Pierre Cafè e i loro specialty Son of Coffee sono disponibili nel punto vendita gravinese e sull'e-commerce.
Pierre Cafè. Via Annibale Moles, 60 - Gravina in Puglia (BA). Tel: 3341089934

I dipinti nel caffellatte


Una volta lasciate le agrodolci curve murgiane, emerge in pompa magna lo spirito guida che ti spinge verso il mare. Ed è così che ti ritrovi a Trani, antica Repubblica marinara in cui gli istinti commerciali si mescolano ai tempi lenti dell'Adriatico. Fermarsi per una colazione qui significa spogliarsi di ogni barlume di iperattività e godersi la luce chiara che penetra le chianche portuali. Qui c'è un luogo in cui anche il caffè è un gesto artistico che dona bellezza non solo al palato, ma anche agli occhi: Code Cafe. Una caffetteria nata nel 2006, creatura di Vincenzo Fortugno e sua moglie Diana. Il Code è un luogo impregnato d'amore, in cui ogni dettaglio riflette la qualità eccezionale di blend e monorigine. Vincenzo è sempre dietro il bancone, barista specialty pronto a spiegarti come e dove nasce quel caffè che hai scelto, come è meglio tostarlo per poi estrarlo e porgertelo in tazza. Di fianco agli specialty coffee e al tradizionale espresso, è possibile degustare un'ampia selezione di caffè freddi, un must per una città che vive di salinità e calure estive. Che tu sia capitato qui per caso, sotto il consiglio di un amico, grazie a TripAdvaisor o magari dopo questo articolo, sappi che non puoi non provare l'aromatico caffè freddo in stile Trani, la granita al caffè con espresso, il cold brew, caffè estratto a freddo con 12 ore di infusione, o il legendario caffè leccese. E per finire in bellezza, non manca il tocco di classe: brew coffee & latte art. In pratica qualsiasi bevanda a base di caffè e latte tu decida di ordinare ti verrà servita con schiomusi disegni che ti spingeranno quasi a non berla più per non rovinare lo spettacolo. Insomma, il caffè, tra le altre cose, più instagrammabile di tutta Trani, quasi quanto la Cattedrale sul mare e la veduta del porto da Piazza Quercia!
Code Cafe. Piazza della Repubblica, 25 - Trani (BAT). Tel: 3405986313

Dal caramello ai fiori in un sorso


Il tour tra gli aromi di caffè della costa adriatica pugliese non può concludersi che a Bari, Porta d'Oriente pronta ad accogliere le culture del domani, ad abbracciarle e contaminarle con i sentori della tradizione. Un connubio perfetto che ritroverete nel Caffè Cognetti, un'istituzione dal 1997, prima microtorrefazione barese dedita alla tostatura di chicchi scelti e rispettati nelle loro proprietà organolettiche. Qui il caffè nasce dall'esperienza di Davide Roveto, conoscitore di ogni segreto della torrefazione classica e specialty. Tre le caffetterie Cognetti in tutta Bari, l'ultima inaugurata circa un anno fa nel salotto buono di Via Sparano; qui i clienti possono godersi un espresso preparato con la Slayer, una macchina americana tra le più costose al mondo, scegliere di optare per una miscela composta da tre origini, Brasile, Colombia e India, o optare per le fragranze degli specialty coffee. Più che in un bar o una torrefazione vi sentirete in una profumeria, in cui verrete pervasi dalle note di caffè gourmet caramellati, fruttati o floreali. Per non parlare dell'affogato specialty, un affogato di espresso colombiano con gelato ai frutti di bosco, o del lemon cold brew, imbevuto di granita al limone artigianale. Nel caso in cui si abbia poi voglia di commettere un bel peccato di gola zuppo di caffeina da Cognetti Specialty Coffee & Bakery troverete il tiramisù specialty, con i savoiardi bagnati in un pregiatissimo caffè brasiliano. La sede storica del bar Cognetti sorge dinanzi al sontuoso Teatro Petruzzelli ed è proprio in suo onore che Davide ha creato il celebre blend specialty Hopera, dall'unione delle origini Brasile, Guatemala ed Etiopia. Le miscele e i monorigine Cognetti sono disponibili nelle loro caffetterie baresi e sull'e-commerce.
Caffè Cognetti. Via Salvatore Cognetti, 17/19 - Bari. Tel: 0805247578
Cognetti Specialty Coffee & Bakery. Via Sparano, 120 - Bari. Tel: 0809260733


Le foto interne sono tratte dalle pagine social dei locali citati.
La foto di copertinaè di Caffè Cognetti dalla pagina Facebook

  • TENDENZE FOODIES
  • COLAZIONE

scritto da:

Giuliana Vendola

Murgiana classe ’94. Laureata in Scienze Filosofiche, bioetica, etica ed antropologia, scrivo per Il Quotidiano Italiano. Presto sempre attenzione ai miei luoghi, ai loro odori e sapori, al loro irrompente domandare. Quando ero bambina mia madre mi propose un corso di nuoto, io le mostrai le mie sgangherate poesie. Lei capì che ci avrebbe pensato la scrittura ad aumentare la mia capacità polmonare.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Carne alla brace mon amour: i consigli di uno chef per farla "al bacio"

Perché il freddo non arresterà la nostra voglia di grigliare.

LEGGI.
×