Siamo stati a cena nelle corti segrete di Venezia!

Pubblicato il 23 luglio 2023

Siamo stati a cena nelle corti segrete di Venezia!

Anche chi di Venezia conosce proprio tutto, probabilmente non sa che sono rimasti dei segreti nascosti ancora da scoprire. Parliamo delle corti e dei giardini interni ai ristoranti o agli hotel, sottratti alla vista e al clamore della folla, silenziosi e riparati, perfetti per una cena intima o anche per un pranzo vissuto con calma, immersi nel verde. Scovarli non è facile ma noi siamo dei veri esperti e li abbiamo sistemati tutti nell’elenco che trovate di seguito. La scelta è vasta: si spazia dai classici, a quelli lussuosi, a quelli che richiamano le note orientali, a quelli che vi fanno godere di un vero e proprio privilegio per pochi. Il consiglio è di provarli tutti: quasi sicuramente una volta entrati non ne uscirete più.

In Ghetto


Suggestivo anche per chi lo conosce da sempre, il Ghetto di Venezia è sempre un ottimo punto di riferimento, gastronomico e non. Qui vale la pena provare Ba Ghetto, che è la declinazione veneziana di una solida catena di locali che fa della cucina giudaico romanesca il cuore della propria offerta gastronomica. Non mancano ovviamente gli omaggi alla cucina veneziana e le proposte stagionali. Segnatevi i carciofi alla giudia, l’hummus e falafel, i tonnarelli con carciofi e i fiori di zucca fritti con il baccalà. La vera perla però è il bellissimo giardino.  
Bà Ghetto, Cannaregio, 2873/c, Venezia. Tel: 0419345962

A Rialto


Nel cuore pulsante della città, a pochissimi passi dal Mercato del pesce di Rialto, si trova un ristorante storico, che ha trasformato la sua identità secolare in un omaggio al passato. Siamo alle Poste Vecie e qui cura ed eleganza sono di casa. Risale al 1500 ed era la sede dell’attività di smistamento postale della Serenissima. Se gli interni sono un autentico capolavoro, tra affreschi, caminetti, quadri e arredi, la corte interna riesce a completare la meraviglia, racchiudendo in un ambiente raccolto tutti i pregi del luogo. La carta propone una carrellata di grandi classici rivisitati con tocco contemporaneo. Da provare il calamaro ripieno.
Poste Vecie, San Polo, 1608, Venezia. Tel: 041721822

Come un bistrot

In una calle laterale di Strada Nova, dalle parti della Chiesa di San Leonardo, ecco un bacaro, La Corte 1642, che è anche un ristorante, con uno chef che sa il fatto suo. Se cicchetti e taglieri di affettati e formaggi sono dati per scontati (ma vale la pena provarli), primi golosi, secondi di carne e pesce, o insalate sono preparati con cura e valgono la sosta. Neanche a dirvi che qui, la corte nascosta non solo c’è ma è proprio il concept del locale.
La Corte 1642, Cannaregio 1642, Venezia. Tel 0414766026

Alle zattere


Il Ristorante Adriatica si trova all’interno di Palazzo Experimental alle Zattere, ed è un vero gioiello di design che strizza l’occhio allo stile marinaro. Qui il giardino retrostante interno è una vera sorpresa per gli occhi, alla quale si aggiunge quella per il palato. Il menu è un richiamo alle regioni italiane che si affacciano sul mare Adriatico. Tra creatività e giocosità, qui si lavora con prodotti di stagione di qualità provenienti da Friuli, Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Molise, Puglia e, ovviamente Veneto per un viaggio nella cucina italiana.
Ristorante Adriatica, Fondamenta Zattere Al Ponte Lungo, 1412, Venezia. Tel: 041 0980201

In Oriente


Un giardino che richiama atmosfere esotiche, con gelsomini profumati, palme e piante di agrumi. Cui si aggiunge una vera da pozzo del 1500, un’Orangerie, gazebo bianchi e tessuti pregiati. Sembra un’oasi nel deserto e invece siamo in Riva Schiavoni. Questa meraviglia orientaleggiante è l’Orientalbar & Bistrot, all’interno dell’hotel Metropole. Aperto da maggio a settembre ha un menu che un vero viaggio tra Venezia e l’Oriente
Orientalbar & Bistrot, Riva degli Schiavoni 4149, Venezia. Tel: 041 5205044

Un boutique hotel


Un cocktail bar lussuosissimo ma anche uno spazio per una sosta gastronomica raffinata. Siamo in un edificio del 15° secolo a Dorsoduro e il luogo da appuntarsi si chiama Excess Venice, un boutique hotel silenzioso e riservato. Il giardino interno è un’isola felice che racchiude un cocktail bar e uno spazio per una sosta gastronomica veloce ma curatissima. Snack, sandwich, insalate ma soprattutto una selezione di primi e secondi piatti che sono un vero inno alla tradizione della cucina italiana.  
Excess Venice, Fondamenta S. Sebastiano, 2542, Tel 0415231233

A San Polo


Un locale storico scelto da generazioni di veneziani per celebrare le feste di famiglia. A nominare il ristorante Da Ignazio il pensiero va subito alla corte interna con giardino a pergola dove un tempo si giocava a bocce. Siamo nei pressi di Casa Goldoni: qui dal 1951 la famiglia Scroccaro ha gestito l’insegna dando spazio alla tradizione, con una cucina prevalentemente di pesce, primi piatti con pasta fresca fatta in casa e verdure locali. Accomodatevi nel giardino e godetevi i grandi classici.  
Trattoria Da Ignazio, San Polo 2749, Venezia. Tel. 041 5234852

Rimandi letterari


Agli appassionati di fumetti il nome Corte Sconta dirà sicuramente qualcosa: “Corte sconta, detta Arcana” è il nome di uno dei più famosi lavori di Hugo Pratt, con protagonista Corto Maltese. Ispirandosi al celebre marinaio, ecco la veneziana Corte Sconta, trattoria a Castello. Insegna storica, frequentata anche da personaggi famosi, ha una cucina che reinterpreta i classici in modo contemporaneo. Merita per una corte interna e nascosta, praticamente un piccolo giardino.
Corte Sconta,  Calle del Pestrin 3886, Castello - Venezia. Tel: 0415227024

Al Casinò


Location 10, verrebbe da dire subito…Siamo al Casino di Venezia, Palazzo Vendramin Calergi, per la precisione. Qui ha aperto il Lusso della semplicità, il ristorante di Alessandro Borghese. Lo chef del format televisivo ‘4 ristoranti’ ha modulato un’offerta gastronomica che accosta piatti signature (l’anatra alla torba), omaggi alla laguna, ma soprattutto grandi cavalli di battaglia come l’iconica cacio e pepe. Dove assaggiarli? Ovviamente nella corte che affaccia direttamente sul Canal Grande e alla quale si può accedere scenograficamente anche dall’approdo via acqua.
Il Lusso della semplicità, Cà Vendramin Calergi, Cannaregio 2040, Venezia. Tel. 0413086070

A Cannaregio

In una fondamenta tranquilla a pochi passi dal Ghetto, ecco un’osteria come quelle di una volta. Siamo ai 40 Ladroni, in Fondamenta della Sensa: il menu offre i grandi piatti classici della cucina veneziana preparati con materie prime locali, con un’attenzione particolare a pesce, verdure di S. Erasmo e paste fresche fatte in casa. Segnatevi i bigoli in salsa alla veneziana, gli gnocchi alla granseola, i risotti con pesce, grigliate e fritture. Dove? Nella corte interna ovviamente.
Ai 40 Ladroni, Cannaregio 3253, Venezia. Tel 041715736

In uno dei campi più belli


Siamo in Campo Santa Margherita, uno dei più suggestivi di Venezia. Qui vale la pena fare un salto al Garden Bistrot che, neanche a dirlo, deve il suo nome alla mini corte privata interna, che si può anche coprire totalmente. La cucina propone piatti agili e creativi: da segnarsi i gamberoni tostati al pistacchio con riso venere su zucchine e burrata, i tagliolini al gambero rosso con filangé di zucchine e zeste di limone, le seppie nere alla veneziana con polenta tostata e la tagliata di tonno fresco scottato al sesamo nero con misticanza di verdure.
Garden Bistrot, Campo Santa Margherita, Dorsoduro 2919, Venezia. Tel: 377 3119993

Foto interne dalle pagine FB e Google dei rispettivi locali
Foto di copertina di Excess Venice

  • RISTORANTI ROMANTICI

scritto da:

Margherita Maggio

Mi piace farmi raccontare una storia, cambiare umore ogni 5 minuti e collezionare stampi per i dolci. Per guadagnarmi da vivere vado a cena fuori la sera, e poi lo racconto su 2night: in fondo mi è andata alla grande.

IN QUESTO ARTICOLO
×