​Le migliori pizze d'Italia 2020: i voti della Guida Gambero Rosso

Pubblicato il: 1 ottobre 2019

​Le migliori pizze d'Italia 2020: i voti della Guida Gambero Rosso

Le pizzerie d'eccellenza, dall'impasto alla cottura senza dimenticare anche il marketing.

Alla napoletana, verace, o alla romana, sottile, o ancora, quella in degustazione? Pochi ingredienti "tradizionali" o pizze gourmet. La diatriba non avrà mai fine, ne siamo certi, e francamente importa poco, per certi versi, vista la bontà di tutte le versioni ma, tant’è... Si tratta di tre scuole di pensiero da sempre agli antipodi e in competizione, e il tema è quanto mai attuale.


La pizza (Napoletana, Italiana, in Degustazione) ha in generale risalito il podio non solo come gradimento ma anche come prestigio, valore, contaminazione di tecniche ereditate dall'alta cucina, capacità di dialogare con la tradizione grazie all'uso di materie prime a km0 e farine nobilissime. Ne la Guida Pizzerie d'Italia 2020 le pizzerie non sono valutate solo impiegando gli spicchi e le rotelle, ma a questi si affianca un punteggio frutto della somma di tre voci. A partire da quella che riveste il peso maggiore, la pizza (80/100). E poi l'ambiente e il servizio, quest'ultimo comprensivo pure della proposta beverage. 

Tre Spicchi – Pizza napoletana

96
Pepe in Grani – Caiazzo (CE)

95
La Filiale a L’ Albereta – Erbusco (BS)

94
La Notizia – Napoli

93
50 Kalò – Napoli
La Notizia – Napoli
Salvo – Napoli

92
Battil’oro Fuochi + Lieviti + Spiriti – Seravezza (LU)
Le Follie di Romualdo – Firenze
I Masanielli – Caserta
Pizzeria Salvo – San Giorgio a Cremano (NA)
Sorbillo – Napoli

91
Al Fresco – Firenze
Enosteria Lipen – Triuggio (MB)
Montegrigna by Tric Trac – Legnano (MI)
Officine del Cibo – Sarzana (SP)
Oliva – da Concettina ai Tre Santi – Napoli
‘O Scugnizzo – Arezzo
Il Vecchio e il Mare – Firenze

90
4A Pizzeria di Guglielmo Vuolo – Napoli
Ammaccàmm – Pozzuoli (NA)
Da Attilio alla Pignasecca – Napoli
La Contrada – Aversa (CE)
Duje – Firenze
Era Ora – Palma Campania (NA)
Fandango Racconti di Grani – Filiano (PZ)
Giotto – Firenze
Guglielmo Vuolo Verona – Verona
Mamma Rosa – Ortezzano (FM)
Perbacco – La Morra (CN)
Starita – Napoli
Sud – Firenze
Villa Giovanna – Ottaviano (NA)
Casa Vitiello –  Caserta

Tre Spicchi – Pizza all’italiana

92
Seu Pizza Illuminati – Roma

91
Pizzeria Bosco – Tempio Pausania
Framento – Cagliari
La Gatta Mangiona – Roma
Libery Pizza & Artigianal Beer – Torino
Proloco Dol – Roma
Sforno – Roma

90
La Braciera Palermo
Giangi Arielli (CH)
Piccola Piedigrotta Reggio Emilia
Proloco Pinciano Roma
Sbanco Roma
La Sorgente Guardiagrele (CH)
Tonda Roma
Vola Bontà Per Tutti Castino (CN)

Tre spicchi – Pizza a degustazione

96
I Tigli – San Bonifacio (VR)

94
Gusto Divino – Saluzzo (CN)
Renato Bosco Pizzeria – San Martino Buon Albergo (VR)

93
Apogeo Giovannini – Pietrasanta (LU)
L’ Osteria di Birra del Borgo – Roma
Ottocento Bio – Bassano del Grappa (VI)
Sestogusto – Torino

92
Piano B -Siracusa
Patrick Ricci. Terra, Grani, Esplorazioni – San Mauro Torinese (TO)
Sirani – Bagnolo Mella (BS)

91
Crosta – Milano
La Divina Pizza – Firenze
Dry Milano – Milano
Da Ezio – Alano di Piave (BL)
In Fucina – Roma
Gigi Pipa – Este (PD)
Gusto Madre – Alba (CN)
Mediterraneo – Brugnera (PN)
La Pergola – Radicondoli (SI)
La Ventola – Rosignano Marittimo (LI)

90
Berberè – Castel Maggiore (BO)
Agriturismo Il Casaletto – Viterbo
Lo Spela – Greve in Chianti (FI)
ZenZero Osteria della Pizza – Pisa

Tre Rotelle – Pizza a taglio

95
Pizzarium – Roma

94
Saporè Pizza Bakery -San Martino Buon Albergo (VR)

92
Pizzamore -Acri (CS)
Pizzarium -Lucca
Masardona -Napoli
Panificio Bonci – Roma

90
Menchetti dal 1948 – Arezzo
Pizzeria Sancho – Fiumicino (RM)

  • CLASSIFICHE
  • PIZZE PARTICOLARI E GOURMET

scritto da:

Maggie Ferrari

I miei ricci parlano per me. Scatenata e bizzarra la notte, frenetica e in carriera di giorno. Toglietemi tutto ma non i miei apericena in centro e la malinconia del weekend, quando mi manca Milano.

POTREBBE INTERESSARTI:

​I ristoranti migliori dove farsi una scorpacciata di Tartufo Bianco d'Alba

Con i suoi 250 € all’etto di quest'anno si conferma la prelibatezza più costosa in tavola, ma bando alla tirchieria per una volta.

LEGGI.
×