Urbis Pizzeria, e all’improvviso la grande pizza napoletana apparve al Pigneto

Pubblicato il: 19 giugno 2020

Urbis Pizzeria, e all’improvviso la grande pizza napoletana apparve al Pigneto

Il nuovo locale del giovane pizzaiolo Diego Porfiri si è rivelato la sorpresa dell’anno nel campo della pizza napoletana a Roma

Nonostante la sofferenza e le difficoltà del post lockdown che stritolano il settore della ristorazione a Roma come in una morsa, è bello scoprire che qualche giovane imprenditore si sia rimesso in pista e con risultati più che straordinari. E’ il caso, per esempio, di Diego Porfiri proprietario e pizzaiolo di Urbis Pizzeria, una neonata pizzeria nel cuore del Pigneto. Non ci troviamo nel cuore della movida del quartiere, intendiamoci, ma nella parte più residenziale, lontana dalla “caciara”, ma forse proprio per questo ancora più apprezzabile, perché si può godere di un grandissimo prodotto di qualità senza il caos della movida. Il locale è piccolo, ma molto accogliente in qualsiasi stagione dell’anno ed il personale, molto attento e preparato, riesce a guidarti in un’esperienza a tavola che per il settore della pizza napoletana a Roma si è rivelata una delle più gradite sorprese e scoperte almeno degli ultimi dieci anni.

Parliamo del pizzaiolo

Diego Porfiri, classe ’85, originario dei Castelli Romani, si è avvicinato al mondo della pizza nel 2007 e poi, a 27 anni, è volato a Londra dove è avvenuta la sua vera grande formazione. Fare la pizza è cosa da tutti, farla bene è cosa da artisti e Diego è nel suo campo uno dei migliori artisti mai “assaggiati”. La sua pizza la puoi riconoscere al primo morso, a partire dal cornicione, assolutamente perfetto in morbidezza e croccantezza. Personalmente è uno dei pochi casi dove mi capita di mangiare prima il cornicione e poi il resto della pizza, “e ho detto tutto”, come direbbe Totò.

Le farine e la lavorazione

Diego utilizza solo la farina di tipo 1 del molino Profili di Viterbo che dona al suo impasto una morbidezza totale. Il segreto di questa farina è la bassa forza, tra 220/240, che permette al pizzaiolo di lavorare e far maturare l’impasto in 24 ore mantenendo una digeribilità altissima senza dovere intervenire sull’idratazione. A completare l’opera per ciò che riguarda gusto e odori ci pensano la crusca e i germi di grano che donano alla pizza di Diego un profumo celestiale.

Stagionalità e fatto in casa

L’altro immenso punto di forza di Urbis Pizza è l’utilizzo in via quasi esclusiva di ingredienti di stagione, verdure in primis. Diego, nato e cresciuto ai Castelli Romani, possiede ancora oggi lì un orto che cura personalmente ogni giorno che gli dona ogni giorno le verdure e gli odori da utilizzare per le sue pizze. Per questo ogni giorno troverai fuori menu speciali con pizze del giorno preparate con ciò che la natura (quella vera) offre.Inoltre Diego è attentissimo a selezionare ed utilizzare solo prodotti di eccellenza di piccola produzione artigianale del Lazio, come i salumi e i formaggi. 

Si parte, comunque, dai fritti

Prima della pizza il mio consiglio è quello di partire con una degustazione dei fritti della casa, dove troverai un ottimo supplì al ragù caratterizzato da un sugo molto profumato e da un crocchè di patate tradizionale napoletano di una delicatezza sconfinata. Obbligatorio, poi, ordinare la “pasta fritta” del giorno, che consiste in un’invenzione della cucina irresistibile, come ad esempio lo schiaffone fritto ripieno di salsa di carbonara, una goduria pazzesca.

Le bruschette

Se non vuoi optare per il fritto come antipasto, allora ti consiglio di provare in alternativa le bruschette della casa, anche queste preparate rigorosamente con ciò che l’orto di Diego offre ogni giorno.

Che pizza ordinare?

Se potessi davvero ogni volta le assaggerei tutte le pizze del menu di Diego, ma qualsiasi sia la scelta fatta sarà un piacere assoluto per il palato. Tra tutte forse è la regina a spiccare ancora, la Margherita, perché quando una pizza è speciale è dalla Margherita che lo noti e qui siamo a livelli di eccellenza pura.

Una cheesecake da urlo

Se è vero che il ricordo di una grande esperienza gastronomica lo fa soprattutto il dessert, Urbis Pizzeria ne è la conferma definitva.A preparare quotidianamente i dolci qui, tutti rigorosamente fatti in casa, è Valentina, compagna di Diego nel lavoro e nella vita. Due, a mio avviso, i suoi capolavori:la cheesecake, leggera, formaggiosa come piace a me e con la giusta croccantezza della base, disponibile ai frutti di bosco e al cioccolato, ed il tiramisù, Il fine pasto ideale per una cena da antologia.

Urbis Pizzeria, Via Isidoro di Carace, 6 Roma - Tel: 3924948234

Foto gentilmente concesse da Urbis Pizzeria

  • RECENSIONE
  • PIZZERIA

scritto da:

Lorenzo Coletta

Romano, giornalista, dopo una prima esperienza di giornalismo radiofonico con l'agenzia Econews, ha cominciato ad appassionarsi al grande mondo dell'enogastronomia. Ha contribuito nel 2014 alla redazione della Guida dei Ristoranti di Roma di Puntarella Rossa edita da Newton Compton.

IN QUESTO ARTICOLO
×