Relax paradisiaco o divertimento diabolico? Dilemma shakespeariano, suggestioni dantesche al 25hours Hotel Piazza San Paolino, lifestyle hotel della catena tedesca ispirato alla Divina Commedia, con dettagli a tema dal ristorante alle stanze e con un'offerta talmente ampia da poter essere vissuto - come onomastica suggerisce - per 25 ore al giorno. La grande attenzione alla gastronomia e alla mixology, al relax e alla cultura, oltre che al decoro urbano e all'ambiente, ne fanno una location dove residenti e turisti possono vivere assieme diversi spazi, dal Giardino dell'Eden al Cinema Paradiso, passando per la Sala delle Celesti Armonie. Vi raccontiamo tutte le suggestioni di questo hotel così diverso e così extra-ordinario.

Concept e ispirazione


Il 25hours Hotel Piazza San Paolino nasce dalla riprogettazione e dalla riqualificazione dell'ex convento di San Paolino, poi diventato Monte dei Pegni ma abbandonato per oltre un decennio, con il quale la compagnia tedesca e la GLA - Genius Loci Architettura hanno voluto ricucire il rapporto col tessuto urbano circostante. Fra le caratteristiche dei 25hours Hotel, sin dal Bikini Hotel ispirato alla giungla perché affacciato sullo zoo di Berlino, nella capitale tedesca, c'è infatti la profonda integrazione con il territorio, sia dal punto di vista architettonico, sia da quello dell'ispirazione. Non è un caso che siano stati Dante e la "Commedia" a guidare anche le trovate di Paola Navone - Studio Otto per gli interni.

La Corte e il ristorante San Paolino


A pranzo, a cena, qualunque sia l'orario. Al Ristorante San Paolino (110 coperti) c'è sempre qualcosa di buono da provare, dai classici toscani a quelli nazionali, preparati esclusivamente con prodotti regionali freschi e locali dallo chef fiorentino Nicola Schioppo, pioniere dell'apericena a Firenze. Appassionato di carne alla brace, propone carni di eccezionale qualità a partire dalla Fiorentina.


La Corte incantata verde, cuore pulsante dell'hotel, richiama un po' la “selva oscura” sia il giardino dell'Eden. Coperta da un suggestivo glass dome, mescola piante vere e finte che, al di là dell'aspetto decorativo, sono anche fonoassorbenti e regalano all'ambiente una piacevole sensazione acustica. Il mega Lounge Caminetto ha rosse sedute conviviali e ospita a sua volta due fuochi, che nella stagione più fredda vengono accesi: è particolarmente suggestivo nel periodo natalizio.

I "live", la Stanza di Bacco e le Things


Tutti i giovedì sera, dalle 19, la corte aperta è teatro di esibizioni musicali live con artisti di ogni provenienza, dal trio jazz al duo rock passando per il complessino swing. Un modo per supportare tanti artisti reduci da un biennio particolarmente duro. Molti di questi ragazzi sono stati reclutati grazie a un passaparola fra artisti.

Annessa alla zona bar, la Stanza di Bacco è invece un ambiente molto intimo, utilizzato anche per piccoli meeting o cene private. Comunicante con la cantina, è arredata con un'originale collezione di cavatappi.


Le 25hours Things sono shop dove si trovano dalle cose più inutili e divertenti, come il libro "Miao" che altro non dice che "miao" dalla prima all'ultima parola, il kit per radersi, i set di piatti e bicchieri curata dallo Studio Otto di Paola Navone.

Il Cinema Paradiso, fra rassegne ed eventi


Attualmente fermo, ripartirà in autunno con una proiezione ogni domenica. Nel primo anno si è puntato sulle rassegne fra cui quella con registi emergenti, documentaristi creativi che parlavano di Firenze in modo alternativo, intervistando gli homeless o creando storie fantasy, attirando un ampio pubblico (rassegna "La 25a ora"). Oppure "Cinemino e bicchierino", film già usciti che si possono guardare degustando un tagliere e sorseggiando vino o altro drink, come se fosse nel salotto di casa. Il Cinema Paradiso unge anche da sala eventi per riunioni, presentazioni di libri, feste di compleanno, eventi di moda, meeting bancari. I quadri che ritraggono Sofia Loren e Alberto Sordi, all'occorrenza, diventano tavoli. Mangiare su Albertone che mangia dev'essere davvero un'esperienza unica.

Il Companion Bar e l'Alimentari


In stile londinese, il Companion Bar è il luogo dove farsi ispirare da tutta una lista di signature cocktail con ogni variazione possibile e immaginabile del Negroni, con vermouth e bitter toscani. Qui si va sui classici o sui signature, secondo il concept ideato da Jorg Meyer. Alla Corte, invece, viene data maggiore libertà all'estro dei bartender.


A far da collegamento fra la rinnovata Piazza San Paolino e l'interno c'è invece l'Alimentari, aperto tutto il giorno, con un bottega in stile vinaino dove gustare prodotti e specialità locali. Uno spazio gestito in collaborazione col team di “S. Forno”, nota bakery fiorentina.

La Sala delle Celesti Armonie


Libri, vinili, biliardo: c'è chi passerebbe le ore qui dentro, senza accorgersene. Di per sé parla già il nome di questo spazio, che Paola Navone ha immerso in una carta da parati che richiama la classica carta fiorentina ma ingranditat al microscopio. Il camino completa la pagina di questa stanza magica, che una volta al mese ospita un evento in collaborazione con la libreria Todo Modo, che siano presentazioni di nuovi libri o dialoghi con autori.

Le camere: Paradiso e Inferno


Naturalmente al 25hours Hotel Piazza San Paolino si dorme anche, in camere che portano i nome di 171 personaggi della Commedia, collocati in maniera fedele rispetto alla narrazione dell'Alighieri. Per quanti non li conoscono, nelle camere c'è anche una piccola storia del personaggio di quella camera, da Ugolino a Farinata degli Uberti. La parte antica, ristrutturata, ospita 72 camere, mentre nella nuova struttura ce ne sono 99, tutte con balconcino o giardini, così disposte: Inferno, tre piani di Paradiso e infine ancora Inferno.


Il top di gamma del 25hours hotel fiorentino a è La Casetta del giardino, con accesso diretto dal garage o ingresso indipendente da Borgo Ognissanti, oltre che forno, barbecue, vasca in mezzo alla camera. In cinque anni, è stato fatto un notevole lavoro di integrazione, con un intervento corposo che non è stato invasivo con l'ambiente. Ogni camera ha colori (rosso e nero l'inferno, bianco e celeste il Paradiso) e dettagli a tema, dalle borse allo zainetto con ali da angelo, indossate almeno per un selfie anche dagli ospiti più seriosi.

  • RECENSIONE
IN QUESTO ARTICOLO
×