Il mio pranzo di pesce in un piccolo borgo marittimo vista Laguna

Pubblicato il 15 giugno 2023

Il mio pranzo di pesce in un piccolo borgo marittimo vista Laguna

Con l’estate alle porte, la domenica perfetta, per me, si traduce in una bella gita fuori porta, specialmente adesso che non fa ancora troppo caldo, approfittandone per fare una passeggiata in uno dei tanti piccoli borghi che abbiamo la fortuna di avere vicino a casa. Se poi riuscissimo a inserire nel programma anche una mezza giornata in spiaggia, sarebbe proprio perfetto. La risposta a tutti questi desideri, per una giornata in città da concludere con un aperitivo al mare, è Chioggia, che non ho scelto a caso, perché, ciliegina sulla torta, si mangia pure veramente bene. Quando ho voglia di una buona cucina di pesce vengo qui, da sempre: il mercato ittico è un’istituzione antica, il secondo più grande della Laguna Veneta, dopo quello di Venezia. Va da sé che quasi la totalità dei ristoranti sia di pesce, ma appunto, nella moltitudine di proposte che promettono di servire il migliore in circolazione, ci si rischia di perdere. Io ho percorso Corso del Popolo fino alla fine, arrivando ai piedi della laguna, e sono entrata decisa nell’ultimo locale in terraferma.


La conferma di aver prenotato nel posto giusto mi è arrivata, pensate un po’, dal nonno, che ho scoperto essere un cliente letteralmente storico. Ebbene sì, perché il Ristorante Alberto Capo, un rinomato ristorante di pesce che da quasi vent'anni è un punto di riferimento a Chioggia per il mangiare bene, ha una storia ben più lunga. Apre settant’anni fa come cicchetteria, e, tra i cambi di gestione, non smette di preparare un buon pesce ai clienti, fino al 2004, quando arriva lo Chef Alberto Capo, che prende in mano l’attività e la plasma a sua immagine e somiglianza. Una ventata di novità investe il locale, che continua a cucinare il miglior pescato in circolazione, ma in chiave contemporanea, proponendo abbinamenti e combinazioni di ingredienti in grado di trasformare le ricette della tradizione, ma senza stravolgerle.


Nel menù pesce, pesce e ancora pesce (ma lo chef ha pensato a tutti, anche a chi non lo mangia, con un’apposita sezione). Locale, ma soprattutto stagionale, selezionato personalmente poco distante dal ristorante, direttamente al mercato, garantendo una qualità veramente eccezionale. Il mio pranzo comincia così, con un antipasto che mi permette di assaggiare un po’ di tutto e contemporaneamente mi trasporta nel passato, ricordando i pranzi in famiglia della mia infanzia. Davanti a me ho il gran bollito di pesce, un piatto della tradizione che non mi stanca mai e al quale non riesco a rinunciare. Gamberi, scampi e canoce, capesante, canestrelli e folpetti, cotti a regola d’arte, assaporati giusto con un filo d’olio buono, per poter apprezzarne il sapore al naturale. Non ho potuto resistere alla tentazione di assaggiare anche i “cicchetti chioggiotti”: carpaccio di pesce spada, sarda in saòr, baccalà mantecato su polenta arrosto e dentice mantecato, preparato con una ricetta speciale.


Dopo aver provato i piatti più classici, ma anche più iconici, scelgo un ricco secondo, il tonno di Carloforte. Per questa specialità facciamo un’eccezione e ci allontaniamo un po’ dal caro mercato ittico della città, arrivando in Sardegna, a Carloforte appunto, paese in cui risiede una delle ultime tonnare fisse del Mediterraneo. Il loro tonno rosso è in assoluto uno dei più pregiati in circolazione, dal gusto inconfondibile, motivo per cui viene consigliato di gustarlo crudo o appena scottato, proprio come è stato preparato a me, col cuore di un rosso intenso, accompagnato da un dolce stracotto di cipolla di tropea e datterini.


Per concludere il mio pranzo, decido di farmi cullare ancora un po’ dai ricordi, dai sapori che per me rappresentano i pranzi di famiglia, e ordino una profumatissima millefoglie, con una delicata crema alternata agli strati di sfoglia fatta in casa, proprio come la preparava mia nonna.


Ristorante Alberto Capo
Indirizzo: Piazzetta Vigo, 1340 - Chioggia (VE)
Telefono: 041401721


Foto di copertina dalla pagina Facebook di Ristorante Alberto Capo
Foto nel testo dalla pagina Facebook del ristorante e di Beatrice Modugno

  • CENA BLOGGER
  • RECENSIONE
  • RISTORANTE DI PESCE

scritto da:

Beatrice Modugno

Trevigiana di nascita, studentessa a Padova, pugliese di famiglia. Quando non sono ai fornelli, mi trovi seduta al ristorante. Mangio ovunque e lo racconto a tutti: possiamo parlare di cibo anche per tre o quattro ore di fila.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

​I migliori festival musicali dell’estate 2024 in Europa: quelli da non perdere

Che estate sarebbe senza festival?!

LEGGI.
×