Come viaggiare rimanendo in città: le proposte etniche particolari da provare a Firenze nel 2019

Pubblicato il: 16 gennaio 2019

Come viaggiare rimanendo in città: le proposte etniche particolari da provare a Firenze nel 2019

C’è chi viaggia per lavoro, godendosi panorami bellissimi; chi per passione, magari con uno zaino in spalla esplorando ogni angolo di una città, con google maps alla mano oppure perdendosi un po'; c’è chi viaggia per rilassarsi, per stendersi su una sabbia bianca sotto il sole o immergersi in una piscina calda in montagna. E poi ci sono io, che viaggio con la mia mente seduta davanti alla scrivania.

L’unica consolazione è quella di andare a cena in quei ristoranti che ti fanno viaggiare con il gusto, portandoti in qualunque posto tu voglia essere senza prendere nessun biglietto aereo. Quindi, lascia a casa la Lonely Planet ed eccoti qui una guida su alcuni ristoranti di Firenze che ti fanno sentire un cittadino del Mondo. Bon voyage!

Asia

Cina, Giappone, Thailandia e Corea in un unico ristorante: il FirenZen, e già dal nome si capisce che è un piccolo angolo di relax in pieno centro (complice anche il giardino interno). La cucina è quella tradizionale, tipica e con sapori autentici, come Pad Thai, udon, il Bibimpab coreano, tofu saltato o tempura di gamberi. Qui il foodpairing arriva anche inversione zen: i drink vanno dai classici ai rivisitati, come lo SpritZen. E per i più golosi, i dolci sono abbinati al tè matcha e trasformano il tiramisù in un matchamisù.

Vietnam

Motociclette, cucine improvvisate sui marciapiedi, risaie infinite, spiagge bellissime, grattacieli. Il Vietnam è questo ma anche tanto altro, con una cucina che ricerca equilibrio tra gli ingredienti come quella del Com Saigon, il ristorante in via dell’Agnolo, frutto di viaggi per intraprenderne la cultura e le materie prime e che, grazie alle tre cuoche vietnamiti, realizza piatti tradizionali come la zuppa con brodo di manzo Pho Tai, gli involtini Goi Cuon, le tagliatelle Pho Tron Ga.

Cina

A pochi passi dall’Arco di San Pierino, basta varcare una porta rossa per mettere piede in Cina. Tranquillo, non ti ritroverai catapultato nel mezzo di un caotico via vai di persone a Pechino, ma solo in un suo vicolo, che guarda un po', in cinese si dice Hutong. Questo ristorante è il posto giusto per godersi la vera cucina casalinga cinese, come le tagliatelle Dao Xiao preparate in brodo con verdure e carne o uovo, e per apprezzare l’ospitalità cinese conoscendo più da vicino storie, tradizioni e cultura.

Giappone

Ispirato ai tipici locali giapponesi, gli Izakaya, dove si beve e si stuzzica, l’En è sinonimo di convivialità e di incontro. È una trattoria con cucina casalinga del tutto nipponica, senza sushi né sashimi, ma solo piatti tradizionali come il pollo teriyaki, la zuppa di Miso e il Gyu-Don a base di riso, cipolla bianca e manzo. Vini biologici, birre giapponesi e cocktail rivisitati in chiave Nippon con distillati tipici. Non resta che procurarti un kimono.

Armenia

Situato nella regione del Caucaso, l’Armenia è un Paese ricco di storia e di cultura che Ararat cerca di far conoscere e trasmettere attraverso i suoi piatti, riuscendoci benissimo. Il locale è elegante e la sua cucina è realizzata con materie prime di qualità unendo sapientemente la tradizione armena basata sulla carne, con quella georgiana ricca di verdure. Veri e propri viaggi nel gusto i menù completi dedicati alle varie regioni, ma anche i piatti alla carta come le crespelle Blinchiki, l’Ajapsandali vegetariano, il tipico panpizza farcito Khachapuri Agiaruli, dolci e vini georgiani.

Perù

Il Perù è più vicino di quanto pensi. El Inca ti porta in quella terra magica attraversata dalle Ande e dalla foresta amazzonica, in quel Paese che è un vero e proprio monumento alle antiche culture. Pablo e Monica sono una giovane coppia che raccontano il loro Perù attraverso una cucina tradizionale ed allo stesso tempo, moderna e fusion. Tutti colorati, i piatti vanno dalla carne al pesce, come il Lomo saltado (manzo, cipolla, pomodorini, patate e riso) o il Ceviche (branzino,lime, cipolle, peperoncino peruviano, mais, patate dolci). I piatti possono essere ordinati alla maniera peruviana, come piatto unico, o contemporanea, con porzioni più piccole.

India

Quando apri le porte dell’Haveli, l’India ti inebria: odori, profumi, colori e piatti tipici del Punjab nei pressi della Fortezza da Basso. Il nome è stato scelto dopo (e grazie) l’approvazione del Guru secondo la tradizione indiana, e significa ‘residenza di pregio’ rappresentando in pieno l’ambiente di questo locale. La cucina è tradizionale, anche vegetariana, e va dagli Shurat, gli antipasti come i Samosa, ai vari tipi di Nan, la tradizionale focaccia; dal Chawal, i piatti con il riso, al Tandoori, le specialità cucinate nel forno di terracotta, passando anche per carne e verdure.

Sri Lanka

Detto anche ‘lacrima dell’India’, lo Sri Lanka è un’isola meravigliosa dell’Oceano Indiano. La sua cucina è dettata dalla tradizione contadina e povera, con influenze prevalentemente indiane e indonesiane, fatta di carne e pesce con riso e lenticchie arricchiti da spezie. Kottu è il piatto tipico nazionale ed anche il nome di questo ristorante nei pressi di Piazza Beccaria, dove, tra involtini, ravioli fritti, riso saltato, latte di cocco, si respira la cultura cingalese.

Africa

La penisola a forma triangolare sul lato est del continente africano che ricorda un corno, comprende Eritrea, Etiopia, Gibuti e Somalia. Non a caso questo locale si chiama Corno d’Africa, e ci si sente subito immersi nella cordialità e ospitalità tradizionale casalinga grazie alla cucina di Almaz, la cuoca. Piatti da condividere e mangiare con le mani, grazie all’enjera, il pane tipico eritreo con cui poter raccogliere carne e verdure. A fine pasto, il caffè: realizzato e servito secondo il rito tradizionale.

Spagna

Tapas, paella e sangria. Tre parole magiche che ti portano subito nella calorosa penisola iberica, ma anche al Santanera, nel cuore di Piazza delle Cure. Musica tradizionale in un ambiente moderno e un menù che accontenta tutti. La regina è ovviamente la Paella, preparata al momento e servita direttamente nella tipica padella, si può trovare nella versione vegetale, di carne, di pesce, mista e Negra, con il nero di seppia.

Mediterraneo

Fantastichi su una crociera nel Mediterraneo? Basta andare da Finisterrae, in Piazza Santa Croce. Italia, Spagna, Francia, Grecia e tutta l’aerea del Mediterraneo in un solo ristorante, con sale arredate a seconda delle grandi città. Nel menù c’è l’imbarazzo della scelta: pizze, Bistecca alla Fiorentina ma anche Cous Cous di pesce, Paella Marinera, Spanakopita con spinaci, feta, salmone e tzatziki, Tajine De Saida con pollo alla marocchina, e Hummus con pane arabo. Un vero viaggio nel gusto.


Foto di copertina di Ararat
Foto dalle pagine Facebook dei locali

Se vuoi rimanere aggiornato iscriviti gratis alla newsletter di 2night





 

  • RISTORANTI E CIBI ETNICI
  • RISTORANTI E PIATTI TIPICI
  • CENA

scritto da:

Ilaria Gomiero

Non sono così complicata: prendi delle vans, dei jeans a vita alta, uno zainetto sempre in spalla. Aggiungi una gran voglia di esplorare il mondo e conoscerne ogni sfaccettatura. Quanto basta di timidezza che si rifugia in un sorriso, una manciata di libri e una gran passione per il cibo.

IN QUESTO ARTICOLO
  • Hutong Firenze

    Via Matteo Palmieri 34, Firenze (FI)

  • FirenZen Noodle Bar

    Via Guelfa 3, Firenze (FI)

  • En Cucina Casalinga Giapponese

    Piazza Lorenzo Ghiberti 26, Firenze (FI)

  • Santanera - Kitchen & Bar

    Piazza Delle Cure 8 R, Firenze (FI)

  • Com Saigon

    Via Dell'Agnolo 93/R, Firenze (FI)

  • Ararat

    Borgo La Croce 32, Firenze (FI)

  • Kottu

    Via Arnolfo 21r, Firenze (FI)

  • Corno D'Africa

    Via San Iacopino 12, Firenze (FI)

  • finisterrae

    Piazza Santa Croce 12, Firenze (FI)

  • Haveli

    Viale Fratelli Rosselli 31-33r, Firenze (FI)

  • El Inca

    Via Lapo Da Castiglionchio 14, Firenze (FI)

POTREBBE INTERESSARTI:

Te lo racconto io lo yoga. Wanderlust 108, ovvero come ho trovato la mia dimensione, divertendomi

L’unico Mindful Triathlon al Mondo. Cinque chilometri da percorrere correndo o camminando, una sessione di yoga e una di meditazione guidata.

LEGGI.
×