Pane, pizza e panzerotti: le tre P di Altamura arrivano a domicilio

Pubblicato il: 9 aprile 2020

Pane, pizza e panzerotti: le tre P di Altamura arrivano a domicilio

"La Leonessa di Puglia", Altamura, è conosciuta a livello mondiale per la produzione di pane, pizze e focacce. Radici secolari di cui si trovano cenni in documenti scritti in periodi che vanno dal 1400 al 1600. Pare che nel 1600 i forni a legna comuni, distribuiti nella città, fossero ben 26, forni dove il popolo andava per cuocere un pane semplice e genuino. Da allora la ricetta del "Pane di Altamura", un pane così particolare e croccante, è stata codificata ed ha trovato tutela in un preciso disciplinare sin dal 1979. I protagonisti indiscussi di questa ricetta rimangono i mulini, l'acquedotto di Altamura e il grano dell'altopiano dell'Alta Murgia e in particolare proveniente dai territori di Gravina di Puglia, Poggiorsini, Minervino Murge e Spinazzola.

La tradizione però ha sempre la possibilità di incontrare l’innovazione, e i ruoli tipici dei forni comuni si invertono: adesso sono i mastri panettieri, artisti indiscussi dell’arte bianca, che portano tutti i giorni i loro prodotti DOP sulle nostre tavole attraverso il servizio di delivery.
Per chi non vuole rinunciare al piacere della tradizione restando a casa, abbiamo preparato una selezione di locali ad hoc, che offrono tutti il servizio a domicilio.


P per Pane

Colonna portante della cucina tipica italiana, il pane, con il suo profumo e la sua croccantezza, è sempre capace di far venire fame anche a km di distanza. E quello altamurano spicca tra i prodotti da forno sia a livello nazionale che internazionale: grazie alla cottura a vapore nel forno a legna e al il lievito naturale, generato dal tipico clima umido della murgia, il pane è sempre croccante all’esterno e morbido all’interno.

Antico forno di Santa Chiara
È il più antico panificio di Altamura che dal 1423 continua a sfornare pane, focacce e prodotti da forno per i suoi cittadini senza sosta.


Digesù
Portando avanti la tecnica della creazione delle forme tipiche del pane altamurano, quella accavallata e quella a cappello di prete, la quinta generazione di panettieri del forno Digesù e pronta a portare il suo pane nelle case di tutti.  


Panificio Forte
Un panificio “recente” che mette in pratica i suoi 60 anni di esperienza per conquistarci tramite profumi e sapori che sono tipici di Altamura.  


P per Pizza

In un luogo in cui le farine dei mulini sono scelte accuratamente e le materie prime vanno da produttore al consumatore direttamente, non c’è da stupirsi che l’impasto delle pizze e focacce ad Altamura sia incomparabile.

Vecchio Ponte 
Per chi ha voglia di una pizza diversa dal solito o di impasti come quello al farro o ai cerali, la pizzeria al Vecchio Ponte, usa la sua fantasia e la sua esperienza per creare delle pizze indimenticabili.
Vecchio Ponte. Via Araldo Di Crollalanza, 27. Tel: 080 311 2339.


Sale e pepe
Per chi è alla ricerca di una pizza napoletana con i bordi spessi e dall’impasto sottile, la pizzeria Sale e Pepe ha rafforzato il suo servizio delivery.
 

Mercatale
La pizza dall’impasto leggero e genuino con ingredienti di qualità e farine scelte, il tutto preparato seguendo la tradizione, senza però mai dimenticare l’innovazione.
Mercatale. Piazza Francesco Saverio Mercadante, 48. Tel: 080 314 3984. 


Stile Libero
Numerose pizze bianche e speciali sul menu di questa pizzeria amata dai buongustai della pizza creativa. Tra le speciali menzioniamo la Nemo, con polpo scottato, stracciatella, rucola e frutto della passione. 


P per panzerotto

La mezzaluna più amata d’Italia, il panzerotto: conquista le gole di grandi e piccini, che sia fatto con gli ingredienti più semplici o con abbinamenti complessi.

Panze’
Panzerotteria sia dolce che salata che ci dà prova, con un vasto menu, che non c’è limite alla fantasia. Un esempio? Pasta fritta al cacao, con un cuore di cioccolato al pistacchio.


Re Umberto I
Le 33 combinazioni differenti fanno gola a chiunque, gli impasti e le metodologie di cottura scelte dalla panzerotteria Re Umberto I, raffinano ancor di più l’arte del panzerotto.



Stolfa
Secondo le tradizioni locali, il panzerotto può essere farcito con tutta la creatività possibile. La panzerotteria Stolfa non si tira indietro, prendendo tutto ciò che l’Italia sa offrire e trasformandolo in un panzerotto, come l’“Alto Adige” fatto con speck burrata e pomodoro confit oppure l’ “nduja”, dalla Calabria, con mozzarella, nduja, pomodoro e gorgonzola.


Foto copertina "Scorcio cattedrale di Altamura" di mls559. (CC BY 2.0)
 
 

  • GOURMET IN PANTOFOLE

scritto da:

Fadua Ouled Toumi

Noiosa, asociale, ordinaria: niente di tutto questo. Un concentrato di stranezza, sotto una matassa di capelli neri, che non resiste al richiamo di una festa. Binomio tra una nerd accanita e un’amante degli aperitivi in compagnia, delle cene e dei party.

IN QUESTO ARTICOLO
×