Dalla passione per il cibo sano e naturale è nato in Oltrarno Ramerino

Pubblicato il 4 dicembre 2020

Dalla passione per il cibo sano e naturale è nato in Oltrarno Ramerino

Tutto ebbe inizio circa un anno fa quando Martina e Giovanni, già collaboratori nel ristorante macrobiotico di Piazza Tasso, decidono di prenderlo in gestione diretta e di rinnovarlo nell'immagine e nell'offerta gastronomica: una cucina vegana e vegetale, ricca di gusto e fantasia. Così, hanno fatto del loro lavoro, una vera passione. Che si basa su una missione, quella di comunicare ed informare quanto sia importante nutrirsi bene, in modo sano e con il minor impatto sul pianeta.


Quando nasce l'idea di un locale tutto vostro, a vostra immagine e somiglianza?
Circa un annetto fa quando lo storico locale macrobiotico dove già lavoravamo da anni stava attraversando un periodo di stallo. Abbiamo quindi pensato che era arrivato il momento di portare una ventata di rinnovamento e ci siamo convinti che spettasse a noi farlo, era quello in cui credevamo e avevamo già molte nuove idee in testa. Come, ad esempio, quella di pensare ad un menù interamente vegano senza l'uso di latte e uova. Così, ci siamo buttati in questa avventura ed a circa un anno dall'inizio, possiamo dire di aver imboccato la strada giusta (covid permettendo).


In cosa vi siete concentrati principalmente per proporre la nuova offerta?
Abbiamo anzitutto lavorato sull'ambiente, rinnovandolo, scegliendo arredi, colori ed accessori che lo rendessero più caldo, accogliente, più aperto ed interessante anche a chi preferisce, magari una volta ogni tanto, mangiare vegetale o vegano, ma cerca soprattutto un buon piatto, naturale, cucinato bene e che rispetti il territorio. Infatti, secondo punto cardine del nostro nuovo progetto è la selezione dei fornitori e delle materie prime, su cui abbiamo investito tanto tempo ed energie, e che oggi fa la vera differenza.

Raccontateci come scovate i vostri fornitori ed i prodotti che poi finiscono nel menù
Molti dei nostri attuali fornitori, li abbiamo ereditati dalla precedente gestione, sono comunque un patrimonio prezioso perchè da anni lavorano con noi e ci garantiscono serietà ed affidabilità. Ma abbiamo anche cercato di ampliare la nostra rosa, ricercando produzioni nuove, di nicchia, nuove aziende agricole. Principalmente, lavoriamo con aziende biologiche, privilegiando quelle del nostro territorio ma non siamo preclusivi: se troviamo un buon prodotto, realizzato in modo sostenibile, anche più lontano, lo valutiamo comunque. L'importante è che ci sia la qualità, poi se è anche vicina, meglio ovviamente lo preferiamo.


Come nasce il vostro menù?
Principalmente è legato alla stagionalità ed alle disponibilità del momento, tant'è vero che gli speciali in lavagna cambiano anche quotidianamente, e comunque il menù di base si rinnova ogni due mesi circa. Poi, cerchiamo di dare un'offerta che metta d'accordo un pò tutti: tutti i piatti sono a base di vegetali, sono tutti vegani realizzati senza latte o uova ed altri anche senza glutine. Abbiamo una selezione di piatti di pesce per dare un'opzione ulteriore ed i dolci sono tutti vegani. Una proposta che ha riscontrato molto successo e che stiamo proseguendo, seppur cercando di rinnovarla il più spesso possibile.


Qual è il vostro piatto best seller, il più richiesto?
Sicuramente il piatto misto è quello che raccoglie sempre maggiori consensi. Lo avevamo inizialmente pensato per la pausa pranzo, come un grande piatto che raccoglie 5 assaggi: due cereali, due verdure ed un legume; un piatto perfettamente bilanciato per un pranzo ed anche contenuto nel prezzo. Poi, è piaciuto così tanto che lo abbiamo inserito come opzione fissa nel menù e continua ad essere tra i più richiesti. Forse perchè ogni giorno gli assaggi cambiano e questo lo rende interessante e non monotono.

Chi è il cliente tipo di Ramerino?
Il fiorentino, non solo abitante di Oltrarno, da noi vengono da tutta Firenze ed anche dai comuni limitrofi. Prima del lockdown erano anche lavoratori della zona, per cena e nel fine settimana giovani e persone che scelgono una alimentazione consapevole, ovviamente siamo molto apprezzati tra i vegani e vegetariani della città. Anche molte famiglie, infatti abbiamo creato un angolo con giochi e libri per i bambini che speriamo di poter tornare ad animare il prima possibile. Per il momento, ci manca il contatto con la nostra clientela ma cerchiamo di tenere vivo il legame con il nostro servizio di asporto, in attesa di poter riempire di nuovo la sala.

  • GLI ADDETTI AI LAVORI

scritto da:

Chiara Brandi

Chiara, alias Forchettinagiramondo, si definisce un’acrobata digitale, continuamente in bilico tra un lavoro nel campo dei social media, un bambino meraviglioso ed una inesauribile serie di interessi che non trovano mai fine. Adora la cucina, cucinare, conoscere e imparare su tutto ciò che riguarda il mondo food. E viaggiare: appena può, mette tutto in una valigia e parte per una nuova avventura alla scoperta di nuovi sapori, immagini, luoghi e colori. Forchettinagiramondo è il suo blog personale dove si uniscono nel racconto e nelle immagini le sue passioni più grandi: la cucina ed i viaggi. Segue ed ha realizzato vari progetti legati a cibo, tra cui GiramondosenzaGlutine, sul tema della cucina Gluten Free, e Click4Food, sul tema della fotografia del cibo.

IN QUESTO ARTICOLO
  • Ramerino

    Piazza Torquato Tasso 3r, Firenze (FI)

POTREBBE INTERESSARTI:

I 10 migliori piatti della cucina spagnola da provare almeno una volta nella vita

Torneremo a viaggiare e, quando sarà possibile, non dobbiamo farci trovare impreparati, soprattutto a tavola: ecco come conoscere la Spagna in 10 specialità

LEGGI.
×