Farfalle nello stomaco? Meglio il pesce di questi 10 ristoranti a Mestre e dintorni

Pubblicato il 26 maggio 2021

Farfalle nello stomaco? Meglio il pesce di questi 10 ristoranti a Mestre e dintorni

Qualcuno ha detto: «mangiata di pesce a Mestre e dintorni»? Prendo la giacca e arrivo di corsa.

Si sa, il pesce nel veneziano è una tradizione secolare e la terraferma pullula di locali di tutti i tipi: ristoranti, trattorie, osterie; alcuni stellati, altri leggendari, qualcuno più informale e qualcuno più romantico. Ovviamente, ogni cucina ha le sue specialità e io sono sicura che anche tu, come me, hai un ristorante di pesce di fiducia. Ma ogni tanto si prende coraggio, si sceglie di provare qualcosa di nuovo, sebbene la scelta sia tutt’altro che facile.

Per queste occasioni, io ho una lista bell'e pronta di ristoranti, trattorie, osterie di pesce a Mestre e dintorni da presentarti. Il gusto è certamente personale, ma sono certa – e con questo mi sbilancio molto, anche se non dovrei – che non rimarrai deluso/a. Se vuoi segnartene qualcuno, eccone un paio: dieci per la precisione. Perché, per carità, mangio di tutto – tranne le olive e i sottaceti, quelli proprio no – ma di fronte alla scelta tra carne e pesce, non esito un secondo: opto sempre per il mare. E questi sono i miei posti del cuore nel mestrino. 

A Marghera

Il bistrot che non ti aspetti 

Quando mi chiedono: «Cosa si mangia di buono al DiMe?», io faccio sempre fatica a rispondere, perché accanto al menu alla carta, la cui punta di diamante sono i crudi di pesce di altissima qualità, ci sono sempre proposte quotidiane che variano sulla base di ciò che offre il mercato e dell’estro creativo degli chef. Insomma, il DiMe incarna perfettamente la filosofia del bistrot gourmet, quello dal design studiato nei minimi dettagli: un posto che non ti aspetteresti in una zona come Marghera. In particolar modo, a me piace cimentarmi nel menu degustazione, concordato insieme allo staff, bilanciato nei gusti e pure negli apporti nutrizionali: un percorso enogastronomico guidato, a partire da 45 euro a persona, tutto incluso. Caro DiMe, tu per me meriti una stella Michelin. 
DiMe Bistrot. Via Colombara, 42 - Marghera (Ve). Tel: 041923786

A Mestre

Nella tavernetta intima, in semplicità


«Non c'è uomo che non possa bere o mangiare, ma sono in pochi in grado di capire che cosa abbia sapore», sono parole di Confucio che la Taverneta a La Scuea cita per raccontare sé stessa e il suo menu esclusivamente di pesce: antipasti crudi e cotti, primi e secondi, una carta dei vini niente male. Sonia è la mente (e la sommelier), Gabriele le braccia (e lo chef) di questa taverna intima e raffinata, con tavoli all’aperto, arredi essenziali, sedie imbottite e parquet. E queste sono le loro intenzioni: soddisfare i palati senza costrizioni e formalismi, nella totale semplicità. Non a caso hanno scelto come nome “scuea”, ossia la scodella che nelle osterie di una volta si usava per bere il vino Clintón.
Taverneta a la Scuea. Via Filiasi, 91 - Mestre (Ve). Tel: 0415042151 / 3385643648 

Nell’osteria secolare con veranda 


Se un locale cucina pesce dal 1775, qualcosa di pesce ne sa, non credi?! Certo, nel tempo la qualità può migliorare o peggiorare, oppure restare quella delle origini, con ingredienti freschi e ricette della tradizione veneto-veneziana più pura, come nel caso dell’Osteria Cuccagna. Ad esempio, conosci il cassopipa? È un piatto nato nei pescherecci, dove gli ingredienti erano pesci poveri, quelli non destinati al mercato del pesce. L'origine della parola, come spiega la Cuccagna, deriva da “pipare” e da “casseruola”, cioè cucinare lentamente in casseruola. Qui in foto, il cassopipa è preparato con bigoli di grano duro trafilati a bronzo.
Osteria Cuccagna. Via Daniele Manin, 22 - Mestre (Ve). Tel: 041974611

Nell'osteria vecia ma sempre buona


È forse il locale più rustico di questa lista. Non a caso, è un’osteria, con tanto di pentole in rame e arredi storici qua e là. Nei suoi sessant’anni di vita ha sempre mantenuto gli interni e l’ambiente delle antiche osterie veneziane. Vecia Posta è storica nel centro di Mestre. Qui ho assaggiato per la prima volta le ostriche e i tartufi, ma sono più tipa da seppioline grigliate (o fritte) e risotto di pesce, due piatti che la Vecia Posta prepara molto bene e che ordino sempre volentieri, anche nella sua bella e tranquilla piazzetta esterna. 
Osteria Vecia Posta. Piazzetta San Francesco, 1 - Mestre (Ve) - 041962961

A Chirignago-Zelarino

Come nell'Eden 


Ristorante di pesce con annessa osteria e un giardino da far invidia. Al Cason è questo, con le sue pietanze di mare declinate in modalità cicchetti e in modalità menu, tra arredi rustici e paioli appesi al soffitto. Si parte con gli antipasti: crudi, al vapore o alla brace. Si prosegue con i primi, come le linguine all’astice, e con i secondi, che sono necessariamente al forno, dopo aver scelto il pesce dal carrello. La cantina vanta oltre 400 etichette, sia italiane che estere, tra cui meritano una menzione speciale i vini del Triveneto. Sì, qui esce un po' del mio orgoglio patriottico. 
Ristorante Osteria Al Cason. Via Gatta 112A - Mestre (Ve). Tel: 0417797355

Come a Venezia


Mai mangiati uova di seppia e piovra così teneri in nessun ristorante di pesce, a un prezzo ben inferiore rispetto a quello che mi sarei aspettata. Il motto dei Biri 5497 è: «Oggi la va così», e non c’è miglior spirito per affrontare questo periodo. Ai Biri trovi gente semplice, uomini e donne di Venezia in un locale la cui nota distintiva, oltre alla freschezza del pesce del mercato, sono i panni stesi sul soffitto e le pareti dipinte come fossero calli veneziane. È gente semplice, dicevo, tanto che il menu è scritto a mano. Menzione speciale per l’antipasto misto, per la lasagnetta di baccalà e per gli scampi fritti, che non si trovano facilmente nei menu dei ristoranti. 
Ristorante Ai Biri 5497. Via Castellana, 105 - Zelarino (Ve) - 3703182015

A Maerne-Martellago

Nel giardino degli artisti 


Se vuoi farti conquistare dal tuo lui o dalla tua lei, oppure semplicemente vuoi coccolarti con del buon pesce a un prezzo onesto, magari nella veranda con vista su un giardino quasi paradisiaco, Al Bivio degli Artisti è la tua destinazione. Magari alla fine il tuo lui o la tua lei non ti conquistano, ma mi sento di garantire che la degustazione di mare, gli gnocchi di patate con salsa agli scampi (morbidissimi) e pesto rucola, gli spaghetti Chitarra con gambero rosa e pesto di pistacchi, beh, quelli sì che ti conquistano. Sappi che in questo locale si prediligono materie prime biologiche. Ah, pure il vino non delude affatto. 
Al Bivio degli Artisti. Via Ca’ Bembo, 38 - Maerne di Martellago (Ve). Tel: 0413642000

A Favaro-Carpenedo

Dove si cucina alla giornata


Al Leone di San Marco non servono grandi presentazioni, conosciuto com’è, ma non si discrimina nessuno. Io stessa ci ho messo piede per la prima volta soltanto qualche anno fa, dopo averne tanto sentito parlare. Si tratta di un piccolo ristorante, ovviamente di pesce, con un’intima terrazza, dove il menu è costruito perlopiù alla giornata, in base alla disponibilità del mercato. Il pesce crudo, in tutte le sue forme, è uno dei piatti forti del locale, così come gli spaghetti alla bottarga
Al Leone di San Marco. Via Trezzo, 6 - Carpenedo (Ve). Tel: 041534174

Dove anche il menu è in veneziano


Dico solo questo: il menu è in veneziano (tranquillo: c’è anche la versione italiana se hai qualche problema con il dialetto della zona). Alla Pesa, il coperto è “pan e tovaioeo”, gli antipasti “par scomisiar” e i dolci “par finir”, passando per primi e secondi “de pese”, "formaio" e "fruti". È dal 1955 che la famiglia Zambon porta avanti la tradizione culinaria veneziana, con materie prime fresche, comprate al mercato la mattina stessa. Così nascono il bollito misto, gli gnocchi alla marinara, le grigliate, il baccalà in tecia, l’anguilla in umido
Trattoria alla Pesa. Via Altinia, 119 -Favaro Veneto (Ve). Tel: 041630555

A Campalto

Al Passo da 70 anni 


Ci venivo da bambina, anche se non me lo ricordo perché ero molto piccola, e ci venivano i miei genitori prima che io nascessi. Al Passo esiste da ben settant’anni. Nasce come trattoria, ma nel corso del tempo si fa più raffinato. Il menu oggi è molto vasto ed è difficile indicare dei piatti di rilievo, ma punterei sui crudi, sulle cotture alla griglia, sul fritto e sui primi, come indicato anche dalla Guida Michelin 2020. Qui ho assaggiato per la prima volta i ricci di mare durante una cena nella veranda all’aperto, intravedendo il porticciolo al tramonto. 
Trattoria Al Passo. Via Passo Campalto, 118 - Campalto (Ve). Tel: 041900470


Foto di copertina dalla pagina Facebook dell'Osteria Al Cason
Foto interne dalle pagine social del rispettivi locali

  • RISTORANTI E PIATTI TIPICI
  • MANGIARE ALL'APERTO

scritto da:

Giulia Cescon

Ho un superpotere: mi circondo di ritardatari cronici pur essendo sempre in anticipo. Amo il lunedì, non mi piace la birra e mi sveglio sempre dopo il primo squillo di sveglia. La normalità è sopravvalutata.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

​Una voglia incontenibile di uscire. Ed è boom di prenotazioni e recensioni in ristorante

Secondo i dati incoraggianti diffusi da Google e TripAdvisor.

LEGGI.
×