10 piccole trattorie di Firenze se odi mangiare nei casermoni sovraffollati

Pubblicato il: 15 dicembre 2019

10 piccole trattorie di Firenze se odi mangiare nei casermoni sovraffollati

La cucina toscana è rinomata in tutto il mondo e le trattorie tipiche si riempiono di turisti e fiorentini in cerca di bistecca, zuppe e altre specialità locali. Se però cerchi un locale tipico a misura d'uomo, in cui non devi sgomitare per trovare posto o ascoltare i discorsi del vicino, ho steso per te un vademecum che ti consentirà di evitare le trattorie fiorentine affollate di turisti Qui 10 piccoli locali defilati di Firenze in cui la parola d’ordine è la tranquillità.

Quella a Porta al Prato


La tipica cucina toscana accompagnata dai vini regionali: questa è La Carabaccia, piccola e intima trattoria dove lo chef ogni giorno prepara i classici della tradizione locale in cui la carne alla brace (con l’irrinunciabile bistecca alla fiorentina) è protagonista. In un dehor esterno, per pranzi in giornate luminose, puoi gustare zuppe, pasta, insalate, secondi di carne e pesce e pizza. La cantina del ‘700 interna ospita i vini rossi toscani selezionati tra oltre 100 etichette. Con la sua volta a crociera e i pavimenti in cotto, è lo spazio prediletto per una serata speciale a lume di candela.
La Carabaccia, Via Palazzuolo 190 R, Via Il Prato, 36 R, Firenze. 055 214782

Quella nei pressi del Ponte Vecchio


Un piccolo locale nel centro di Firenze a conduzione familiare: la Trattoria Nella si trova tra il Ponte Vecchio e il Duomo. Ottimi i primi di pasta fatta in casa (pappardelle al ragù, pici al tarfufo, lasagne fatte in casa) o le zuppe toscane (ribollita, pappa al pomodoro e zuppa del giorno). Per secondo il menu prevede carne (roast beef, arista, trippa, coniglio, tagliata) proposta anche alla griglia (bistecca, lombatina, petto di pollo). Classici i dessert, dal tiramisù alla panna cotta, dal creme caramel ai cantuccini col vin santo.
Trattoria Nella, Via delle Terme, 19 R, Firenze. 055 218925

Quella in zona Gioberti


Da circa 30 anni, Il Sordo propone specialità di cucina tradizionale toscana rivisitata con creatività in un ambiente informale. Selezionando la materia prima della zona, dall’antipasto al dolce, puoi ordinare i piatti a base di salumi o verdure di stagione, gustare ricette di cucina casereccia tipiche della gastronomia toscana (come zuppe, ribollite, pasta e fagioli) e, ancora, ricette a base di trippa e cervello fritto, il tutto annaffiato da un bicchiere di Chianti. Il servizio è rimasto invariato mentre lo spazio è stato recentemente rinnovato.
Osteria Il Sordo, Via Scipione Ammirato, 24 R, Firenze. 055 679131

Quella zona Santa Maria Novella


Un locale reso speciale dalla proprietaria, la signora Giovanna: una pimpante ottantenne che cucina in modo eccellente i piatti della tradizione toscana. L’atmosfera della Trattoria Armando è unica, di raffinata semplicità, e il servizio, a cura dei figli Alessandra e Daniele, è impeccabile. Il menu cambia a seconda delle stagioni e la carta dei vini privilegia quelli locali, degustabili anche al bicchiere. Tante le foto dei VIP autografate appese alle pareti del locale.
Trattoria Armando, Borgo Ognissanti 40 R, Firenze. 055 217263

Quella a Santa Croce


Il Vivandiere è innanzitutto una cantina vinicola locale, ma propone anche una cucina di assaggini e mezze porzioni realizzati con ingredienti di stagione a km zero. E’ divertente ordinare qualche piatto, freddo e caldo, da condividere tra amici: dai taglieri di salumi e formaggi alle tapas (crocchette, crostini, polpette) da abbinare a un vino bianco fruttato. I vini rossi, invece, si sposano ai ricchi primi (pici al cinghiale, gnudi burro e salvia, ecc.) e ai secondi di carne (tartare, costolette, filetto). Dolci tradizionali o cantuccini e vin santo concludono degnamente il pasto.
Il vivandiere, Via Torta, 6, Firenze. 055 2001222

Quella a San Frediano


In un affascinante angolo dell’Oltrarno fiorentino, il bistrot enoteca Le Barrique offre un menu che rivisita con creatività i piatti della tradizione italiana dagli antipasti ai dessert, dalla carne al pesce. Qualche esempio? Tra gli antipasti, la confettura di patè, la confettura di more e la burrata di Battipaglia con acciughe e pane tostato; tra i primi i pici al ragù di maiale e crema di mele e le lasagnette con scampi, pomodorini e crema di brandy; tra i secondi il filetto di maialino alle mandorle su purè di prugne e il trancio di salmone su crema di peperoni o insalatina.
Le Barrique, via del Leone, 40 R, Firenze. 055 224192

Quella a Borgo Pinti


Il nome ‘carbonata’ indica la bistecca con l’osso di Firenze e infatti alla Carbonata di Antonio Porrati le specialità sono quelle che escono dalla griglia, o meglio da un enorme braciere di 4 metri che ospita fino a 20 bistecche alla fiorentina alla volta, fatto costruire apposta per il ristorante. La carne è al 100% toscana proveniente dal Mugello servita a circa 60 coperti interni con una corte esterna nella bella stagione. Oltre alla bistecca non mancano antipasti, primi di pasta fresca variamente condita e dolci tradizionali fatti in casa.
La Carbonata del Porrati, Borgo Pinti, 95 R, Firenze. 055 2343370

Quella al Galluzzo


Tra le più antiche trattorie di Firenze, con oltre 150 anni di attività tramandata di padre in figlio, la Trattoria Bibe attinge al repertorio della gastronomia tradizionale toscana, descritta da Eugenio Montale nella poesia “Bibe al Ponte dell’Asse”. Nel menu i tipici piatti della cucina locale dalla ribollita alla bistecca con fagioli, primi di pasta fresca ripiena o condita con ricchi sughi, fritti graditi a grandi e piccini e dolci fatti in casa. D’estate si può cenare all’aperto nello splendido giardino della calda e accogliente trattoria.
Trattoria Bibe, Via delle Bagnese, 1 R, Firenze. 055 2049085

Quella a Campo di Marte


All'Insolita Trattoria Tre Soldi niente è come sembra. Lo chef Lorenzo Romano si diverte a mutare forma e colore, abbinamenti e struttura del cibo senza venir meno ai sapori tradizionali da rivivere in una creatività senza schemi. A pranzo l’offerta è quella più convenzionale maturata in 70 anni di attività: dal tonno del Chianti agli straccetti pasticciati, dai testaroli al pesto alla tagliata. A cena via libera alla sperimentazione più azzardata con un menu che rappresenta un’esperienza multi-sensoriale diversa a ogni stagione e sovverte il detto: “Non si gioca con il cibo”.
Insolita Trattoria Tre Soldi, Via Gabriele D'Annunzio, 4 R, Firenze. 055 679366

Quella all’Isolotto


Una coppia appassionata, Matteo e Nicoletta, con esperienza maturata in alcuni famosi ristoranti fiorentini, decide di aprire un proprio locale. Matteo è ai fornelli mentre Nicoletta è in sala dell’Osteria Manì aperta nella Firenze vera, fuori area Unesco, ma comunque sempre piena di turisti (vuoi per la tramvia, vuoi per gli Airbnb). Le ricette sono state scritte a mano dalla nonna e vengono proposte in questa calda osteria contemporanea dal giovane chef Matteo. Sono presenti vere e proprie chicche come la ribollita contadina alla vecchia maniera con la coratella e l’osso di prosciutto. 
Osteria Manì, Via G. B. Foggini, 7, Firenze. 055 9332736

Foto di copertina fornita dalla Trattoria Nella

  • RISTORANTI E PIATTI TIPICI

scritto da:

Laura De Benedetto

La sua comfort zone è il moto perpetuo. Lavora in luoghi dinamici a progetti innovativi con gente sorprendente. Il suo core business? Creare relazioni e sinergie tra le persone. Amava Milano e, adesso, ama Firenze, città natale di suo figlio. Negata in cucina, apprezza chef e locali emergenti.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Vin brulé, brezel e frittelle di mele come non ci fosse un domani: i mercatini di Natale più belli (e famosi) d'Europa

Quello che entusiasma di più dei mercatini di Natale è il cibo, che siate in mood natalizio o di umore nero, poco importa.

LEGGI.
×