Ho trovato le bracerie a Mestre e dintorni che seguono la mia stessa religione: la succulenza della carne

Pubblicato il 7 gennaio 2022

Ho trovato le bracerie a Mestre e dintorni che seguono la mia stessa religione: la succulenza della carne

In cucina la mia unica religione è la succulenza (e la qualità delle materie prime, ma questa la do per scontata) e, per coerenza, frequento esclusivamente locali che, come me, la seguono. Dalle classiche costate, fiorentine e tagliate (dopo ti spiego la differenza, se già non la conosci), dalla chianina all'angus, dai bovini argentini al raro tomahawk australiano, a Mestre e dintorni, ogni luogo ha il proprio cavallo di battaglia. E chi siamo io e te per farceli sfuggire? In questi dieci posti, la qualità si sente fin dal primo boccone. Selezionata la carne, scelta la legna e consumati i ciocchi, il rituale della cottura alla brace ha inizio. Fa parte della religione della succulenza.  

Nella spartana trattoria con il menu a prova di nonna 


Conosco la trattoria Da Marton alla Gatta, vicino Zelarino, perché almeno una volta al mese godo della loro brace a vista, spesso usufruendo del servizio di asporto. Le proposte del menu, scritto anche in veneziano, non sono molte, ma dopotutto le vere trattorie sono così: rifugi accoglienti e caldi (e la brace scalda, scalda eccome, e pure il vino) con una carta breve e porzioni abbondanti. Trovi pollo, salsicce, costine sempre magre e senza nervi, tagliate e costate tremendamente tenere, grigliate miste con tanto di polenta bianca abbrustolita. La verdura cotta, che puoi scegliere come contorno, è così buona che è stata promossa pure da mia nonna, che è tutto un dire. 
Da Marton alla Gatta. Via Scaramuzza, 159 - Marocco (Ve). Tel: 041942049 / 041942137

Nell’osteria con la Toscana nel cuore e tagli rari


Tu la conosci la differenza tra fiorentina e costata? Si ricavano entrambe dalla lombata, ma la parte anteriore, senza filetto, è la costata, mentre la parte posteriore, con filetto e controfiletto, è la fiorentina, con la sua inconfondibile forma a "t". Le tre costate e fiorentine de La Torre provengono da allevamenti selezionati, frollate sapientemente e dry aged. Qui trovi anche la tagliata di pluma iberica e il mitico taglierone: costine, pollo, pluma iberica, roast beef di red krowa (carne marezzata, originaria della Polonia settentrionale, che in parte ricorda il manzo kobe), patate fritte, verdure. Con un buon bicchiere di rosso toscano o una birra artigianale rasenti l’apice del piacere. Sai che da La Torre la grigliata mista è servita con la pannocchietta arrostita e che le patate fritte sono tagliate grosse? 
Osteria Birreria Alla Torre. Via Della Torre, 12/14 - Mestre (Ve). Tel: 3911217949

Nell’osteria dove non si griglia senza prima un buon tagliere 


C’è una regola non scritta nell’Osteria Da Gino: non si mangia la propria costata o tagliata se prima non si è provata l’ebbrezza dello spritz fatto come tradizione comanda alias bello forte e tutt’altro che annacquato, accompagnato da un tagliere di affettati, tra cui prosciutti e salumi ricercati come il pata negra, e formaggi misti. Io ordino sempre anche le patatine fritte a rondelle. Solo dopo questi antipasti, puoi mordere il primo boccone della tua carne alla brace, sia essa al sangue o di cottura media, tanto è tenera in entrambi i casi. La musica di sottofondo ti accompagna durante tutto il pasto. Dopotutto, sei nel cuore della movida mestrina. Magari, tra un bicchiere (o due) e un boccone, conosci nuove persone
Osteria Da Gino. Calle Legrenzi, 39 - Mestre (Ve). Tel: 041983385

L’hostaria, un po’ maialina e un po’ manza, che ha pure gli arrosticini


Le padrone di questa brace sono le carni di maiale (porca) e di manzo (vacca), da cui il nome del locale: Porca Vacca! Si tratta di un’osteria alla mano e casereccia: pochi posti, poche proposte, anche da asporto, ma grigliate bene su una grande e succulenta brace. Grande, perché le porzioni sono abbondanti. Per farti un’idea, la grigliata mista contiene due costine, una salsiccia, una fetta di pancetta, un pezzo di pollo (coscia e fusello), per un totale di 800 grammi di carne, più due belle fette di polenta. Da Porca Vacca! trovi anche gli arrosticini abruzzesi, la costata di manzetta, la pancetta alla toscana, la picanha.
Porca Vacca! Via Roma, 196 - Salzano (Ve). Tel: 041437634

Nell’argentino con la carne dei veri gauchos


C’è forse una terra più ambita dell’Argentina per i famelici carnivori della brace? «Se le temperature si abbassano, noi le alziamo» e quel “noi” si riferisce allo staff di Ca’ Solaro El Gaucho, ristorante argentino che cuoce secondo la tradizione dei gauchos, i “cow-boys” eroici e vagabondi de La Pampa: al palo (il pezzo di carne ruota sulle braci), a la cruz (cottura lenta), a la parrilla (classica griglia). I tagli sono tutti di bovini argentini, allevati su ettari incontaminati per assicurare uno sviluppo uniforme della struttura e della muscolatura. Il risultato è a dir poco succulento. Una cosa devi sapere: qui non troverai mai carne di cavallo, perché in Argentina è considerato animale da compagnia e non si mangia. 
Ca’ Solaro El Gaucho. Via Ca’ Solaro, 70 - Favaro Veneto (Ve). Tel: 0410992899

Nella birreria con la tagliata in 4 varianti


Alla Chiave accanto a ogni piatto di carne alla brace ti viene consigliata la birra più appropriata, tutte con etichetta Birra Dolomiti. Ad esempio, la classica grigliata mista (galletto, costine e salsicce) è servita con la Dolomiti Pils. Il fiore all'occhiello della griglia è la tagliata Breslavia preparata in quattro modi diversi: al rosmarino, all’aceto balsamico con misticanza, di angus con rucola e grana, su letto di misticanza con funghi porcini. Puoi scegliere se accompagnarle con patate fritte o verdure grigliate, a tua scelta. 
La Chiave Birreria Dolomiti. Via Brendole, 94 - Gazzera (Ve). Tel: 041913475

Nella braceria con tre camini e la pancetta di Sauris


Di nome e di fatto, Ca’ della Brace profuma tutto il vicinato di carne cotta alla brace. Per essere precisi, si tratta di tre camini alimentati a legna, che scaldano tagliate e controfiletti di angus argentino, costate e fiorentine di scottona (bovino femmina compreso tra i 18 e i 24 mesi che non ha mai partorito, dalla carne tenera e gustosa), picanha, grigliate classiche (costine, salsiccia, pollo, patatine fritte) e pure argentine. Niente pentole o padelle, niente acqua od olio: solo fuoco e un pezzo di ferro su cui posare la carne. Guai a te se non ordini la pancetta di Sauris croccante in saor o il pata negra maldonado stagionato 36 mesi.
Ca’ della Brace. Via Olmo, 166 - Martellago (Ve). Tel: 0415649036

Dove il maiale è nostrano e il manzo è irlandese 


William ha ben pensato di mettere al servizio del territorio veneziano le sue competenze  di maestro della brace. Così ha aperto Quattro Forchette a Marcon e ha cominciato a grigliare manzo irlandese, da cui ricava fiorentine e costate che taglia e pesa al momento, e angus irlandese, da cui ricava la tagliata. Non solo, nel menu trovi anche maiale nostrano e alcuni tagli internazionali, come il raro e pregiato tomahawk australiano, in foto. 
Quattro Forchette - Piazza IV Novembre, 9 - Marcon (Ve) - 0415998078

Dove sulla brace c’è l’agnello e il pollo in tutte le sals… ah no, le griglie 


Senza sminuire la grigliata mista o la tagliata né tantomeno la braciola di maiale, di cui vado matta, sono felice di potermi sporcare le mani anche con spiedini di pollo accompagnati da verdure grigliate e patate fritte; con un barbecue di pollo dove ci sono anche pancetta, formaggio cheddar fuso, anelli di cipolla e patate fritte; con costolette di agnello alla griglia, una vera prelibatezza. La Griglia è una mia recente scoperta, così come recente è la sua apertura. Confesso di essermi sempre affidata al servizio di consegna a domicilio, ma il ristorante sembra accogliente e tranquillo, quindi ho tutte le intenzioni di prenotare presto un tavolo, anche per testare il loro servizio. 
La Griglia. Piazzale Lazzaro Giovannacci, 7 - Mestre (Ve). Tel: 0414763557


Foto di copertina dalla Pagina Facebook di Ca' della Brace - Carni al Fuoco
Foto interne dalle pagine Facebook dei rispettivi locali

  • BRACERIA
  • RISTORANTE DI CARNE

scritto da:

Giulia Cescon

Ho un superpotere: mi circondo di ritardatari cronici pur essendo sempre in anticipo. Amo il lunedì, non mi piace la birra e mi sveglio sempre dopo il primo squillo di sveglia. La normalità è sopravvalutata.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Le prenotazioni al ristorante crollano. Siamo in un "lockdown di fatto".

Una nuova crisi per il settore della ristorazione. Da ogni parte d'Italia si chiedono a gran voce nuovi ristori

LEGGI.
×