Le trattorie di Firenze: quelle tipiche e quelle rivisitate che non passeranno mai di moda

Pubblicato il: 9 giugno 2020

Le trattorie di Firenze: quelle tipiche e quelle rivisitate che non passeranno mai di moda

Il bello di una città storica è che è piena zeppa di tradizione. Siamo nel ventunesimo secolo e di storia alle spalle ne abbiamo, soprattutto a Firenze, la città dei panorami mozzafiato e dei ristoranti all’aperto con solo il cielo sopra. Ma la tradizione è fatta anche per essere rivissuta, rivisitata e rinnovata. La tradizione, a tavola, nelle trattorie di Firenze, viene spesso sovvertita, tanto che le trattorie sono quasi dei ristoranti. A Firenze le trattorie tipiche e le trattorie rivisitate convivono e danno vita a ricette classiche e inedite insieme, frutto tanto dell’esperienza quanto della creatività degli chef. Vediamo quali sono le trattorie di Firenze centro storico (e non), zona per zona, che ci fanno tuffare nella storia e nella novità.  

In zona Mercato Centrale

Pavimento e bancone in legno, raffinate pareti color pastello e lampadari realizzati artigianalmente. Da Osteria Pepò l’atmosfera sa di casa. Il vino, toscano, viene servito nel fiasco e la cucina, tradizionale, è un omaggio alla Toscana di una volta: coccoli, aringa marinata, ribollita e pappa al pomodoro, trippa e ossobuco sono realizzati con prodotti freschi, per lo più provenienti dal vicino mercato. L’osteria, abituata a essere aperta 365 giorni l’anno, a pranzo e a cena, finalmente il 5 giugno torna a essere un punto di riferimento del centro storico di Firenze. Tante le novità, in primis l’attivazione del servizio d’asporto; poi il menu, scritto sulle tovagliette di carta; e infine un doppio omaggio per chi sceglie Pepò: una mascherina con il logo della trattoria fiorentina e il parcheggio pagato da loro per la permanenza della cena; per andare incontro alle esigenze della clientela e ritornare insieme alla normalità. Ancora work in progress la messa a disposizione di tavoli all’aperto, quindi restiamo sintonizzati in attesa di news.
Per l’asporto, si consiglia la prenotazione telefonica o attraverso un messaggio Whatsapp.
Osteria Pepò, Via Rosina 4-6 – tel: 055283259

In zona Piazza Santa Trinità

La storia nel piatto, da Coco Lezzone, trattoria in pieno centro storico a Firenze, è consuetudine. Il locale, infatti, fa parte degli Esercizi Storici Fiorentini. È aperto fin dal 1800, in origine come bottega, e propone piatti tipici toscani cotti sui fuochi di una cucina economica a legna, come una volta. Tra i must della trattoria ci sono le zuppe toscane e la bistecca alla fiorentina, accompagnati dai vini regionali. Forse è proprio per questo sapore autentico che è una delle mete predilette di personaggi famosi, oltre che per i sorrisi di Gloria e Fabrizio, sempre presenti anche sotto la mascherina. Parlando di mascherine, appunto, al tavolo si trova anche un prospetto con le norme igienico-sanitarie da rispettare; un modo utile per ricordarci che ancora non ne siamo fuori del tutto. L’ambiente è semplice, senza troppi fronzoli, perché ciò che conta è la sostanza e i piatti, preparati con ingredienti di stagione, ne sono la dimostrazione. Manca poco e le farfalle con i piselli lasciano spazio ai porcini.
Coco Lezzone, Via Parioncino 26/r – tel: 055287178

In zona San Lorenzo      

Se si parla di trattorie di Firenze, imperdonabile non citare Trattoria Sergio Gozzi, da ben un secolo all'interno di Palazzo Lotterighi della Stufa, in San Lorenzo, quartiere del mercato vecchio. Come consuetudine delle vere trattorie toscane, offre piatti del giorno che variano sempre secondo stagione: pici alla Carrettiera, braciole fatte in salsa, ossobuco alla Fiorentina sono solo un assaggio. Ad accompagnarli pochi vini ma buoni e, soprattutto, rigorosamente toscani e consoni ai piatti della trattoria. Il gusto della Toscana verace fa gola tanto ai turisti quanto ai fiorentini doc, che scelgono Gozzi per le loro pause pranzo. Riapertura e grandi novità: la trattoria, generalmente aperta solo a pranzo, fa anche servizio serale giovedì, venerdì e sabato. Inoltre si può mangiare sotto le stelle, accomodati sui tavoli all'aperto.
Attivo l’asporto (a pranzo).
Trattoria Sergio Gozzi, Piazza San Lorenzo 8/r – tel: 055281941

In zona Piazza Beccaria

Minimal, spazioso e curato. Sarà per il suo staff in “rosa”, tutto al femminile, ma Osteria Borgo La Croce si dimostra attenta ai dettagli tanto in sala, quanto in cucina. L’osteria moderna guarda alla tradizione con creatività, tipo con le tagliatelle al cacao con ragù di carne. La pasta fresca, infatti, è tra i cavalli di battaglia, basti pensare ai tortelli ripieni di pappa al pomodoro. A pranzo si sta leggeri, con poche proposte gustose, a cena, invece, il menu si allunga, così come la carta dei vini; il Chianti viene utilizzato anche nella carbonara! Poi ci sono la ciccia, i dolci homemade e gli aperitivi accompagnati dai piatti espressi della cucina. Insomma, una trattoria contemporanea che strizza l’occhio alla tradizione per creare dei gioiellini gastronomici. C'è anche la possibilità di accomodarsi ai tavoli all'aperto, a disposizione durante la bella stagione.
Osteria Borgo La Croce, Borgo La Croce 16/r – tel: 0554937325

In zona Sant'Ambrogio

Che un signore di origine giapponese sia uno dei più celebri ristoratori di Firenze sembra una fake news. Ma in realtà è tutto vero. Lui è Toshi, il proprietario di Trattoria Accadì, che con Iyo Iyo, ristorante di sushi prospiciente, forma una coppia bizzarra ma perfetta in zona Sant’Ambrogio. La cucina della trattoria è incentrata sulle specialità fiorentine. Le ricette più tipiche ci sono tutte, iniziando dai crostini e taglieri di affettati e formaggi di pregio. Tra i primi sono particolarmente consigliati gli gnudi e i maltagliati al cavolo nero, entrambi realizzati artigianalmente. Tra i secondi non mancano mai trippa e bistecca alla fiorentina. Per concludere in pieno spirito viola, poi, cantucci e vin santo. Toscana doc anche la carta dei vini, non senza incursioni di altre regioni d’Italia. Aperti a pranzo e a cena dal martedì al sabato (lunedì solo a cena), propongono un menu a prezzo fisso per mezzogiorno, con proposte sempre diverse.
Rimane attivo il servizio d’asporto.
Trattoria Accadì, Borgo Pinti 56/r – tel: 0552478410

In zona Santa Croce

Una trattoria fuori dall’ordinario, eppure in linea con la tradizione, negli arredi e, soprattutto, nei piatti. Trattoria I Fratellini, in zona Santa Croce, infatti, è anche una bottega dove acquistare i prodotti del territorio appena assaggiati secondo la formula taste and shop, in onore dell’originale vocazione del locale. L’atmosfera casereccia, invece, è data dal caminetto a vista e dal girarrosto con legna di faggio e di quercia, ma l’ambiente è moderno seppur realizzato con i materiali dell’artigianato locale. Del territorio sono anche gli ingredienti per realizzare i piatti forte dello chef, come gli gnudi, la trippa fritta, la bistecca e le specialità al girarrosto. I vini provengono da 14 aziende locali. Tutto toscano e tradizionale, ma con lo sguardo proiettato al futuro. Lo dimostra l’apertura di un nuovo locale targato I Fratellini sui colli Casentini.
La trattoria di Firenze ha riaperto i battenti, ma continua comunque con le consegne a domicilio e l’asporto.
Trattoria I Fratellini, Via Ghibellina 27/r – tel: 0552001371

In zona Loggia del Pesce

Osteria storica che parla di storia, quella del calcio fiorentino. Osteria del Calciante, infatti, è un omaggio alla tradizione sportiva della città negli arredi e un omaggio alla cucina tipica toscana nei piatti, alcuni dei quali si rifanno al calcio storico, come i crostoni dei Bianchi di Santo Spirito o il Risotto dei Verdi di San Giovanni, al brodo di lampredotto. Tre le specialità della trattoria, quasi introvabili altrove, ci sono le penne al ragù di gallo del contado fiorentino o il cervello fritto con verdure. Il rapporto qualità-prezzo è davvero ottimo, d’altronde i piatti in menu erano piatti poveri, da operai. Anche i vini sono un inno alla toscanità, come il Rosso di Montalcino o il Nobile di Montepulciano. C'è la possibilità di accomodarsi all'esterno grazie ai tavoli all'aperto, da approfittarne nelle belle giornate.
Osteria del Calciante, Borgo Allegri 68/r – tel: 0552479559

In zona San Pierino

Una moderna trattoria di carne e di pesce nel centro storico di Firenze, che porta a tavola la tradizione fiorentina senza snaturarla: questa è l’essenza di Trattoria San Pierino, che con l’esperienza culinaria dei titolari è riuscita a mettere d’accordo locali e turisti, di passaggio per un pranzo veloce o per farsi una cena come si deve. Antipasti misti, tris di primi, misto di carne o di pesce e dolce a prezzi modici, considerando la location, in pieno centro storico. Bistecca alla fiorentina e costolette di agnello con patate sono tra le specialità di terra; moscardini alla livornese e tagliatelle gamberi e tartufo tra i must della cucina di mare. Il tutto può essere accompagnato dai vini della casa, Chianti classico per la carne o Vermentino per il pesce. Tocchi di raffinatezza da ristorante su tovaglie a quadrettoni da trattoria, per “dimenticare le difficoltà” con la forchetta in mano, la giusta motivazione per ripartire.
Trattoria San Pierino, Via dell’Oriuolo 18/r – tel: 0552001225

In zona Campo di Marte

Storico esercizio di Campo di Marte, Caffè Dogali è sia cucina tradizionale stile trattoria fiorentina, sia cucina smart, l’ideale per i lavoratori della zona. Datato, ma al passo con i tempi. Tutto nuovo, infatti, è il modo di consultare il menu, per il pranzo e street food per la cena, accessibile tramite QR code o tramite link. Una spinta tecnologica in un locale che ha più di cent’anni. Cosa propone il menu serale? Le specialità del Dogali: il tagliere toscano, la tartare di tonno o la battuta di manzo, i coccoli in tre varianti, la chitarra alla carbonara - un must della sua cucina -, altri primi piatti di pesce da leccarsi i baffi e per secondo la rosetta al polpo, con burrata e pesto di pistacchi. Basta, meglio lasciare spazio a un po’ di sana curiosità. Il tutto accompagnato da drink, vini e birre selezionate, da consumare anche ai tavoli all'aperto. Ce n’è per tutti.
Si consiglia la prenotazione.
Caffè Dogali, Viale Malta 5/r – tel: 055679556

In zona Coverciano

Una "trattoria" a conduzione familiare da sempre, antica, quindi, ma insolita - da qui il virgolettato -, perché pervasa da quel pizzico di follia del giovane titolare Lorenzo, così si può definire Insolita Trattoria Tre Soldi. Tradizione e creatività, infatti, formano una coppia vincente. Se a pranzo domina la tradizione, con i tortelli di patata al ragù e la tagliata Tre Soldi, a cena, invece, si mangia prima con gli occhi. Il menu si trasforma e la trattoria rimane tale soltanto nel nome: dall’antipasto alla Magritte, “ceci n’est pas un tomate” - burrata, pane, pomodoro e oliva -, alla guancia di manzo stufata per 40 ore in birra e carote, passando per l’ancestrale - gnocco di patata alla brace, fungo pioppino, crema di formaggio speziato e crumble di pinoli e noce. Una cena che diventa un’esperienza sensoriale, dove buono e bello vanno di pari passo e creano insolite combinazioni di sapori. L'Insolita ha riaperto solo la sera, con possibilità di cenare in giardino.
È attivo, inoltre, il nuovo servizio delivery, il 3soldi@home, dove i piatti sono stati pensati per essere ultimati a casa proprio da noi.
Insolita Trattoria Tre Soldi, Via Gabriele D’Annunzio 4/r-a – tel: 055679366

In zona Isolotto

Giovane ma al tempo stesso ancorata alle tradizioni. Osteria Manì è un’osteria ecclettica, che si trasforma dal pranzo, ideale per una pausa veloce, alla cena, dove lo chef può sbizzarrirsi arricchendo i classici piatti fiorentini con estrose rivisitazioni, come la battuta di manzo al coltello con tuorlo fritto e cuore di burrata o il risotto con i funghi porcini mantecato al burro di Chianti. Autentiche prelibatezze realizzate da Matteo e servite in sala da Nicoletta, i due gestori dell’osteria a Isolotto e da cui l’osteria prende il nome. Un punto di forza del locale sta anche nello spazio esterno, dove mangiare all’aria aperta sotto un ampio ombrellone, l’ideale con questo periodo né caldo né freddo. L’osteria è aperta dal lunedì al sabato, sia a pranzo che a cena.
Osteria Manì, Via Foggini 7 – tel: 0559332736

In zona Quaracchi - Peretola

Quando storia e cucina si incontrano, non può che nascere una trattoria tradizionale fiorentina al 100 %. Questo è Trattoria da Burde, esercizio storico di Firenze nato come negozio di alimentari e che ancora conserva anche questa funzione. La trattoria propone piatti preparati con ingredienti freschi e di stagione e che richiedono lunghe preparazioni, proprio come una volta. Adatti al periodo sono il caciucco di ceci e asparagi, l’insalata di trippa tiepida, l’insalata di bollito o il roastbeef tonnato. Four seasons è la fiorentina, maremmana o di chianina certificata. Una perla rara la farinata, più adatta alla stagione invernale. Il vino, selezionato dal sommelier Andrea Gori, è tanto importante quanto la cucina; ogni piatto, infatti, è sapientemente abbinato. Il Brunello di Montalcino, ad esempio, è perfetto con la bistecca. Con l’arrivo della bella stagione è possibile pranzare anche in giardino.
Attivi i servizi di delivery e asporto.
Trattoria da Burde, Via Pistoiese 154/r – tel: 055317206


Queste le trattorie di Firenze che hanno riaperto, sulla scia del classico e sulla scia della tradizione. Da quelle storiche alle sorprese recenti, che hanno aperto da poco e sono già diventate dei punti di riferimento, per i locali e per i turisti. Ma di trattorie autentiche, con la “T” maiuscola, senza contaminazioni da nouvelle cuisine, in città ce ne sono parecchie. Ecco una lista in questo articolo di qualche tempo fa sulle trattorie tipiche di Firenze, sempre di moda nonostante il tempo che passa.

Le trattorie tipiche del centro fiorentino

La trattoria romantica
Luci soffuse, fiori freschi in tavola, lume di candela: hai mai pensato la cucina toscana più tipica potesse essere anche romantica? In via del Corso, pieno centro fiorentino, eccoti il ristorante il Paiolo dall'atmosfera intima e raccolta, giusta se vuoi organizzare una cenetta a due ma non troppo formale. Aperto ben dal 1980, il locale propone tra le sue specialità la mitica bistecca alla Fiorentina di razza Chianina. Nome consigliato anche agli amanti dei vini: in cantina oltre 500 le bottiglie.

Aperto dal 1949
Con i suoi quasi settant'anni, la Trattora da Ginone non può mancare in questa lista delle autentiche trattorie toscane dove andare a mangiare a Firenze. Aperto dal 1949, il locale in Santo Spirito è a conduzione familiare e il calore si sente tutto. Ad aprire la tua cena non può mancare l'antipasto alla Ginone, un bel tagliere misto tra salumi, verdure e formaggi; sempre consigliati i pluripremiati Pici alla Ginon con guanciale e pecorino e il Peposo alla Fornacina. La chicca: oggi anno, a fine settembre, il locale organizza un fine settimana tutto dedicato ai sapori calabresi.

La chianineria certificata
Se cerchi una trattoria tipica toscana nel centro di Firenze e se sei un amante delle carni non puoi non andare alla Trattoria Dall'Oste Centro Chianineria. Come ben si capisce dal nome, qui la carne è la regina. Chianina e non solo: il questa trattoria di via dei Cerchi puoi trovare anche carni di Kobe, Scottona Manza di Razza Chianina, Romagnola, Marchigiana, Fassona Piemontese, Scottona e molte altre. Trattoria dall'Oste è anche in via Alamanni, a due passi dalla Fortezza da Basso e Santa Maria Novella. I due ristoranti sono affiliati al Consorzio di tutela del Vitellone bianco dell'Appennino Centrale e del C.C.B.I., Consorzio Produttori Carne Bovina Pregiata delle Razze Italiane.

Anche gluteen free
Cucina tradizionale toscana alla portata di tutti, anche a chi è intollerante al glutine: in zona Fortezza da Basso eccoci a La Gratella. Qui l'offerta ruota tutta attorno alla cucina tipica fiorentina con taglieri, ribollita, pappa al pomodoro e primi con paste fresche. Tra i secondi non può mancare la Fiorentina, ovviamente. La particolarità del locale è quella di proporre molte pietanze senza glutine




Queste le trattorie di Firenze buone tanto da creare dipendenza qualche tempo fa. Oggi trattorie e ristoranti fiorentini stanno piano piano riaprendo i battenti, perché mangiare fuori torni a essere normalità e non più un sogno nel cassetto. Le trattorie di Firenze dove mangiare di gusto, che siano tradizionali al 100 % o no, sono un’occasione per riscoprire antichi sapori e scoprirne di nuovi sia per i turisti che per i gli abitanti della città. Un’occasione da cogliere al volo ora che è di nuovo possibile.

Foto di copertina dalla pagina Facebook di Trattoria Accadì
Foto di Trattoria Sergio Gozzi e Trattoria San Pierino courtesy del locale
Foto di Caffè Dogali di Matteo Rovella per 2night
Foto interne di Firenze di Oleksandr Zhabin e Heidi Kaden su Unsplash

  • CENA
  • PRANZO
  • RISTORANTI E PIATTI TIPICI
IN QUESTO ARTICOLO
×