Ma quale brunch? Lunga vita al pranzo della domenica. Dove e come a Milano

Pubblicato il: 13 aprile 2019

Ma quale brunch? Lunga vita al pranzo della domenica. Dove e come a Milano

È una di quelle consuetudini che si rinnovano negli anni. Il pranzo della domenica vuol dire convivialità, un momento da condividere con la famiglia, tra la pasta al forno della nonna, alla scoperta di sapori sfiziosi, che fanno sentire a casa. La domenica in famiglia è anche un giorno di festa, da celebrare con il buon cibo, quello genuino, da gustare tra risate e il profumo dei piatti. Tutto bellissimo e molto domestico, ma il chi lo dice che il pranzo della domenica si debba per forza celebrare a casa? Nessuna fatica per cucinare e lavare i tegami, a Milano ecco i ristoranti dove prenotare un pranzo della domenica che rispetta la tradizione, così ti puoi godere solo il cibo e la famiglia, senza pensare ad altro. Alla faccia della moda del brunch!

Cucina sincera come a casa

Note di Cucina è un ristorante che richiama il calore di casa, con arredi interni che ricordano quelli di una vecchia trattoria, fra legno scuro e tovaglie bianche. È un po’ nascosto, all’interno di una vecchia corte industriale milanese, in viale Monza. La musica fa da sottofondo alla cucina che si apprezza ancora di più nella splendida terrazza da sfruttare con la bella stagione. La carta esalta la tradizione italiana: “Propongo solo quello che farei mangiare a chi amo”, rassicura Massimo, il titolare. Gnocco fritto, pappardelle o paccheri: la pasta è fatta in casa. I piatti fanno tornare indietro nel tempo, alle domenica in famiglia. E per rendertene conto basta prenotare un pranzo nel giorno più tranquillo della settimana.

Semplicità fa rima con qualità

Se l’idea è quella di mangiare dell’ottima carne, allora il ristorante per il pranzo in famiglia della domenica è da Macellaio RC. La carne è esclusivamente fassona piemontese macellata sopra i 4 anni e frollata dalle 7 alle 9 settimane. Il “metodo Costa”, è quello messo a punto dal proprietario, Roberto Costa, che già gestisce altri ristornati nel Regno Unito: all’interno della cella frigorifera viene spaccata la proteina E e così la carne non solo diventa più scura ma anche più tenera. La carta predilige la qualità che qui fa rima con semplicità: non più di tre ingredienti nel piatto per celebrare il gusto senza compromessi. Cosa ordinare la domenica a pranzo? Battuta a coltello di carne cruda, condita con olio extra vergine d’oliva e sale.

Come a pranzo dalla nonna

Andare alla Trattoria 18/28, siamo in via Muratori, di fianco alla Cascina Cuccagna, è un po’ come far visita alla nonna per pranzo la domenica. Sincerità nel servizio e ricette di casa, in un ambiente che richiama lo stile industrial newyorchese, con un tocco vintage molto italiano. Il nome rimanda ai prezzi del menù che vanno, appunto, dai 18 ai 28 euro. Nessuna sorpresa al momento del conto.

A pranzo tra i grattacieli di Porta Nuova

In primavera ci sono anche dei posti fuori, in mezzo al giardino. Ti siedi e vedi il Bosco Verticale. Ratanà è in via De Castilla, in Porta Nuova, in una palazzina liberty che rivendica il suo stile in mezzo ai grattacieli. Materie prime di livello, nel menù specialità della tradizione, impreziosite con un pizzico di creatività: risotto alla milanese d’accordo ma anche agnello al punto rosa o robiola erbe e fiori.

A pranzo in bicicletta

Cosa c’è di meglio di un giro con la famiglia in bicicletta, per un pranzo della domenica nell’orto con cucina. Erba Brusca è al confine tra la città e la campagna, in fondo all’Alzaia Naviglio Pavese, dove le erbe che si usano in cucina sono quelle che crescono fuori. E dopo aver finito di mangiare se c'è il sole si può fare una bella pedalata, di fianco al Naviglio, fino a Gaggiano.

Foto di copertina di Note di Cucina Milano

Ti piacciono questi articoli? Iscriviti gratis alla newsletter di 2night

  • USCIRE CON I BAMBINI

scritto da:

Fabrizio Arnhold

Il trucco per un buon aperitivo o una cena perfetta? Scegliere il posto giusto. Vi racconterò i miei locali preferiti, ma sempre con spirito critico, senza mai dimenticare che a Milano c’è tutto quello di cui si ha bisogno. Basta saper scegliere.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

10 malghe e rifugi gourmet: mangiare bene, e tanto, in alta quota

Quando scatta quella pazza voglia di raclette, yogurt di malga con i frutti di bosco e vinello dolce.

LEGGI.
×