I 10 migliori cicchetti di Venezia

Pubblicato il: 16 novembre 2018

I 10 migliori cicchetti di Venezia

Come dice sempre un mio amico: "la vita è troppo breve per essere timidi davanti la cichetada". Difficile dargli torto, anche perchè  rinunciare ad assaggiare un po' di tutto è praticamente impossibile. Io l'ho scoperto qualche anno fa, al mio primo bacaro tour: cicchetti sono sacri, che sia spritz, birra o 'na ombra de vin, è vietato finire il bicchiere a stomaco vuoto.

Andar per Bacari, si sa, è il primo comandamento di ogni veneziano. Che tu sia del posto o no, in questi casi è fondamentale scegliere i posti giusti, te ne consiglio alcuni dove puoi trovare i cicchetti più buoni e diversi.

1. Quello di pesce fritto


Tra le più antiche osterie veneziane, a due passi dal Rialto, alla Cantina do Spade trovi tutto ciò che serve per un aperitivo degno di questo nome: come sarde in saor, mozzarelle in carrozza, polpettine fritte e seppioline. Ma la vera bontà qui è lo stecco, uno spiedo di calamari fritti, da accompagnare al prosecchino.

2. Il classico veneziano


Al Paradiso Perduto la vetrina dei cicchetti è a dir poco superlativa, quando vado a Venezia è tappa praticamente obbligatoria. Come fanno qui le sarde fritte non le fa nessuno. L'ambiente è un po' rustico, mi è capitato anche di essere nello stesso tavolo con sconosciuti che a fine serata diventano amici. Spesso c'è musica dal vivo. 

3. Quello che mette tutti d'accordo


Devo ancora trovare una persona a cui non piacciano i tramezzini. Alla Toletta si dice facciano i migliori di Venezia ed effettivamente sono una favola, super imbottiti e sempre freschi. Se sei indeciso prendi quello con cotto, olive e lattuga, ma siccome creano dipendenza ci torni sicuro per provare tutti gli altri.

4. L'universitario


Al bacaretto Da Lele mi ci ha portato la prima volta una mia amica universitaria, e sono rimasta sorpresa dai prezzi bassi e dalla qualità dei paninetti, piccoli panini con farciture varie, dalla soppressa semplice, alla porchetta, senape e patè di olive. 

5. Quello del paninetto


Se sei amante dei panini devi provare anche Al Mercà. Il locale è piccolissimo, infatti l'ho scoperto poco tempo fa quasi per caso, ma lo spritz è ottimo e i panini strepitosi. Io mi sono innamorata di quello con crudo e robiola, ma è buonissimo anche quello con baccalà mantecato.

6. Quello che si fa attendere


Per le polpette della Vedova non c'è niente da fare: una tira l'altra. Il posto è rinomato, spesso c'è coda al bancone, quindi armati di pazienza perché ne vale davvero la pena. Un consiglio, fai scorta al primo giro perché di sicuro due polpette saranno troppo poche.

7. Lo sfizioso


L'H2No di San Polo nasce dal desiderio di Davide e Mariangela di far coesistere tradizione e innovazione. In questa osteria infatti potrete gustare cicchetit con ingredienti di stagione (in inverno potrete gustare addirittura trippa, muretto e fagioli), 5/6 tipi diversi di baccalà, carpacci di pesce e salumi naturali (da provare il prosciutto crudo 24 mesi da maiali allevati all’aperto.

8. L'essenziale


Se ti piacciono le cose semplici, devi per forza passare da Al Timon. Qui i crostini sono favolosi: semplici fettine con ricotta, pomodoro affumicato, baccalà, perfino frutti di bosco. Se dentro c'è troppa agente, come alternativa, puoi bere il tuo spritz su una delle due barche ormeggiate proprio di fronte all'entrata.

9. Quello per fare conoscenza


Anche all'Osteria Cantinone sono i crostini a farla da padrone,  io ci vengo per l'aperitivo, c'è sempre tanta gente e ti ritrovi a parlare con tutti mentre mangi al bancone. Se non sai scegliere, ti consiglio il crostino tonno e porro, vai sul sicuro.

10. L'arte del crostino 2.0

Nato da solo un anno, Arcicchetti ha scalato le classifiche della cicchettata veneziana da veneziani con i suoi infiniti taglieri di crostini tutti i gusti più uno, preparati sempre freschi e che vanno via come il pane, dato che sono a 1 euro l'uno. Il contesto, in Campo dei Tolentini, è quello dell bacaretto veneziano tipico, piccolissimo, e con la gente fuori a sorseggiare ombre e a condividere piattini di crostini. Una rivelazione.

Foto di copertina:  pagina facebook di H2no
Per restare sempre aggiornato, iscriviti alla newsletter

  • APERITIVI MEMORABILI
  • EAT&DRINK

scritto da:

Marica Granziol

Ottimista, determinata, da sempre innamorata delle parole e della scrittura. Pochi ingredienti base: un sorriso per cominciare bene, un buon libro per connettere il cervello e la musica. La musica nei locali, in città o nelle strade. L’ importante è che ci sia colore, movimento e novità.

IN QUESTO ARTICOLO
  • Cantina Do Spade

    Sestiere San Polo 860, Venezia (VE)

  • Bacarando In Corte Dell'Orso

    San Marco 5495, Venezia (VE)

  • Al Timon

    Sestiere Cannaregio 2754, Venezia (VE)

  • H2 NO

    San Polo 30125, Venezia (VE)

  • ArCicchetti Bakaro

    Fondamenta Dei Tolentini 30135, Venezia (VE)

  • Bacareto Da Lele

    Fondamenta Tolentini 30135, Venezia (VE)

  • Bar alla Toletta

    Dorsoduro 1191, Venezia (VE)

  • Al Paradiso Perduto

    Sestiere Cannaregio 2540, Venezia (VE)

  • Ca' d' oro - Alla Vedova

    Calle Ferarù 3912, Venezia (VE)

  • Cantinone Già Schiavi

    Sestiere Dorsoduro 992, Venezia (VE)

  • Al Mercà

    Sestiere San Polo 213, Venezia (VE)

POTREBBE INTERESSARTI:

​I grandi chef italiani e i loro piatti distintivi. Ovvero, quelli che non possono togliere dal menu e che tu devi provare almeno una volta

Il risotto alla zafferano di Gualtiero Marchesi lo conoscono anche in Perù, ma c'è molto altro da provare.

LEGGI.
×